• Film

Morgan Freeman produttore per film e serie tv ispirati ai libri “Necroscope”

Morgan Freeman e Lori McCreary’s Revelations Entertainment hanno acquisito i diritti per la serie di romanzi di horror e fantascienza Necroscope.

Morgan Freeman e Lori McCreary’s Revelations Entertainment hanno acquisito i diritti per la serie di romanzi di horror e fantascienza Necroscope dello scrittore inglese Brian Lumley. Il sito Deadline riporta che il piano è di adattare la serie in più formati: film, cartoni animati, videogiochi, graphic novel e altri formati emergenti.

La serie di romanzi lanciata nel 1986 e tradotta in nove lingue comprende oltre 19 romanzi e racconti. Il termine necroscope, come definito nella serie, descrive qualcuno “che può comunicare con i morti (ribattezzato Deadspeak più avanti nella serie). A differenza dei negromanti, che qui estraggono la conoscenza che cercano con brutali eviscerazioni di cadaveri, un necroscope può comunicare con loro alla pari: pacificamente e senza alcuna interferenza fisica. Le capacità di un necroscope sono definite come una tipologia di percezione extrasensoriale.

McCreary (Invictus, Madam Secretary) e Gary Lucchesi (Underworld, Million Dollar Baby, Exorcism of Emily Rose) stanno collaborando con Michael McKay (Underworld Blood Wars, The Boy) e Glenn Hetrick (Star Trek Discovery, Face-Off), che ha ha concettualizzato l’adattamento di Necroscope per lo schermo sin dalla sua uscita originale.

McCreary ha commentato il nuovo progetto: L’universo di Necroscope ci consente di esplorare i temi globali dell’horror in un modo mai fatto prima ed è una grande aggiunta alla nostra lista di IP epica, pluripremiata e su larga scala, che include il lavoro del visionario della fantascienza Arthur C. Clarke.

Freeman aggiunge un commento filosofico sul concept: Una delle domande che ha affrontato l’umanità nel corso della storia è: da dove vengono le storie del bene e del male e perché sono sorprendentemente simili tra le diverse culture nel corso della storia?

La trama ufficiale del romanzo: Harry Keogh è un necroscope: conosce i pensieri dei cadaveri nelle loro tombe. Sfortunatamente per Harry, il suo talento funziona in entrambe le direzioni. I limiti estremi dell’orrore si scatenano quando Harry Keogh viene reclutato dall’E-Branch (E per ESP) dei servizi segreti britannici per combattere la sua controparte malvagia, il micidiale rumeno Boris Dragosani. A lungo sepolto in un terreno consacrato, legato da terra e argento, il maestro vampiro trama e complotta. Intrappolato nella non vita, né morto né vivo, Thibor Ferenczy ha fame di libertà e vendetta. Lo strumento umano del vampiro è Boris Dragosani, parte di un’agenzia di spionaggio sovietica super-segreta. Dragosani è un avido allievo, desideroso di scandagliare il male profondo della mente del vampiro. Ferenczy insegna a Dragosani le terribili abilità del negromante, gli dà la capacità di strappare segreti dalla mente e dai corpi dei morti. Dragosani non lavora per la libertà di Ferenczy, ma è al soldo di un’agenzia paranormale sovietica ultra-segreta su cui intende acquisire potere per se stesso con la conoscenza estirpata dai morti. La sua specialità è strappare segreti dalle anime dei traditori appena morti. Il suo unico avversario: Harry Koegh. Come Dragosani, Harry è un necroscope che può parlare con i morti. Ma Harry è un campione dei morti e dei vivi. Dal mausoleo rumeno dove il vampiro non morto mette alla prova i limiti dei suoi legami, il palcoscenico è pronto per lo scontro sovrannaturale più orribile e violento di sempre quando Harry Keogh viene reclutato dai servizi segreti britannici per affrontare Dragosani. Per proteggere Harry, i morti faranno di tutto, anche risorgere dalle loro tombe!

Hetrick descrive l’adattamento di “Necroscope” come una missione di vita: Sono totalmente impegnato a infondere vita in ogni molecola degli elementi visivamente avvincenti che compongono questo vasto universo letterario, e intendo farlo con una terrificante veridicità. È, in breve, il lavoro della mia vita. Associato all’integrità sia del personaggio che della storia, questo approccio unico ci consentirà di “sollevare il sipario” per una nuovissima generazione di membri del pubblico globale, onorando al contempo l’eredità così adorata dalla vasta base di fan. Naturalmente, seguiremo Harry Keogh attraverso il suo viaggio scoprendo i terribili segreti del mutaforma alieno Vamphyri… e tracciando gli archi principali attraverso più stagioni, abbiamo l’opportunità di fare un tuffo profondo nel variegato elenco globale di agenti sensitivi mentre aiutano a svelare la loro origine scioccante. Il lavoro di adattamento si appoggia pesantemente alla verosimiglianza della ricca mitologia soprannaturale di Lumley, in particolare per quanto riguarda i suoi paralleli con le filosofie, le religioni e la storia del mondo reale… la scienza della Magia… fondando la nostra storia nella realtà immaginaria più terrificante mai creata.

I wamphyri sono una particolare forma di vampiro descritta da Brian Lumley nella sua serie “Necroscope” Lumley ha reinterpretato la tradizionale leggenda dei vampiri. Nelle sue storie, un vampiro è un parassita simile a una sanguisuga proveniente da un mondo alieno che forma una relazione simbiotica con una creatura ospite, di solito un umano o talvolta un cane come un lupo o una volpe (lupo mannaro). Mentre la simbiosi pone grandi richieste all’ospite (come la necessità di nutrirsi di sangue per sopravvivere), i benefici includono maggiore forza, velocità e resilienza, una durata della vita apparentemente infinita che si estende in millenni, sensi amplificati, stimolazione emotiva di base, accesso a poteri psichici latenti come percezione extrasensoriale o telepatia, carne metamorfica che consente il volo o il travestimento e alcuni effetti narcotici. I vampiri nella storia hanno un grande controllo sulle persone che sono deboli di mente e potrebbero facilmente dominare la Terra se gli fosse permesso di raggiungere il loro pieno potenziale. Hanno anche la capacità di produrre razze inferiori di vampiri per scopi diversi.

McKay è entusiasta dell’ampiezza del materiale da cui attingere: È troppo epico… e semplicemente troppo bello… per relegarlo in un unico film. Abbiamo un arazzo sfumato e stratificato di fantascienza/horror diverso da qualsiasi cosa sia mai stata proiettata sullo schermo… è un progetto che capita una volta nella vita, merita di essere assaporato. Il materiale lo merita, e anche il pubblico. C’è così tanto da amare in questa serie, ma per me si riduce a una cosa…IL PIU’ GRANDE CATTIVO DI SEMPRE!

Lucchesi ha dichiarato: Siamo così grati a Glenn Hetrick per averci presentato la sua visione per questo franchise straordinario e pluripremiato. Una meravigliosa storia del bene contro il male.