American Psycho: il film cult con Christian Bale diventa un gioco da tavolo

Il controverso e disturbante film cult “American Psycho” con protagonista Christian Bale diventa un gioco da tavolo da Renegade Game Studio.

Il 14 aprile del 2000 usciva nei cinema americani American Psycho, il film horror di culto diretto da Mary Harron, che ha scritto la sceneggiatura insieme a Guinevere Turner. Basato sull’omonimo romanzo di Bret Easton Ellis del 1991, “American Psycho” vede Christian Bale nei panni di Patrick Bateman, un banchiere di investimento di New York City che conduce una doppia vita come serial killer. Willem Dafoe, Jared Leto, Josh Lucas, Chloë Sevigny, Samantha Mathis, Cara Seymour, Justin Theroux e Reese Witherspoon completano il cast. Il film che fonde horror e commedia nera è una feroce satira sulla cultura e il consumismo yuppie degli anni ’80 rappresentato dal personaggio di Bateman.

Il gioco da tavolo

Renegade Game Studios ha annunciato lo sviluppo di un gioco da tavolo basato su “American Psycho”. Il gioco si chiamerà American Psycho: A Killer Game ed è descritto come un “gioco di trucchi e astuzia” in cui i giocatori determinano chi possiede le cose migliori.

In questo gioco, una gara al rialzo in stile yuppie, confronterai i tuoi risultati mentre cerchi di ottenere le risorse più preziose, garantire le prenotazioni nei ristoranti più alla moda, mantenere il tuo aspetto personale e avere un biglietto da visita migliore dei tuoi odiati colleghi. Il tutto mentre cerchi di tenere sotto controllo la tua rabbia psicotica e quel numero di corpi in aumento. Dopotutto, a volte andare avanti in questo mondo può essere un vero omicidio! Le scene del film determinano il flusso di ogni turno e i giocatori otterranno carte omicidio per influire sul loro punteggio (o vincere, se sono degli psicopatici!). Il gioco disponibile da ottobre può essere acquistato in pre-ordine al costo di 30$ sul sito di Renegade Game Studios.

Caratteristiche:

– Un gioco di trucchi e astuzia ispirato al film classico di culto.
– Gioca a carte con i tuoi colleghi per determinare chi possiede le cose migliori.
– Le scene del film determinano il flusso di ogni svolta.
– I giocatori guadagneranno carte omicidio per modificare il loro punteggio (o vincere, se sono degli psicopatici!)

Contiene:

60 carte seme
12 Carte Speciali
16 carte scena
29 carte omicidio
1 tabellone di gioco
10 gettoni di gioco
5 carte di riferimento

Panoramica:

Numero di giocatori: 2-5
Età: 14+
Tempo di gioco: 45-60 minuti

10 curiosità su American Psycho

1. Alla ricerca di un modo per creare il personaggio di Patrick Bateman, Christian Bale si è imbattuto in un’apparizione di Tom Cruise al Late Show con David Letterman. Secondo la co-sceneggiatrice e regista Mary Harron, Bale ha visto in Cruise “questa cordialità molto intensa senza niente dietro gli occhi”, e successivamente Bale ha basato il personaggio di Bateman su quella sensazione. È interessante notare che Tom Cruise è effettivamente presente nel romanzo. Vive nello stesso complesso di appartamenti di Bateman, che lo incontra in un ascensore e sbaglia il titolo del film Cocktail (1988), definendolo “Bartender”.

2. Il film ha avuto vari problemi con le etichette dei designer durante la produzione. Cerruti ha accettato di permettere a Christian Bale di indossare i loro vestiti, ma non quando il personaggio stava uccidendo qualcuno. Rolex ha convenuto che chiunque nel film poteva indossare i loro orologi tranne Bateman (quindi la famosa frase del libro “Non toccare il Rolex” è stata cambiata in “Non toccare l’orologio”). Perry Ellis ha fornito biancheria intima all’ultimo minuto dopo che Calvin Klein si è ritirato dal progetto. Comme des Garçons ha rifiutato di consentire a una delle loro borse da notte di essere utilizzata per trasportare un cadavere, quindi è stato utilizzato Jean Paul Gaultier.

3. Christian Bale è stato avvertito da molti che sarebbe stato un suicidio professionale per lui interpretare il ruolo principale in un film di questo genere. Questo lo ha solo reso più desideroso di accettare la parte, ispirato da Nicolas Cage in Stress da vampiro (1989). Fortunatamente per lui, si è rivelato vero il contrario. Il ruolo di Bale nel film è stato considerato una performance rivoluzionaria e gli ha permesso di spostare la sua carriera dai ruoli secondari allo status di protagonista nei decenni a venire. Questo è finalmente culminato in ruoli nei franchise di Batman e Terminator, ampi consensi dalla critica e diverse nomination a premi cinematografici, inclusa una vittoria agli Oscar.

4. Durante la sua memorabile scena con la motosega, Christian Bale passeggiava felicemente (letteralmente) tra una ripresa e l’altra indossando nient’altro che un calzino sul pene e delle scarpe da tennis. inoltre la regista Mary Harron ha raccontato che durante la prima scena della doccia con Patrick Bateman, tutte le donne sul set si sono radunate per vedere Christian Bale lavarsi.

