Marlowe: trailer e anticipazioni del thriller poliziesco noir di Neil Jordan con protagonista Liam Neeson

Tutto quello che c’è da sapere su “Marlowe”, il thriller noir di Neil Jordan con protagonsita Liam Neeson che riporta sullo schermo l’iconico detective privato creato dallo scrittore Raymond Chandler.

Dal 15 febbraio 2023 nei cinema americani con Open Roads Filns Marlowe, thriller poliziesco noir ambientato alla fine degli anni ’30 a Los Angeles. La classica trama noir segue un detective interpretato da Liam Neeson che viene assunto per un caso di scomparsa che diventerà più complicato del previsto. Alla regia il Neil Jordan de La moglie del soldato e Intervista col vampiro.

Marlowe – Trama e cast

La trama ufficiale: Marlowe è incentrato sul detective scaltro ma caduto in disgrazia Philip Marlowe (Liam Neeson), assunto per trovare l’ex amante dell’affascinante ereditiera Clare Cavendish (Diane Kruger), figlia di una famosa star del cinema (Jessica Lange). La scomparsa porta alla luce una rete di bugie e presto Marlowe viene coinvolto in un’indagine pericolosa e mortale in cui tutte le persone coinvolte hanno qualcosa da nascondere.

Il cast include anche Adewale Akinnuoye-Agbaje, Ian Hart, Colm Meaney, Danny Huston, Alan Cumming, Colm Meaney, Seána Kerslake, François Arnaud, Anton Antoniadis, ulius Cotter, Darrell D’Silva, J.M. Maciá, Daniela Melchior, Patrick Muldoon, Mitchell Mullen, Stella Stocker, Michael Strelow.

Marlowe – Trailer e video

Curiosità sul film

  • Questa è l’undicesima versione cinematografica di Philip Marlowe.
  • Neil Jordan (Greta) dirige “Marlowe” da una sceneggiatura del premio Oscar William Monahan (The Departed – Il bene e il male), basata su un racconto di John Banville e un personaggio creato Raymond Chandler.
  • La Catalogna è spesso la scelta in Europa per farla sembrare la California.
  • Questo film è basato sul romanzo del 2014 “La bionda dagli occhi neri – Un’indagine di Philip Marlowe (The Black-Eyed Blonde – A Philip Marlowe Novel)” di Benjamin Black, e non su una delle opere originali di Raymond Chandler su Marlowe.
  • Liam Neeson e Diane Kruger hanno già recitato insieme in Unknown – Senza identità (2011).
  • Nel film di Liam Neeson del 2014 La preda perfetta – A Walk Among The Tombstones, Philip Marlowe è stato citato più volte dal ragazzo TJ che stava aiutando Neeson in quel film in cui Neeson era un poliziotto in pensione diventato detective privato.

Il romanzo originale – La bionda dagli occhi neri

John Banville è un romanziere e giornalista irlandese. Il suo romanzo La spiegazione dei fatti (1989) è stato candidato per il Booker Prize e ha vinto il premio Guinness Peat Aviation. Il suo diciottesimo romanzo, Il mare, ha vinto il Man Booker Prize nel 2005. Ha scritto cinque romanzi con lo pseudonimo di Benjamin Black tra cui “La bionda dagli occhi neri – Un’indagine di Philip Marlowe” (The Black-Eyed Blonde – A Philip Marlowe Novel)” su cui è basato il film.

La sinossi del libro: John Banville è uno dei più grandi romanzieri contemporanei. Amatissimo dalla critica (solo per fare un esempio, nel 2014 Pietro Citati sul Corriere della Sera ha definito il suo L’intoccabile “un romanzo straordinario: certo il più bello degli ultimi quarant’anni” per “la vastità, la ricchezza, il terribile riso”), Banville nel corso della sua carriera ha vinto i premi più prestigiosi, fra cui il Booker Prize per Il Mare, il Premio Franz Kafka, il Premio Nonino, l’Irish Book Awards, l’European Literary Award, l’Irish PEN Award e il Premio Principe delle Asturie per la sua opera. Diversi critici e giornalisti lo considerano, con Philip Roth e Haruki Murakami, come uno dei possibili vincitori del prossimo Premio Nobel per la Letteratura. Banville è conosciuto per la sua prosa precisa e fredda, caratterizzata da un’inventiva Nabokoviana, e per il suo umorismo nero. Fra le sue opere, anche una serie di “romanzi gialli” di altissima qualità, ambientati nella Dublino anni ’50, che hanno come protagonista l’anatomopatologo Quirke. Dai romanzi di Quirke la BBC e RTÉ hanno tratto una serie TV nel 2014. A Los Angeles è un sonnolento pomeriggio d’estate, non si muove una foglia e il traffico, in strada, scorre al rallentatore, come gli affari di Philip Marlowe: sì, proprio quel Philip Marlowe, il più ruvido e solitario degli investigatori privati. Ma a volte basta un istante perché gli eventi prendano una piega imprevista, basta l’ingresso in ufficio di una bellezza mozzafiato, una bionda sensuale ed elegante, per scombussolare i piani e i pensieri. Clare Cavendish, erede della Langrishe Fragrances, impero dei profumi, è alla ricerca del suo amante scomparso, tale Nico Peterson, agente di spettacolo che vivacchia grazie a divi da quattro soldi e starlet di belle speranze. Certo, una strana coppia. Lei è ben consapevole che il suo uomo non fosse un granché, poco più di un manigoldo in abiti eleganti, eppure era suo, ed è decisa a riaverlo. Strani anche i posti che frequentavano, come l’esclusivo Cahuilla Club, con il muro di cinta ricoperto di buganvillea, l’imponente cancello dorato e un impeccabile maggiordomo dal marcato accento inglese che serve il tè. Immergendosi in questo mondo traboccante di ricchezza, Marlowe si trova alle prese con personaggi stravaganti e individui loschi, come i due messicani che compaiono all’improvviso, disposti a tutto pur di ritrovare Nico: chi li manda e perché? A disorientare Marlowe, oltre all’ambigua seduttività della bionda dagli occhi neri, si insinua il tarlo del dubbio e dei sentimenti, quanto mai aggrovigliati, che lo legano a più d’uno dei personaggi della storia. Una regia magistrale, sostenuta da una scrittura raffinata, capace di continui scarti e cambi di registro, per far rivivere il mondo di Raymond Chandler e uno dei detective più amati del noir di tutti i tempi.

Il romanzo “La bionda dagli occhi neri – Un’indagine di Philip Marlowe” è disponibile su Amazon.

Philip Marlowe al cinema e in tv

Philip Marlowe è un personaggio creato da Raymond Chandler specialista del genere poliziesco hardboiled. Il genere hardboiled ha origine negli anni ’20, in particolare sulla rivista Black Mask, in cui apparvero per la prima volta i racconti  “The Continental Op” e “Sam Spade” di Dashiell Hammett. Marlowe appare per la prima volta con quel nome in “Il grande sonno”, pubblicato nel 1939

Dietro al suo essere spiritoso, forte bevitore e duro, Marlowe è silenziosamente contemplativo, filosofico e ama gli scacchi e la poesia. Anche se non ha paura di rischiare danni fisici, non usa la violenza solo per regolare i conti. Moralmente integro, non si fa ingannare dalle solite femmes fatales del genere, come Carmen Sternwood in “Il grande sonno”. Il suo primo romanzo ” Il grande sonno”, fu pubblicato quando Chandler aveva 51 anni; il suo ultimo, “Ancora una notte” (Playback), è stato pubblicato quando lo scrittore aveva 70 anni. Chandler ha scritto sette romanzi negli ultimi due decenni della sua vita. Un ottavo, “The Poodle Springs Story”, fu completato postumo da Robert B. Parker e pubblicato anni dopo.

