Stasera in tv “The Wife – Vivere nell’ombra” su Rai 2

Rai 2 stasera propone The Wife – Vivere nell’ombra, film drammatico del 2017 di Björn Runge con Glenn Close, Jonathan Pryce e Christian Slater.

Cast e personaggi

Glenn Close: Joan Castleman
Jonathan Pryce: Joe Castleman
Christian Slater: Nathaniel Bone
Max Irons: David Castleman
Elizabeth McGovern: Elaine Mozell
Alix Wilton Regan: Susannah Castleman
Annie Starke: Joan Castleman giovane
Harry Lloyd: Joe Castleman giovane

Doppiatori italiani

Ludovica Modugno: Joan Castleman
Gabriele Lavia: Joe Castleman
Christian Iansante: Nathaniel Bone
Emanuele Ruzza: David Castleman
Gabriella Borri: Elaine Mozell
Benedetta Degli Innocenti: Susannah Castleman
Valentina Favazza: Joan Castleman giovane
Stefano Sperduti: Joe Castleman giovane

La trama

Dietro ogni grande uomo c’è sempre una grande donna…Molto spesso però è costretta a vivere nell’ombra. Questa è la storia di Joan Castleman (Glenn Close), una donna che per quarant’anni ha sacrificato il proprio talento e i propri sogni, lasciando che il marito, l’affascinante e carismatico Joe (Jonathan Pryce), si impadronisca della paternità delle sue opere. Joan assiste, per amore, alla sfavillante e gloriosa carriera dell’uomo, sopportando tutte le menzogne e i tradimenti. Emozionante e commovente, “The Wife” è un viaggio di emancipazione e riscoperta, una celebrazione della forza e della grandezza di tutte le donne.

Curiosità

  • Il film scritto da Jane Anderson è basato sul romanzo del 2003 “The Wife” di Meg Wolitzer.
  • Il film ha ricevuto una candidatura all’Oscar per la Migliore attrice protagonista (Glenn Close) e vinto un Golden Globe come Migliore attrice in un film drammatico a Glenn Close.
  • Annie Starke, che interpreta la giovane Joan, è la figlia di Glenn Close.
  • Il film ha un’enorme rilevanza personale per Glenn Close che ha ricordato sua madre, 80 anni, dicendole che sentiva di non aver realizzato nulla nella sua vita.
  • Sebbene ambientato a Stoccolma, la maggior parte del film è stato girato a Glasgow, Edimburgo e presso la tenuta di Arbigland, nella storica contea di Kirkcudbrightshire, Dumfries e Galloway, in Scozia.
  • Il processo di sviluppo di questo film è durato quattordici anni.
  • Glenn Close si è avvicinato a Gary Oldman per interpretare Joe Castleman ma non era disponibile per il ruolo.
  • Annie Starke ottiene un credito “Introducing” (solitamente riservato alla prima apparizione di un attore in un film), anche se è stata in altri tre film: il film tv South Pacific (2001), Albert Nobbs (2011) e We Don’t Belong Here (2017). “South Pacific” e “Albert Nobbs” hanno entrambi nel cast Glenn Close, la madre di Starke.
  • Le due scene ambientate sul jet supersonico Concorde sono state girate il 28 novembre 2016 su un vero Concorde attualmente in mostra al National Museum of Flight in Scozia.

