Oscar 2020, l'Italia candida Il Traditore di Marco Bellocchio

Parte la corsa italiana agli Oscar 2020 con Il Traditore di Marco Bellocchio.

La Commissione di selezione per il film italiano da designare all’Oscar istituita dall’ANICA lo scorso giugno, su incarico dell’ “Academy of Motion Picture Arts and Sciences”, ha votato “Il Traditore” di Marco Bellocchio quale film che rappresenterà l’Italia alla 92ma edizione degli Academy Awards nella categoria “International Feature Film Award”.

A votare, sotto l'occhio vigile del notaio, Roberto Andò, Laura Bispuri, Stefano Della Casa, Daniel Frigo, Gianni Quaranta, Mario Turetta, Alessandro Usai, Anne-Sophie Vanhollebeke e Alessandra Vitali. L’annuncio delle nomination è previsto per il 13 gennaio 2020, mentre la cerimonia di consegna degli Oscar si terrà a Los Angeles domenica 9 febbraio 2020.

Il Traditore ha sconfitto in volata “Martin Eden” di Pietro Marcello, premiato a Venezia grazie a Luca Marinelli e fresco di premio anche a Toronto; “La paranza dei bambini” di Claudio Giovannesi, Orso d'argento per la migliore sceneggiatura a Berlino; “Il primo re” di Matteo Rovere, vincitore di 3 Nastri d'Argento; e “Il vizio della speranza” di Edoardo De Angelis, un anno fa presentato proprio a Toronto. Già nel 1068 e nel 1981 Bellocchio venne scelto per rappresentare l'Italia agli Oscar, con La Cina è Vicina e Salto nel vuoto. Presentato in concorso alla 72ª edizione del Festival di Cannes, Il Traditore ha vinto 7 Nastri d'Argento e 2 Globi d'Oro.

Agguerrita la concorrenza, capitanata da Dolor y gloria di Pedro Almodóvar e Parasite di Bong Joon-ho, già Palma d'Oro. L'ultimo film italiano a trionfare agli Oscar è stato La grande bellezza di Paolo Sorrentino, nel 2014. Da allora, l'Italia non è più rientrata tra i 5 nominati finali. L'ultimo a 'fallire', lo scorso anno, fu Dogman di Matteo Garrone.


  • shares
  • Mail