Distorted su Sky Cinema Uno e Now dal 17 aprile

Paranoia, teoria del complotto e messaggi subliminali nel thriller con Christina Ricci e John Cusack su Sky Cinema Uno e Now dal 17 aprile.

Distorted – Niente è come sembra, dal 17 aprile su Cinema Uno e Now il thriller canadese del 2018 con protagonisti Christina Ricci e John Cusack diretti da Rob King che ha recentemente diretto Nicolas Cage nel thriller distopico 2030 – Fuga per il futuro.

Russell Curran (Brendan Fletcher delle serie tv “Siren”) è un uomo d’affari di successo che sta cercando di superare un trauma che lui e sua moglie Lauren (Christina Ricci de “Il mistero di Sleepy Hollow”), affetta da disturbo bipolare, hanno subito e che è costato la vita al loro bambino. In cura da una psichiatra e afflitta da allucinazioni visive e uditive, Lauren accetta di trasferirsi con il marito in un lussuoso condominio sito all’interno di un edificio munito di tecnologia di ultima generazione e con un sistema di sicurezza all’avanguardia, ma i sintomi di Lauren come paranoia e ansia sembrano acuirsi dopo il trasferimento nel nuovo appartamento. Lauren consapevole del suo disturbo però non crede che ciò che gli sta accadendo, come strani suoni che percepisce nella casa e immagini subliminali che vede sul suo televisore, siano frutto di allucinazioni, così entra in contatto con Vernon Sarsfield (John Cusack di “Cell”), un hacker e giornalista che spiega a Lauren che lei e gli altri residenti dell’edificio potrebbero venire usati come cavie per un qualche oscuro esperimento per il controllo della mente. A questo punto Lauren si trova ad un bivio: ignorare ciò che vede e che sente per affidarsi a psicofarmaci e terapia oppure fidarsi del suo istinto e indagare per scoprire se nelle teorie complottiste di Vernon ci sia un qualche fondo di verità.

Il cast del film è completato da Vicellous Shannon, Nicole Anthony, Oliver Rice, Gigi Jackman, Benjamin DeWalt, Maja Milkovich, Scott Olynek, Angela Quinn, Sophia Daly, Barry Nerling, Robert Fraser, Julia Maxwell, Matt Brown e Tracey Hway.

[Per visionare uno speciale trailer VR clicca sull’immagine in alto]

“Distorted” è un thriller psicologico a lenta carburazione che darà soddisfazione agli spettatori più pazienti. Lo sceneggiatore Arne Olsen, i cui crediti includono il crime-thriller con loop temporale Repeaters – Ogni giorno, mette in scena un mix di elementi che hanno fatto la fortuna di titoli come Allucinazione perversa, The Manchurian Candidate, l’Unsane di Steven Soderbergh e per i patiti delle serie tv  l’inquietante episodio “Messaggi occulti” della terza stagione di X-Files. “Distorted” nel suo giocare con una suspense in divenire rievoca una certa eleganza diventata quasi desueta per i thriller di ultima generazione che purtroppo puntano troppo spesso su violenza e tensione a buon mercato. Il regista Rob King cura molto la parte visiva, una speciale unità di regia è stata creata per occuparsi esclusivamente dei video con i messaggi subliminali, per quanto riguarda la recitazione un’intensa ed efficace Christina Ricci ruba la scena al resto del cast, John Cusack incluso, un volto molto amato che agli spettatori siamo certi farà piacere ritrovare anche in piccoli ruoli di supporto come quello che interpreta in questo film. “Distorted” è un film che va fruito rispettandone i ritmi, così da godersi appieno un intrigante mix di suggestioni che pescano dal passato, si dipanano nel presente e ammiccano ad un futuro prossimo oltremodo inquietante.

Concludiamo segnalandovi cinque curiosità sul film:

  • Il film era originariamente intitolato “Distortion”.
  • Arne Olsen, lo sceneggiatore del film, ha scritto anche la commedia Un piedipiatti e mezzo (1993) con Burt Reynolds, l’action Missione senza nome – Red scorpion 2 (1994), il lungometraggio Power Rangers – Il film (1995) e il film animato Le nuove avventure di Charlie (1996).
  • Alla fine del film si può leggere su una lapide l’acronimo “TTIOT” che sta per “The Truth Is Out There / La verità è là fuori” iconico slogan della serie tv X-Files.
  • La suggestiva scena finale è girata in un vero hotel / azienda vinicola abbandonato scovato dal location manager.
  • Le musiche originali del film sono del compositore Todd Bryanton (2030 – Fuga per il futuro, I bambini di Cold Rock, Stranded, La casa delle bambole – Ghostland).

 

Ultime notizie su now

Tutto su now →