Il primo adattamento cinematografico di un romanzo di Chandler è stato The Falcon Takes Over di Irving Reis (1942, inedito in Italia), tratto da “Addio, mia amata”, ma il protagonista, interpretato da George Sanders, non appare con il nome di Marlowe ma di Gay Lawrence. Sarà Dick Powell, nel 1944, ad interpretare per la prima volta il personaggio di Chandler come Marlowe nel film L’ombra del passato, mentre il maggior lustro al personaggio lo ha conferito la recitazione di Humphrey Bogart ne Il grande sonno di Howard Hawks (1946). In seguito, molti altri attori impersonarono il ruolo di Marlowe, fra cui Robert Mitchum ed Elliott Gould.

  •  The Falcon Takes Over (1942) di Irving Reis con George Sanders (Gay Lawrence) ispirato al romanzo Addio, mia amata (1940). Il protagonista non compare come Marlowe ma come Gay Lawrence
  • Michael Shayne e le false monete / Time to Kill (1942) di Herbert I. Leeds con Lloyd Nolan (Michael Shayne) ispirato al romanzo Finestra sul vuoto (1942). Il protagonista non compare come Marlowe ma come Michael Shayne
  • L’ombra del passato / Murder, My Sweet (1944) di Edward Dmytryk con Dick Powell tratto dal romanzo Addio, mia amata (1940)
  • Il grande sonno (1946) di Howard Hawks con Humphrey Bogart tratto dal romanzo Il grande sonno (1939)
  • La moneta insanguinata / The Brasher Doubloon (1947) di John Brahm con George Montgomery tratto dal romanzo Finestra sul vuoto (1942)
  • Una donna nel lago (1947) di Robert Montgomery con Robert Montgomery tratto dal romanzo La signora nel lago (1943)
  • Philip Marlowe di Robert Ellis Miller, Paul Stewart e altri con Philip Carey. Serie tv in 26 episodi, trasmessa dal 6 ottobre 1959 al 29 marzo 1960
  • L’investigatore Marlowe (1969) di Paul Bogart con James Garner tratto dal romanzo La sorellina (1949).  In una scena al fianco del James Garner della serie tv Agenzia Rockford appare l’attore e icona delle arti marziali Bruce Lee.
  • Il lungo addio (1973) di Robert Altman con Elliott Gould tratto dal romanzo Il lungo addio (1955)
  • Marlowe, il poliziotto privato / Farewell, My Lovely (1975) di Dick Richards con Robert Mitchum tratto dal romanzo Addio, mia amata (1940)
  • Marlowe indaga / The Big Sleep (1978) di Michael Winner con Robert Mitchum tratto dal romanzo Il grande sonno (1939)
  • Il mistero del cadavere scomparso / Dead Men Don’t Wear Plaid (1982) di Carl Reiner con Steve Martin (Rigby Reardon) film parodia dove il protagonista, il Rigby Reardon di Steve Martin), si ispira a Marlowe.
  • Philip Marlowe, detective privato di Robert Iscove, Peter R. Hunt e altri con Powers Boothe. Serie tv di 11 episodi suddivisi in due stagioni, la prima andata in onda nel 1983, la seconda nel 1986
  • Marlowe – Omicidio a Poodle Springs (1998) di Bob Rafelson con James Caan. Film per la tv prodotto per la HBO tratto dal romanzo Poodle Springs di Raymond Chandler e Robert B. Parker.

Marlowe – La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore David Holmes, assiduo collaboratore del regista Steven Soderbergh. I crediti di Holmes includono colonne sonore per Ocean’s Eleven, Killing Eve, Out of Sight, Un boss sotto stress, La truffa dei Logan, Panama Papers.
  • Holmes nato nel 1969 esordisce come DJ nei pub della nativa Belfast all’età di 15 anni. Il suo primo brano di successo è stato “DeNiro”, con Ashley Beedle, pubblicato nel 1992. Nel 1995 Holmes pubblica l’album “This Film’s Crap Let’s Slash the Seats”, uno dei brani del disco è stato inserito nella colonna sonora del film π – Il teorema del delirio di Darren Aronofsky. La canzone che apre il disco, “No Man’s Land,” è stata ispirata dal film Nel nome del padre di Daniel Day-Lewis.

Marlowe – Foto e poster

Ultime notizie su Film Americani

Tutto su Film Americani →