  • Prima produzione inglese del regista svedese Björn Runge.
  • Quando il film è stato originariamente annunciato, Frances McDormand, Logan Lerman e Brit Marling facevano parte del cast. Quando finalmente la produzione è iniziata, però, tutti e tre si sono ritirati e sono stati sostituiti rispettivamente da Elizabeth McGovern, Max Irons e Annie Starke.
  • Glenn Close e Jonathan Pryce hanno provato attorno ad un tavolo per una settimana prima che iniziassero le riprese del film.
  • Il film è stato Girato nell’arco di 32 giorni.
  • Il nome Joan Archer, così come il taglio di capelli corto e alcune delle caratteristiche del ruolo, indicano l’eroina francese Jeanne D’Arc (alias Giovanna d’Arco).
  • All’inizio del film, il personaggio di Jonathan Pryce cita una frase di Don Chisciotte. Pryce era il “vero” Don Chisciotte nel film di Terry Gilliam, L’uomo che uccise Don Chisciotte (2018).
  • Nella produzione originale di Broadway di “The Real Thing”, Glenn Close ha interpretato l’amante di Jeremy Irons, entrambi vincitori di Tony per i loro ruoli. In Il mistero Von Bulow (1990), hanno interpretato una coppia sposata, mentre in La casa degli spiriti (1993) hanno interpretato sorella e fratello. In questo film, Close interpreta la madre di Max Irons, figlio nella vita reale di Irons.
  • Max Irons e Glenn Close hanno recitato insieme anche in Mistero a Crooked House (2017).
  • Jonathan Pryce e Harry Lloyd interpretano versioni più vecchie e più giovani della stessa persona. Entrambi gli attori sono apparsi anche nella serie tv Il trono di spade (2011) come personaggi totalmente estranei.
  • Harry Lloyd ha interpretato Will Scarlet nella serie tv Robin Hood della BBC. Anche il suo co-protagonista Christian Slater ha interpretato Will Scarlet, ma nel film in Robin Hood – Principe dei ladri.

  • L’estratto di James Joyce che viene citato due volte da Joseph Castleman è il finale stesso del racconto “I morti”, dalla sua raccolta “Gente di Dublino”. Ci sono alcuni parallelismi tra il racconto e il film, specialmente tra l’ultima scena del lavoro di Joyce e la sequenza subito dopo la festa che celebra il Premio Nobel. La scena della camera da letto, dopo una festa, dove la moglie ha qualche “segreto” da svelare è un forte parallelo, così come la scena della neve “che cade dolcemente” sui vivi e sui morti…
  • Glenn Close in un intervista a Vanity Fair ha parlato delle difficoltà del ruolo: “Probabilmente è stato uno dei ruoli più difficili che abbia mai affrontato. Penso che sia una situazione in cui ogni donna del pubblico può identificarsi, sia che siano di generazioni più giovani o meno giovani…Joan faceva parte della generazione di mia madre, e certamente l’ho vista del tutto deferente verso mio padre. Verso la fine degli anni ’80 diceva: ‘Mi sento come se non avessi realizzato nulla nella mia vita’. Guardando indietro, è così tragico perché era una donna così straordinariamente dotata. Semplicemente non aveva i mezzi per farcela da sola…Sono molto orgogliosa del film perché penso che parli delle sottigliezze della relazione uomo-donna e delle donne che si sono definite attraverso gli uomini a loro danno. Joan è stata sminuita nel suo matrimonio, ed è diventata un’abitudine che non nota più. Non ha il vocabolario per dare voce alla sua crescente rabbia, per dire “cos’è che mi hai appena detto?”, così lascia che tutto scivoli via. Finalmente arriva ad un punto in cui la sua coppa è così piena di rabbia da traboccare.
  • Il film dal budget non pervenuto ha incassato circa 20 milioni di dollari nel mondo.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono della compositrice, pianista e violista britannica Jocelyn Pook (Eyes Wide Shut, Il Mercante di Venezia, Wild Side, Les invisibles).

TRACK LISTINGS:

1. The Wife 3:58
2. The Faculty Wife 2:54
3. The Speech 1:52
4. Good News 1:54
5. Grief 3:22
6. His Soul Swooned Slowly 2:08
7. At Sea 2:05
8. Above The Rooftops 2:01
9. The Rehearsal 3:32
10. Chapters 2:31
11. Throwing Away The Medal 1:25
12. Babysitting 0:57
13. The Walnut 1:36
14. Don’t Leave Me Joe 1:59

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

I Video di Cineblog

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →