• Film

Gnomeo e Giulietta vola in testa al box office Usa, mentre floppa Nicolas Cage con Drive Angry 3D

Arrivato al 3° weekend di programmazione, Gnomeo and Juliet 3D ha fatto suo il box office americano. Approfittando delle deludenti new entry, il film Disney ha stupito un po’ tutti gli esperti, volando in testa alla chart con appena 14 milioni di dollari. 75 i milioni incassati fino ad oggi, per un fine settimana che



Arrivato al 3° weekend di programmazione, Gnomeo and Juliet 3D ha fatto suo il box office americano. Approfittando delle deludenti new entry, il film Disney ha stupito un po’ tutti gli esperti, volando in testa alla chart con appena 14 milioni di dollari. 75 i milioni incassati fino ad oggi, per un fine settimana che definire disastroso è dire poco. A non entusiasmare, ancora una volta, i fratelli Farrelly, con Hall Pass. “Solo” 13 milioni di dollari per la commedia della Warner, con una media per sala di appena 4,549 dollari. Sono ormai 10 anni che un film dei Farrelly non esordisce superando i 20 milioni di dollari. Costato 36 milioni di dollari, il film farà fatica a recuperare il budget di partenza con il solo mercato americano. Calo contenuto e terzo posto per Unknown, riuscito ad arrivare ai 43 milioni di dollari incassati in 10 giorni di programmazione. Ne è costati appena 30.

Sono invece 80 i milioni di dollari incassati da Just Go With It. Costato 80 milioni di dollari, il film della Sony può dirsi soddisfatto, anche se lontano dai boom al quale ci aveva abituato il suo protagonista, ovvero Adam Sandler, con Sono il Numero Quattro crollato in 5° posizione (-43.3% sugli incassi). 38 i milioni di dollari raccolti dal film della Buena Vista, costatone 60 e lontano da quel successo sperato che avrebbe giustificato la nascita di un franchise praticamente annunciato. Chi invece riprende quota, grazie ad una geniale idea della Paramount, che ha distribuito in selezionati cinema una versione director’s cut con decine di minuti inediti, è Justin Bieber: Never Say Never 3D. Addirittura 63 i milioni incassati fino ad oggi dal docu/concerto dedicato al fenomeno musicale del momento. Costato appena 13 milioni di dollari, il film supererà il totale toccato dal film/concerto di Hannah Montana, riuscito due anni fa ad arrivare ai 65 milioni.

Crollo scontato per Big Mommas: Like Father, Like Son, 29 milioni di dollari incassati fino ad oggi, seguito da Il Discorso del Re, arrivato a poche ore dalla possibile incoronazione agli Oscar con ben 115 milioni di dollari in tasca, e The Roommate, più che soddisfatto con i suoi 36 milioni di dollari incassati. 9° piazza ed ennesimo flop degli ultimi anni per Nicolas Cage, riuscito a toppare per la seconda volta consecutiva l’esordio al botteghino americano. A gennaio gli 11 milioni di dollari raccolti in 72 ore da Season of the Witch, ora gli imbarazzanti 5 milioni incassati da Drive Angry 3D, con una media per sala di 2,241 dollari. Record negativo per l’attore, visto che mai, da quando è riesploso il 3D, un film in terza dimensione aveva esordito con numeri così modesti. Battuti i quasi 7 milioni di My Soul to Take. Costato addirittura 50 milioni di dollari, Drive Angry 3D farà fatica ad arrivare ai 10 sul suolo americano. Flop quasi apocalittico per Cage, sempre più sull’orlo del baratro recitativo. Che il mondo della televisione sia ormai il suo prossimo futuro? Vista la qualità media della tv americana, decisamente alta, dovrebbe forse iniziare a farci un pensierino. Straordinariamente ricco il prossimo fine settimana, con l’arrivo di Take Me Home Tonight, