10 film biografici su donne iconiche da guardare per l’8 marzo

10 film biografici da guardare l’8 marzo che raccontano battagliere e iconiche donne che hanno fatto la storia nelle sue varie digressioni.

L’8 marzo è una ricorrenza che ci ricorda quanto la donna nel corso di secoli è stata considerata un gradino sotto l’uomo, a tal punto da essere considerata incapace di votare e purtroppo ancora oggi in alcune comunità di poter vivere una vita piena e libera e scegliere il proprio compagno.

Blogo vuole celebrare l’8 marzo con una classifica video, una speciale “Top 10” che raccoglie 10 film biografici che raccontano quelle che secondo noi sono state tra le donne più iconiche di sempre, che hanno lottato contro discriminazione, sessismo e una mentalità patriarcale che ancora oggi condiziona e influenza pesantemente parte del genere maschile e non solo: dai molestatori seriali che infestano il mondo del cinema e della tv, alla legge italiana distorta e manipolata per giustificare stupri, molestie e uomini che perseguitano e uccidono donne in preda ad una gelosia per qualche giudice “incontrollabile”, sentenze deprecabili che ci riportano al medioevo e rievocano follie legislative partorite da menti bacate come il famigerato “Delitto d’onore”.

Nell’augurarvi un buon 8 Marzo, a seguire trovate la nostra classifica con 10 film biografici da guardare per la Festa della Donna che raccontano battagliere e iconiche voci al femminile che hanno fatto la storia nelle sue varie digressioni.

1. Harriet (2019)

Basato sulla vita emozionante e ispiratrice di una iconica combattente per la libertà americana, Harriet racconta la straordinaria storia della fuga di Harriet Tubman (Cynthia Erivo) dalla schiavitù e della trasformazione in una delle più grandi eroina d’America. Il suo coraggio, ingegno e tenacia liberarono centinaia di schiavi e cambiarono il corso della storia.

  • Harriet Tubman ha davvero avuto delle visioni come è raffigurato nel film. Molti storici affermano che ciò è probabilmente dovuto a un trauma cranico che ha ricevuto in gioventù.
  • Dopo essere sfuggita alla schiavitù per la prima volta, Harriet si definisce “una straniera in terra straniera”. La frase è tratta dal libro dell’Esodo, il libro della Bibbia che racconta del popolo d’Israele che fugge dalla schiavitù in Egitto.

2. The Iron Lady (2011)

Anziana e prigioniera virtuale nella sua stessa casa a causa del suo personale preoccupato e della figlia Carol, Margaret Thatcher (Meryl Streep), la prima donna primo ministro della Gran Bretagna, ripensa alla sua vita mentre sistema i vestiti del suo defunto marito Denis per il negozio Oxfam. Denis è vista come la sua roccia quando entra per la prima voilta in parlamento e poi si candida alla guida del Partito conservatore, culminando nella sua premiership. Ora il fantasma di suo marito si unisce a lei per commentare i suoi successi e fallimenti, a volte con suo fastidio, generalmente per suo conforto fino a quando alla fine, quando i vestiti vengono inviati al negozio di beneficenza, Denis si allontana per sempre dalla vita di Margaret

  • Meryl Streep, che per questo ruolo ha vinto un premio Oscar, ha guadagnato un milione di dollari per il suo lavoro in questo film; tuttavia, ha donato l’intero stipendio al Museo di storia delle donne.
  • Meryl Streep non ha mai incontrato Margaret Thatcher. Ha però frequentato una delle sue lezioni nel 2001 alla Northwestern University, a Evanston, Illinois, Stati Uniti, dove la figlia di Streep, Mamie Gummer, era una studentessa.

3. Una giusta causa (2018)

La vera storia di Ruth Bader Ginsburg (Felicity Jones), le sue lotte per la parità dei diritti e i primi casi di una carriera storica che l’hanno portata alla nomina e alla conferma come giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti.

  • Ruth Bader Ginsburg è stata una delle nove donne ad entrare, nel 1956, al corso di Legge dell’Università di Harvard e che, nonostante il suo talento, fu rifiutata da tutti gli studi legali in quanto donna. Ruth contro il parere di tutti accetta un controverso caso di discriminazione di genere, vince il processo e determina un epocale precedente nella storia degli Stati Uniti sul fronte della parità dei diritti.
  • Rendendosi conto che voleva la vera Ruth Bader Ginsburg nel final del suo film, la regista Mimi Leder ha scritto alla Giustizia Suprema ed è stato felicissimo quando lei ha risposto con un sì. La sua apparizione nel film ha richiesto tre riprese (Ginsberg non ne avrebbe permesse di più).

4. Il diritto di contare (2016)

Katherine Johnson (Taraji P. Henson), Dorothy Vaughn (Octavia Spencer) e Mary Jackson (Janelle Monae) sono tre brillanti donne afroamericane che – alla NASA – lavorarono ad una delle più grandi operazioni della storia: la spedizione in orbita dell’astronauta John Glenn, un obbiettivo importante che non solo riportò fiducia nella nazione, ma che ribaltò la Corsa allo Spazio, galvanizzando il mondo intero. Le tre pioniere – superando ogni forma di barriera – sono state un modello d’ispirazione per generazioni.

  • “Il diritto di contare” svela l’incredibile storia vera e sconosciuta di un gruppo di brillanti donne che, puntando alle stelle, hanno cambiato in meglio le fondamenta del loro paese. Il film narra la storia straordinaria di un team di matematiche afro-americane della NASA che hanno contribuito alla vittoria americana nella corsa allo spazio contro i rivali dell’Unione Sovietica e, al tempo stesso, hanno dato una vigorosa accelerata al riconoscimento della parità di diritti e opportunità.
  • All’età di 98 anni, Katherine Johnson è stata l’unica sopravvissuta del trio ritratto nel film a vedere i suoi successi rappresentati sul grande schermo. Nel novembre 2015, il presidente Barack Obama le ha conferito una Presidential Medal of Freedom per il suo lavoro alla NASA e l’anno successivo è stata ulteriormente onorata quando un nuovo edificio della NASA da 30 milioni di dollari e 3716 metri quadrati è stato chiamato Katherine G. Johnson Computational Research Facility .

5. Suffragette (2015)

Il film ripercorre la storia delle militanti del primissimo movimento femminista, donne costrette ad agire clandestinamente per difendersi da uno Stato sempre più brutale. In lotta per il riconoscimento del diritto di voto, e facendo ricorso alla violenza come unica via verso il cambiamento, queste donne erano disposte a perdere tutto nella loro battaglia per l’eguaglianza: il lavoro, la famiglia, i figli e la vita. Maud (Carey Mulligan) è stata una di queste militanti. La storia della sua lotta per la dignità è al tempo stesso struggente e di grande ispirazione.

  • Alla premiere di Londra, il gruppo femminista d’azione diretta Sisters Uncut ha scavalcato le barriere e messo in scena una protesta sul red carpet per protestare contro i tagli ai servizi per la violenza domestica, dichiarando che “la battaglia non è ancora finita”. Le star del film hanno continuato a rilasciare interviste e incontrare i fan mentre le attiviste cantavano “Le donne morte non possono votare” e “Siamo suffragette”. Intervistata alla premiere, Helena Bonham Carter ha dichiarato: “Sono contenta che il nostro film abbia provocato qualcosa. È esattamente per questo che è lì”, aggiungendo che la protesta è stata la risposta “perfetta” al film.
  • Emmeline Pankhurst (Meryl Streep), la leader del movimento per le suffragette britanniche che ha aiutato le donne a ottenere il diritto di voto, è nata e cresciuta a Moss Side, Manchester, Inghilterra. Nel 1999, Time Magazine l’ha nominata una delle prime 100 persone più importanti del 20° secolo.

6. A Private War (2018)

In un mondo in cui il giornalismo è sotto attacco, Marie Colvin (Rosamund Pike) è una delle corrispondenti di guerra più celebri del nostro tempo. Colvin è uno spirito assolutamente impavido e ribelle, spinto in prima linea nei conflitti in tutto il mondo per dare voce a chi non ha voce, testando costantemente i limiti tra coraggio e spavalderia. Dopo essere stata colpita da una granata in Sri Lanka, perde un occhio ma non molla e prosegue il suo lavoro sacrificando tutto fino al suo appuntamento con il destino.

  • “A Private War” è un ritratto di Marie Colvin, la leggendaria corrispondente di guerra del Sunday Times che ha dedicato la sua vita a ricercare la verità”, dice il regista americano Matthew Heineman, che fa il suo debutto cinematografico dopo aver raccolto consensi per il suo lavoro nei documentari, tra cui il nominato agli Oscar Cartel Land e City of Ghosts.
  • La pellicola è l’adattamento cinematografico dell’articolo “Marie Colvin’s Private War”, uscito nel 2012 su Vanity Fair, scritto da Marie Brenner. L’articolo parlava della reporter di guerra del The Sunday Times Marie Colvin, inviata in Sri Lanka, Iraq, Afghanistan, Libia e Siria, dove morirà a 56 anni il 22 febbraio 2012 insieme al fotografo francese Rémi Ochlik.

7. Evita (1996)

L’adattamento cinematografico dell’omonimo musical di successo di Broadway che racconta la storia della vera di Eva “Evita” Duarte de Peron, la moglie del presidente Juan Peron, che è uscita dalla povertà per diventare la donna argentina più famosa della storia. La sua enorme influenza politica e le sue costanti opere di beneficenza le sono valse il disprezzo e la paura dei militari e delle classi superiori, ma l’adorazione e l’amore dei lavoratori e dei descamisados.

  • Ottenere il permesso per usare la Casa Rosada è stato difficile perché i ministri del gabinetto dell’allora presidente Carlos Menem hanno chiesto di vedere la sceneggiatura. Più di sei mesi dopo gli incontri iniziali, Madonna, Alan Parker, Jonathan Pryce e Antonio Banderas sono stati convocati a un incontro ufficiale a Los Olivos, dove hanno chiesto: “Andiamo al sodo qui. Abbiamo il balcone o no?” Menem alla fine annuì e diede il suo permesso personale. Madonna in seguito ha scherzato sul fatto che Menem abbia concesso l’uso del balcone solo perché durante il suo incontro con lui ha lasciato intravedere una spallina del reggiseno. Una replica di Casa Rosada è stata costruita a Shepperton come copia di riserva.
  • Jennifer Lopez, Mariah Carey, Gloria Estefan, Zsa Zsa Gabor, Barbra Streisand, Patti LuPone, Derin Altay, Karla DeVito, Bette Midler e Sarah Brightman sono state prese in considerazione per il ruolo di Eva Peron durante la fase di sviluppo del film.

8. Elizabeth (1998)

Il film film descrive l’ascesa al trono e il primo regno della regina Elisabetta I, interpretata da Cate Blanchett. L’obiettivo principale sono gli infiniti tentativi del suo consiglio di farla sposare, l’odio cattolico nei suoi confronti e la sua storia d’amore con Lord Robert Dudley.

  • Il film ritrae Elisabetta che scopre che Robert Dudley si era sposato senza il suo consenso. Questo evento si basa sul matrimonio di Dudley nel 1578 con Lettice Knollys, che venne nascosto a Elisabetta. Quando Elisabetta lo scoprì l’anno dopo, bandì definitivamente Knollys dalla corte e non la perdonò mai. Knollys era la nipote della zia di Elisabetta, Maria Bolena, e si diceva anche che sua madre, Catherine Carey, fosse stata concepita a seguito della relazione di Maria Bolena con il padre di Elisabetta, Enrico VIII, sebbene Carey non fosse mai stata riconosciuta come figlia di Enrico da lui o Elisabetta. Il figlio di Lettice Knollys, Robert Devereux, 2° conte di Essex, fu uno dei “preferiti” di Elisabetta durante i suoi ultimi anni. Fu decapitato nel 1601 dopo una fallita ribellione. Lettice Knollys visse fino al 1634, alla straordinaria età di novantuno anni.
  • Il 1998 è stato l’unico anno in cui due interpreti sono stati nominati agli Oscar per aver interpretato lo stesso personaggio in due film diversi: Dame Judi Dench è stata nominata (e ha vinto) come migliore attrice non protagonista per aver interpretato la regina Elisabetta I in Shakespeare in Love (1998 ), e Cate Blanchett è stata nominata come migliore attrice per aver interpretato Elisabetta I in questo film. Joseph Fiennes e Geoffrey Rush sono apparsi in entrambi i film.

9. Erin Brockovich (2000)

Erin Brockovich (Julia Roberts) è una segretaria precaria di uno studio legale e madre single di tre figli. Spinta da curiosità, intraprendenza e senso di giustizia, la donna indaga sulla Pacific Gas and Electric Company, una società sospettata di aver contaminato le falde acquifere di una cittadina californiana, provocando tumori ai residenti. Sostenuta dal suo datore di lavoro Ed Masry (Albert Finney) intraprende una causa collettiva che la vedrà impegnata in una serrata lotta contro un vero e proprio colosso aziendale, ma nonostante la paura di non farcela e i tentativi intimidatori della controparte, Erin e lo studio vinceranno la battaglia legale ottenendo per i 634 querelanti indennizzi per 333 milioni di dollari.

  • La vera Erin Brockovich inizialmente sperava che fosse Goldie Hawn ad interpretarla nel film, mentre il vero avvocato Ed Masry pensava che Roseanne Barr sarebbe stata più adatta. Masry una volta ha dichiarato che Julia Roberts, che in seguito ha vinto un Oscar per il ruolo, sarebbe stata l’attrice meno adatta per la parte affermando che: “…lei non ha tette e non parla sporco, quindi non funzionerebbe“.
  • La vera Erin Brockovich-Ellis ha venduto i diritti per la sua storia agli Universal Studios per una somma di 100.000$, mentre Julia Roberts per il suo ruolo nel film ha ricevuto un compenso senza precedenti per un ruolo da protagonista, facendo di lei la prima donna ad abbattere il muro dei 20 milioni di dollari.

10. Frida (2002)

“Frida” racconta la vita che Frida Kahlo (Salma Hayek) ha condiviso senza batter ciglio e apertamente con Diego Rivera, mentre la giovane coppia prendeva d’assalto il mondo dell’arte. Dalla sua relazione complessa e duratura con il suo mentore e marito alla sua relazione illecita e controversa con Leon Trotsky, ai suoi coinvolgimenti provocatori e romantici con le donne, Frida Kahlo ha vissuto una vita audace e senza compromessi come rivoluzionaria politica, artistica e sessuale.

  • La nipote di Frida Kahlo è rimasta così colpita dal film che ha regalato a Salma Hayek una delle collane di Kahlo.
  • Chavela Vargas, che canta una canzone (“La Llorona”) a Frida al bar, conosceva la vera Frida Kahlo con cui aveva avuto una relazione.
  • Salma Hayek ha raccontato che il produttore Harvey Weinstein ha minacciato di interrompere la produzione durante le riprese a meno che non avesse acconsentito a filmare una scena di nudo integrale con un’altra donna. Hayek sentiva di aver esaurito tutte le altre opzioni e così ha girato la scena, ma le è costata una reazione a livello psicologico. Hayek a questo proposito ha dichiarato: “Era chiaro per me che non mi avrebbe mai lasciato finire questo film senza che lui avesse la sua fantasia in un modo o nell’altro. Non c’era spazio per i negoziati. Ho dovuto dire di sì”. Il giorno delle riprese, ha avuto quello che descrive come un esaurimento nervoso: “Il mio corpo ha iniziato a tremare in modo incontrollabile, il mio respiro era corto e ho iniziato a piangere e piangere, incapace di fermarmi”. Non è che fosse a disagio nel recitare una scena intima con un’altra donna: è che si è sentita costretta da Weinstein, forse per rappresaglia per aver rifiutato le sue numerose avances sessuali subite durante la produzione.