Iran, arrestato il regista Jafar Panahi

Panahi

Il cinema in alcuni luoghi del mondo è ancora una voce che si leva contro il potere costituito e che osa sfidare le istituzioni con l'arma dell'intelletto. Negli ultimi anni uno dei luoghi più caldi al mondo è l'Iran e proprio da questo stato mediorientale arriva una triste notizia battuta questa notte dalle agenzie di tutto il mondo.

E' stato infatti arrestato il regista Jafar Panahi, una delle voci più importanti dell'opposizione al presidente Ahmaninejad. La repressione delle contestazioni, diventata durissima, ora arriva anche a fermare personaggi di fama internazionale come Panahi che nella notte è stato arrestato a Teheran, inseme alla moglie e la figlia da agenti dei servizi di sicurezza.

Panahi ha iniziato come assistente di Abbas Kiarostami. Il suo primo film è il poetico Il palloncino bianco (1995) con cui vince la Caméra d'or al Festival di Cannes. Nel 1997 conquista il Pardo d'oro a Locarno con Lo specchio, film che tratta l'argomento delicatissimo della condizione femminile nel mondo islamico, tema cardine anche del successivo Il cerchio (2000) che gli fece conquistare il Leone d'Oro a Venezia.

Nel 2003 il suo Oro Rosso vince la sezione Un certain regard a Cannes, film che fu proibito in patria. Un curriculum decisamente pesante per una voce troppo scomoda.

  • shares
  • Mail