Rust: l’intervista di Alec Baldwin sulla tragedia e il tributo su Instagram alla moglie Hilaria

Alec Baldwin parla per la prima volta della tragedia avvenuta sul set del film Rust e ringrazia la moglie per il supporto in un momento di grande dolore.

Alec Baldwin ha rilasciato un’intervista esclusiva “Alec Baldwin Unscripted”, andata in onda come evento speciale di un’ora in prima serata su ABC e in streaming su Hulu. Nello speciale di due ore vengono approfonditi gli eventi precedenti alla sparatoria mortale sul set del western Rust e le indagini in sospeso su ciò che è andato storto, e presenta l’intervista a Baldwin e nuove interviste.

Il cast e la troupe di “Rust” stavano lavorando contro il tempo, ha detto Baldwin. Il budget di circa 7 milioni di dollari permetteva solo 21 giorni di riprese presso il famoso Bonanza Ranch a Santa Fe in Nuovo Messico. I produttori del film erano entusiasti di avere a bordo la 41enne Hutchins,  madre e stella nascente nel settore. Baldwin e Hutchins non avevano mai lavorato insieme prima.

“Mi è piaciuto lavorare con questa donna”, ha detto. “Era una gioia. Tutti l’amavano come persona. E tutti ammiravano il suo talento”.

Durante l’incidente Baldwin stava impugnando un antico revolver Colt 45 durante una prova di marcatura per il film, quando la pistola di scena ha sparato un proiettile, uccidendo il direttore della fotografia Halyna Hutchins e ferendo il regista Joel Souza.

“Qualcuno ha messo un vero proiettile in una pistola, un proiettile che non doveva nemmeno essere nella proprietà”, ha detto Baldwin. “Qualcuno è responsabile di quello che è successo, e non posso dire chi sia, ma so che non sono io”. Baldwin ha anche discusso delle critiche, del contenzioso e delle indagini che circondano l’incidente.

Pistola in mano, Baldwin ha detto che lui e Hutchins hanno iniziato a pianificare la scena e l’anogolazione delle inquadrature. “Stavamo facendo una prova di marcatura e [Hutchins] mi dice: ‘Tieni la pistola più bassa. Vai alla tua destra. Ok, proprio lì. Va bene, fallo. Ora mostrala un po’ più in basso.’ E lei mi fa posizionare la pistola…Mi sta guidando nel modo in cui vuole che tenga la pistola per questa angolazione…Stavo tenendo la pistola dove mi aveva detto di tenerla, che ha finito per essere puntata proprio sotto l’ascella. Preparo la pistola. Dico, ‘La vedi? Puoi vederla ? Riesci a vederla?'”, ha continuato Baldwin. “E poi ho tirato il cane della pistola, e la pistola ha sparato. Lascio andare il cane della pistola, la pistola spara ancora…”Non ho premuto il grilletto…No, no, no, no, no…Non punterei mai una pistola contro nessuno e premerei il grilletto. [Hutchins] va giù. Ho pensato tra me e me: ‘È svenuta?’…L’idea che ci fosse un proiettile vero in quella pistola non mi è venuta in mente fino a probabilmente da 45 minuti a un’ora dopo.”

“Non so cosa sia successo su quel set. Non so come sia arrivato quel proiettile in quella pistola. Non lo so”, ha continuato Baldwin. “Ma sono favorevole a tutto ciò che ci porterà in un luogo in cui è meno probabile che succeda di nuovo”. Le indagini sulla tragica sparatoria ha visto Baldwin coinvolto non solo come colui che ha premuto il grilletto, ma anche perché era uno dei produttori del film. Per quanto riguarda l’accidentalità della tragedia, qualcuno non è d’accordo, un membro della troupe di Rust ha deciso di fare causa a Baldwin sostenendo che Baldwin ha premuto il grilletto della pistola, anche se la scena non lo richiedeva. Dopo la tragedia Baldwin ha cercato di rimanere lontano dai riflettori e vicino alla sua famiglia e per ringraziare la vicinanza e il supporto ricevuto dalla moglie Hilaria ha scritto sul suo account Instagram un toccante tributo alla sua compagna di vita.

Non importa cosa mi succede.
Non importa quello che soffro.
Se vinco o perdo, qualsiasi cosa. Nulla.
Nessuno può togliermi la gioia e l’amore che mi hai dato, @hilariabaldwin
Questi sono tempi duri. Il mondo è soffocato dai fumi dell’odio.
Ma mi hai dato una ragione per vivere.
La nostra vita con la nostra famiglia è tutto ciò che mi interessa.
Nient’altro.
Lo devo a te.

Fonte: ABC News