5. Mentre il romanzo “American Psycho” è ambientato nel 1989, l’adattamento cinematografico è ambientato nel 1987. Ciò è dimostrato dalla scena in cui Patrick sta leggendo brevemente la celebre guida sui ristoranti Zagat’s Survey datata appunto 1987. Inoltre, il discorso televisivo del presidente Ronald Reagan, come mostrato nella finale scena del film, avvenuto anch’esso nel 1987 (mentre Reagan aveva già lasciato la Casa Bianca quando hanno avuto luogo gli eventi del romanzo originale).

6. Quando Leonardo DiCaprio era ancora coinvolto nel progetto, l’attivista femminista Gloria Steinem gli fece pressioni affinché non recitasse nel film, poiché la sua base di fan era composta principalmente da giovani ragazze adolescenti e poteva rovinare la sua carriera. Steinem aveva parlato più volte del romanzo ed era contraria alla versione cinematografica in qualsiasi incarnazione. Il suo coinvolgimento è reso particolarmente interessante nella misura in cui sarebbe presto diventata la matrigna di Christian Bale (poiché Steinem e il padre di Bale stavano uscendo insieme nel momento in cui Bale ha accettato la parte). Bale in seguito ha respinto le voci secondo cui avrebbe specificamente accettato il ruolo per infastidire Steinem come un pettegolezzo infondato. Leonardo DiCaprio chiedeva 21 milioni di dollari per interpretare il ruolo principale, il che avrebbe fatto lievitare budget del film fino 40 milioni di dollari. Quando si è licenziato e Christian Bale ha ripreso il ruolo, il budget è tornato alla cifra più ragionbevole di 7 milioni di dollari. Con un incasso al botteghino di oltre 34 milioni di dollari, il film si è rivelato un successo.

7. Quando la Lionsgate ha acquisito i diritti per il film, la regista Mary Harron aveva considerato vari attori per il ruolo di Patrick Bateman, tra cui Billy Crudup (a cui è stata offerta la parte ma ha rifiutato), Ben Chaplin, Robert Sean Leonard, Johnathon Schaech, Jonny Lee Miller e Jared Leto. Alla fine, Harron ha offerto la parte a Christian Bale, che ha accettato. I produttori hanno cercato di convincere Harron a scegliere Edward Norton, ma lei ha rifiutato e alla fine le è stato permesso di scegliere Bale, ma solo a condizione che avesse scelto almeno altri due attori famosi per ruoli secondari. A tal fine, Harron ha assunto Willem Dafoe per interpretare Kimball e Reese Witherspoon per interpretare Evelyn. Tuttavia, dopo che Dafoe e Witherspoon avevano accettato di apparire nel film, Lionsgate ha detto ad Harron che avrebbero fatto un’offerta a Leonardo DiCaprio per interpretare Bateman. Harron ha detto loro che se l’avessero fatto, avrebbe lasciato il progetto, che è esattamente quello che è successo. Oliver Stone è stato successivamente assunto per sostituire Harron, lavorando su una sceneggiatura di Matt Markwalder. Stone avrebbe dovuto scegliere James Woods come Kimball, Cameron Diaz come Evelyn, Elizabeth Berkley come Courtney e Chloë Sevigny come Jean. Stone ha anche deciso di mantenere Leto nel progetto come Paul Allen. Tuttavia, DiCaprio ha lasciato il progetto per girare The Beach, e quando il budget è andato fuori controllo, anche Stone si è tirato fuori, spingendo la Lionsgate a riassumere Harron, che è tornata alle sue decisioni originali sul casting, e ha deciso di mantenere Sevigny nel progetto.

8. Christian Bale ha insistito per ottenere l’approvazione dello scrittore Bret Easton Ellis per la sua interpretazione prima delle riprese e ha organizzato un incontro. Bale si è presentato all’incontro vestito e curato come Bateman, presentandosi persino come “Patrick Bateman”. Dopo 10 minuti Easton Ellis pregò Bale di fermarsi, perché gli tremavano le mani e non ce la faceva più. Easton Ellis ha detto che quello con Bale è stato il momento più inquietante della sua vita.

9. Nella serie tv Dexter, Dexter Morgan (Michael C. Hall) usa il nome di Patrick Bateman come alias per ottenere l’M-99, un tranquillante utilizzato dai veterinari, con cui rendere inoffesive le sue vittime. Entrambi i personaggi condividono in particolare alcune somiglianze in termini di serial killer che conducono una doppia vita.

10. All’inizio degli anni ’90, Bret Easton Ellis ha scritto una sceneggiatura per David Cronenberg, con Brad Pitt assegnato al ruolo principale. Secondo quanto riferito da Ellis, Cronenberg odiava le scene dei ristoranti e dei locali notturni e non voleva girare le violenze. Quando Ellis fondamentalmente ha ignorato queste richieste, un deluso Cronenberg ha assunto un suo scrittore e quando nemmeno questo ha funzionato, ha abbandonato il progetto.

Fonte: ComicBook

Ultime notizie su Gadget

Tutto su Gadget →