Sapi: teaser trailer per l'horror di Brillante Mendoza


Un altro film di Brillante Mendoza? Sì: tra poco vedremo una sua nuova opera, Sapi. Non avrà battuto il record di Ulrich Seidl, in concorso di seguito a Cannes, Venezia e Berlino con la sua trilogia Paradise, ma poco ci manca. Ricordiamo che nel 2009 il regista aveva vinto la Palma d'Oro come miglior regista al Festival di Cannes con il controverso Kinatay.

Quattro mesi dopo era in concorso a Venezia con Lola, il secondo film a sorpresa di quella edizione (dopo My Son My Son What Have Ye Done di Herzog). L'anno scorso, invece, era in concorso a Berlino con Captive (che uscirà a breve nelle nostre sale) e poi a Venezia con Thy Womb. Insomma: Mendoza è diventato uno dei registi più prolifici per quel che riguarda il circuito dei festival.

E comunque: Mendoza che gira un horror? La cosa ci sorprende, ma fino ad un certo punto. Dopotutto l'autore filippino, dopo gli esordi queer, non si è mai tirato indietro nei confronti di temi sgradevoli e pieni di "orrori", pur non entrando mai nel puro genere. Anche se a suo modo Kinatay resta un'esperienza per nulla consolatoria. Sapi, comunque, si presenta come un purissimo film di genere.

Forse, e ribadiamo forse!, si tratta di un found footage movie, visti il teaser trailer che vi proponiamo oggi e la trama dell'opera. Il film segue un giornalista (Dennis Trillo) che sta girando un reportage da un luogo in cui un folto gruppo di studenti sembra essere stato impossessato da spiriti maligni. Mentre sta girando in questi luoghi, il giornalista inizia a documentare assieme a due colleghi (Baron Geisler e Meryll Soriano) altre attività paranormali...

Guardando il trailer non si ha alcun dubbio che si tratti di un film di Mendoza, e non solo per l'ambientazione. Sarà sicuramente curioso vedere il film, di cui tuttavia si sa solo la breve trama che vi abbiamo prima raccontato. Non c'è ancora una data d'uscita in patria, ma visto che abbiamo un primo trailer, e conoscendo la velocità di lavoro del regista, crediamo che Sapi sia già bell'e pronto.

Dove lo vedremo? A questo punto forse a Cannes, dove potrebbe essere un buon film di mezzanotte assieme a The Green Inferno di Eli Roth...

  • shares
  • Mail