I fan di Harry Potter si ribellano

Potter

Da quasi una settimana non si parla d'altro. Non passa giorno senza che affiori qualche novità o commento sull'argomento. Il debutto nelle sale di Harry Potter e il Principe Mezzosangue è stato posticipato dal 21 novembre 2008 a luglio 2009 e i fan non l'hanno presa per niente bene. La decisione è stata maturata ai vertici della Warner Brothers e motivata, secondo le parole del presidente della compagnia, Alan Horn, da una strategia di mercato che porterebbe a totalizzare maggiori incassi al box-office (si sa che negli states la stagione estiva è il periodo migliore per il lancio dei blockbusters) e ad un recupero, almeno parziale, dei danni economici subiti dalla Warner a causa dello sciopero degli sceneggiatori dello scorso anno.

Fox News ha suggerito - probabilmente non a torto - che abbia avuto peso, oltre alla questione meramente economica, anche il fatto che Daniel Radcliffe debutterà fra breve a Broadway con Equus, spettacolo in cui - ormai è cosa nota - appare completamente nudo in alcune scene. E' possibile che la Warner abbia avuto paura che questo potesse minare il successo di Harry Potter, rovinandone l'immagine "per famiglie".

I fan del maghetto, però, si sono sentiti traditi (che siate anche voi Potteriani o no, ammettetelo, la cosa suona un po' come una presa in giro) e sono attualmente sul piede di guerra. Sui siti degli appassionati, come MuggleNet e The Leaky Cauldron gli animi sono decisamente infiammati. Sono nati blog e gruppi su FaceBook con titoli come Il ritardo di Harry Potter e il Principe Mezzosangue mi ha rovinato la vita e petizioni on-line che in pochi giorni hanno superato le 38900 firme. L'Esercito di Silente incita i fan ad armarsi di carta e penna per far sentire la propria protesta, c'è chi vuole boicottare il film nel giorno del suo debutto e alcuni irriducibili stanno addirittura pensando di recarsi a manifestare fuori dalla sede della Warner Bros di New York.

Sommersi dalle proteste, alla Warner Bros si difendono diffondendo un comunicato in cui rassicurano i fans. (Potete leggere per intero le dichiarazioni di Alan Horn su ComingSoon.net)

"La decisione di posticipare l'uscita di Harry Potter e il Principe Mezzosangue non è stata presa alla leggera, e non abbiamo mai avuto alcuna intenzione di deludere i fans. Sappiamo di dovere a tutti voi il successo della saga e vi ringraziamo per tutto il vostro entusiasmo e supporto. Consolatevi pensando che, anche se dovrete aspettare un po' più a lungo per vedere il Principe Mezzosangue, l'attesa fino all'uscita di Harry Potter e i Doni della Morte (la cui uscita è prevista per il novembre 2010) sarà molto più breve. Siamo spiacenti di avervi delusi ma siamo sicuri che se avrete pazienza, vi renderete conto che sarà valsa la pena di aspettare".

A questo punto a voi il verdetto: cosa ne pensate?

Fonte: Wired

  • shares
  • Mail
32 commenti Aggiorna
Ordina: