• Film

Piccoli Brividi: rivelati dettagli sul film di George A. Romero mai realizzato

George Romero aveva scritto una sceneggiatura mai prodotta per portare al cinema La casa della morte, primo libro della serie Piccoli Brividi.

L’Università di Pittsburgh ha rivelato dettagli sulla sceneggiatura nai prodotta del film di George A. Romero basata sul primo libro della serie Piccoli Brividi (Goosebumps) di R.L. Stine.

La serie di libri per ragazzi “Piccoli brividi” è un ciclo di racconti ad ambientazione horror che hanno venduto oltre 500 milioni di copie in tutto il mondo e sono stati tradotti in 32 lingue; secondo il Guinness Book of World Records, Piccoli Brividi è la serie di libri per bambini più venduta della storia. La serie ha ispirato anche due serie spin-off, una serie televisiva composta da 4 stagioni e due film live-action con Jack Black usciti rispettivamente nel 2015 e nel 2018.

Il primo capitolo della serie “Piccoli Brividi” dal titolo La casa della morte (Welcome to Dead House) racconta l’avventura di Amanda e Josh mentre si trasferiscono in una strana città chiamata Dark Falls. Non si rendono conto però che i cittadini sono i morti viventi. Ogni anno, devono mangiare una nuova famiglia per mantenere il loro status quo di non morti.

La sceneggiatura non prodotta di Romero è stata scritta negli anni ’90 e a seguire sono riportati alcuni dettagli che mostrano una sottotrama a sfondo sociale.

Nel 1992, R.L. Stine ha debuttato con La casa della morte (Welcome to Dead House), il primo libro di Piccoli Brividi. Era inquietante, raccapricciante ed era MOLTO popolare, introducendo innumerevoli giovani lettori al genere horror e generando una serie che avrebbe venduto centinaia di milioni di copie in tutto il mondo. Per un periodo negli anni ’90, Stine è stato lo scrittore più venduto in America, aiutato in non piccola parte dalla sua incredibile produttività, pubblicando dozzine di libri in quell’arco di tempo…sulla scia del successo iniziale di Piccoli Brividi, George Romero è stato uno dei registi che ha esplorato la possibilità di un adattamento cinematografico. Quello sforzo sembrava aver finalmente iniziato ad andare avanti con Tim Burton, ma, secondo Stine, il progetto è stato ritardato dal progetto Superman poi cancellato di Burton e alla fine abbandonato. L’esatta cronologia della produzione e il ruolo di Romero al suo interno non è chiaro, ma la Fox a un certo punto ha inserito un film di Piccoli Brividi nel suo programma di uscita per Halloween 1996. (Sembra improbabile che il film di Burton avrebbe usato qualcosa di sostanziale dalla sceneggiatura di Romero. non è stato insolito per lo studio commissionare più sceneggiature nel corso di pochi anni, come ha fatto Universal con La Mummia, per le quali le sceneggiature sono state scritte e/o riviste da Romero, John Sayles, Mick Garris e Alan Ormsby, tra gli altri, risultando in un complicato processo di arbitrato per determinare gli autori accreditati per il film del 1999.) L’eventuale film Piccoli Brividi, scritto da Scott Alexander e Larry Karaszewski, adotta un meta-approccio, con Jack Black che interpreta “RL Stine” in una città afflitta da una miriade di mostri dai suoi libri. La sceneggiatura di Romero era un adattamento molto più semplice di La casa della morte (Welcome to Dead House), anche se con una visione molto distinta della storia…Romero mantiene lo scenario di base e tutti i nomi dei personaggi principali, ma modifica la storia in modi rivelatori. Nel libro di Stine arriva la zombificazione alla Notte dei morti viventi, a causa di un misterioso gas che fuoriesce da una fabbrica locale. Romero rende più enfatiche le origini capitalistiche: il patriarca della città, il ricco Foster Devries, controlla la città da morto. Lo stato di morte vivente sperimentato dai residenti derivava da un potere sovrannaturale che Devries ha ora condiviso con / imposto alla città. Romero re-immagina Dark Falls come l’ultima città aziendale, in cui i cittadini sono completamente dipendenti dal loro capo per la loro continua esistenza di non morti, ma lo scopo delle loro nuove “vite eterne” è altamente circoscritto, limitato interamente a ciò che Devries consente. Ciò significa rimanere entro i confini della città e nutrirlo ogni anno con una nuova famiglia. A differenza della versione di Stine, la minaccia qui non è che gli abitanti li uccidano semplicemente e prosciughino il loro sangue, ma che saranno costretti a unirsi alla città e “Vivere” secondo le esigenze richieste dalla città. Ciò significa perdita di indipendenza, nessuna possibilità di autodeterminazione.

Romero scomparso nel 2017 aveva tutte le carte in regola per creare un memorabile adattamento di “Piccoli Brividi”, ricordiamo che il regista non è noto solo per la saga dei morti viventi, ma ha scritto un paio di considerevoli cult quali La città verrà distrutta all’alba (The Crazies) del 1973 e l’antologia horror Creepshow del 1982 che danno un’idea di quello che avremmo potuto vedere nella sua versione zombie di “Piccoli Brividi”.

Fonte: Screenrant / University of Pittsburgh Library System’s Horror Studies