• Film

Rust: Alec Baldwin risponde alle accuse di un set non sicuro e spunta l’ipotesi del sabotaggio

Alec Baldwin liquida le accuse di un set non sicuro e i legali dell’addetta alle armi di Rust indagano sull’ipotesi di un sabotaggio sul set.

Alec Baldwin ha risposto sui social media alle accuse fatte dalla troupe sulla mancanza di sicurezza sul set di Rust, dove lo scorso ottobre si è consumata la tragedia che ha visto la morte accidentale della direttrice della fotografia Halyna Hutchins per un colpo di pistola. Alec Baldwin ora sostiene che le affermazioni che parlano di condizioni non sicure e caotiche sul set sono da considerarsi “stron**te”.

Nel frattempo Hannah Gutierrez-Reed, l’addetta alle armi di “Rust”, ha parlato della sparatoria fatale avvenuta sotto la sua sorveglianza. Dall’incidente Gutierrez-Reed non aveva rilasciato dichiarazioni, ma qualche giorno fa ha rotto il silenzio. Variety riporta che Gutierrez-Reed ha rilasciato una dichiarazione tramite il suo avvocato, Jason Bowles, sulla sua esperienza sul set. Dopo aver offerto le sue profonde condoglianze alla famiglia di Hutchins, Gutierrez-Reed ha affermato di “non avere idea da dove provenissero i veri proiettili”, ha affermato di essere stata travisata e calunniata dai media e che le era stato chiesto di svolgere i doveri di due lavori completi sul set di Rust, un carico di lavoro che ha creato un ambiente in cui era probabile che si verificassero incidenti.

In primo luogo Hannah desidera estendere le sue più sentite e sincere condoglianze alla famiglia e agli amici di Halyna. Era una donna ispiratrice nel cinema che Hannah ammirava. Offre anche i suoi pensieri e le sue preghiere per una pronta guarigione a Joel. Hannah è devastata e completamente fuori di sé per gli eventi che sono accaduti. Vorrebbe affrontare alcune falsità che sono state raccontate ai media, che l’hanno falsamente ritratta e calunniata. La sicurezza è la priorità numero uno di Hannah sul set. In definitiva, questo set non sarebbe mai stato compromesso se non fossero state introdotte munizioni vere. Hannah non ha idea da dove provengano i veri proiettili. Hannah e l’addetto agli oggetti di scena hanno preso il controllo delle armi e non ha mai visto nessuno sparare proiettili veri con queste armi e non l’avrebbero permesso. Sono state riposte sotto chiave ogni sera e a pranzo e non c’è modo che una delle armi sia andata persa o sia stata usata dai membri della troupe. Hannah fino ad oggi non ha mai avuto una scarica accidentale. Hannah è stata assunta per ricoprire due posizioni in questo film, il che ha reso estremamente difficile concentrarsi sul suo lavoro di addetta alle armi. Ha combattuto per l’addestramento, i giorni per la muntenzione delle armi e il tempo giusto per prepararsi alle sparatorie, ma alla fine è stata annullata dalla produzione e dal suo dipartimento. L’intero set di produzione è diventato pericoloso a causa di vari fattori, inclusa la mancanza di riunioni per la sicurezza. Non è stata colpa di Hannah.

Interrogato dall’ufficio dello sceriffo di Santa Fe per aver premuto il grilletto dell’arma che ha ucciso Hutchins e ferito il regista Joel Souza, Baldwin ha ripubblicato su Instagram il lungo post che difende l’operato sul set pubblicato su Facebook della costumista Terese Magpale Davis.

Nel post si fa riferimento all’assistente del regista David Halls, a quanto riferito licenziato da un film precedente nel 2019 per problemi di sicurezza e non riassunto in un altro progetto a causa di lamentele sulla condotta personale. Halls è stato colui che ha consegnato a Baldwin l’arma comunicando all’attore che era una pistola sicura. Nel post Davis difende sia Halls che l’armaiola Gutierrez affermando che la prima ha tenuto “diverse riunioni per la sicurezza” sul set e non è mai stata “flessibile” al riguardo.

Baldwin in un’altra intervista ha parlato del suo rapporto con Halyna Hutchins: “Lei era mia amica! Il giorno in cui sono arrivato a Santa Fe per iniziare le riprese, l’ho portata a cena con il regista Joel”, Baldwin interrotto dalla moglie Hilaria che gli ha ricordato di non parlare di dettagli sul caso ha concluso affermando: “Eravamo una troupe molto, molto ben preparata per girare un film insieme e questo evento orribile è accaduto”. L’attore ha anche definito l’incidente sul set come “uno su un trilione” e ha chiesto “nuove misure” per far rispettare la sicurezza sui set. “Quanti proiettili sono stati sparati in film e programmi TV negli ultimi 75 anni?” ha detto Baldwin “Questa è l’America. Probabilmente miliardi. E quasi tutti senza incidenti”.

Il procuratore distrettuale Mary Carmack-Altwies ha dichiarato la scorsa settimana di non aver escluso Baldwin come persona informata sui fatti per la sua indagine: “È molto importante. È lui che ha premuto il grilletto. Era lui che aveva in mano la pistola. E quindi è molto importante. Vuol dire che verranno presentate accuse? Non necessariamente. Inoltre, non significa che non verranno archiviate”, ha concluso Altwies.

In un’altra bizzarra svolta sul caso, il 3 novembre i legali dell’addetta alle armi Hannah Gutierrez-Reed,  gli avvocati Jason Bowles e Robert Gorence, hanno annunciato in un’intervista video rilasciata al programma Today della NBC che stanno indagando sulla teoria di un potenziale sabotaggio avvenuto sul set, per mano presumibilmente di uno più membri della troupe scontenti. I legali hanno dichiarato che stanno verificando se un proiettile reale sia stato inserito in una scatola di proiettili a salve con l’intento di “sabotare il set”. “Credo che se qualcuno volesse sabotare il set potrebbe averlo fatto per dimostrare qualcosa, far capire che sono scontenti, che sono infelici…sappiamo che alcune persone sono andate via dal set il giorno prima…Penso che non si possa escludere nessuno a questo punto” ha dichiarato Bowles. “Sappiamo che c’era un colpo non a salve in una scatola di proiettili a salve che non avrebbe dovuto essere lì”, ha continuato Bowles. “Abbiamo persone che hanno lasciato il set, che se ne sono andate perché scontente. Abbiamo un lasso di tempo tra le 11:00 e le 13:00, approssimativamente quel giorno, in cui le armi da fuoco erano incustodite, quindi c’era l’opportunità di manomettere la scena”. Gorence, il secondo avvocato di Gutierrez-Reed, ha aggiunto che il veicolo designato alla custodia delle armi da fuoco “a volte era completamente incustodito, dando a qualcuno accesso e opportunità”.

Fonte: Deadline