Qualcuno volò sul nido del cuculo – Carta a me