Oggi è il Giorno della marmotta – Curiosità su Ricomincio da capo

Curiosità sul Giorno della marmotta:e il film Ricomincio da capo

Oggi 2 febbraio in Italia si celebra la Candelora, ma negli Stati Uniti e in Canada è il Giorno della marmotta (Groundhog Day). Per gli appassionati di cinema questa ricorrenza riporterà senza dubbio alla memoria la commedia Ricomincio da capo diretta da Harold Ramis (l’attore che interpreta Egon Spengler nel dittico Ghostbusters) e con protagonista Bill Murray (il collega di Spengler, il sarcastico e donnaiolo acchiappafantasmi Peter Venkman). La coppia ha fatto di nuovo squadra nel 1993 per raccontare glli strani accadimenti che sconvolgeranno la vita di Phil Connors, un egocentrico meteorologo tv (Murray) inviato in una piccola cittadina della Pennsylvania, da cui non riesce più ad andar via perchè costretto a rivivere in continuazione, prigioniero di una sorta di “loop temporale”, la Giornata della marmotta, una curiosa ricorrenza annuale della città che la sua emittente ha scelto di raccontare al pubblico.

Cast e personaggi: Bill Murray (Phil Connors), Andie MacDowell (Rita), Chris Elliott (Larry), Stephen Tobolowsky (Ned Ryerson), Brian Doyle-Murray (Buster Green), Marita Geraghty (Nancy Taylor), Angela Paton (signora Lancaster), Rick Ducommun (Gus), Rick Overton (Ralph), Robin Duke (Doris), Carol Bivins (presentatrice), Willie Garson (Kenny), Harold Ramis (neurologo), Michael Shannon (Fred).

La città di Punxsutawney e il Giorno della marmotta

La città di Punxsutawney (nome derivato dalla lingua dei nativi americani che significa “Città dei pappataci”) si trova in Pennsylvania ed è abitata da poco più di seimila anime. L’abitante più famoso della città è Punxsutawney Phil, una marmotta la cui osservazione, secondo la tradizione, avrebbe la capacità di rivelare se l’inverno sarà più lungo del consueto o se la primavera farà la sua comparsa nei tempi previsti da Madre natura. Esiste proprio una cerimonia in tal senso che segue questa antica tradizione di origine europea e che viene mostrata nel film di Ramis. Durante la cerimonia si attende l’uscita di Phil dalla sua tana e una volta fuori se la marmotta non riesce a vedere la sua ombra perchè il cielo è coperto l’inverno finirà presto, se invece riuscirà a vedere la sua ombra, credenza vuole che tornerà di corsa nella sua tana, sancendo così altre sei settimane d’inverno.

Phil Connors e la maledizione di Punxsutawney

Il film di Ramis ammicca per certi versi al classico Canto di Natale di Charles Dickens, tra l’altro Murray aveva già interpretato Scrooge in S.O.S. fantasmi (1988), ma ricorda anche The Family Man (2000) in cui a Nicolas Cage viene offerta uno sguardo su una vita alternativa. Il fastidioso Phil Connors in principio non comprenderà subito che questo evento sovrannaturale ha un suo scopo ultimo, infatti prima proverà a sfruttarlo a suo vantaggio in una sorta di gioco, ma in seguito il reiterare azioni su azioni ad un certo punto non avrà più alcun senso (“L’inferno è ripetizione” affermava Stephen King in un suo racconto) e comincerà a subirlo come una maledizione, sino ad arrivare al punto di tentare il suicidio in svariati modi, che non faranno altro che riportarlo all’inizio della giornata, con il risveglio al suono della radiosveglia sempre impostata alle ore 6 e sempre con lo stesso brano musicale, trasformatosi in una insopportabile nenia (“I Got You Babe” di Sonny & Cher). Ci vorrà parecchio tempo e parecchie Giornate della marmotta (ci sono circa 38 giorni rappresentati su schermo, ma Ramis ha rivelato che in realtà sono trascorsi circa dieci anni per il protagonista) affinchè Connors comprenda quali siano le azioni e il percorso che lo riporteranno alla vita reale, cioè la necessità di guardarsi dentro e capire che una parte importante della vita dipende dall’ascoltare le necessità del prossimo e non concentrarsi esclusivamente e in modo egoistico sui propri bisogni e desideri.

Curiosità

– La maggioranza delle riprese non sono state effettuate nella vera Punxsutawney, ma a Woodstock in Illinois a 45 km da Wilmette, città natale di Bill Murray.

– La vera tana della marmotta si trova in una zona rurale a circa 3 km ad est di Punxsutawney, ma nel film si ha l’impressione che si trovi in città.

– Nelle prime bozze della sceneggiatura vi era spiegata la causa della strana esperienza  di Phil Connors: una ex amante furiosa di nome Stephanie lancia un incantesimo su di lui per dargli una lezione.

– Tom Hanks, Chevy Chase, Steve Martin e John Travolta sono stati presi in considerazione per il ruolo di protagonista, ma tutti scartati dal regista perchè “troppo belli”, mentre Tori Amos è stata considerata per il ruolo di Rita andato poi a Andie MacDowell,

– La rivista Premiere nel 2006 ha votato questo film come una delle “50 migliori commedie di tutti i tempi” e lo stesso anno il film è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

– Bill Murray è stato morso dalla marmotta due volte durante le riprese e ha dovuto ricorrere ad una profilassi antirabbica.

– Harold Ramis ha dichiarato che l’ispirazione per questo film NON è stata come molti ritrengono il romanzo del 1905  “La strana vita di Ivan Osokin” di PD Ouspensky,

– Dall’uscita del film la città di Punxatawney è ormai diventata una grande meta turistica e nei paesi di lingua inglese il titolo originale del film (Groundhog Day) è diventato un’espressione comune per indicare un giorno noioso e ripetitivo.

– Il regista Harold Ramis è rimasto molto sorpreso nello scoprire che il suo film aveva attirato l’attenzione, in senso positivo, di vari gruppi religiosi, di guru e di gruppi di auto-aiuto, mentre in questo senso si aspettava una reazione negativa al film.

– Il film nel 2009 ha avuto un remake italiano, la commedia E’ già ieri con protagonista Antonio Albanese

Ultime notizie su Film Americani

Tutto su Film Americani →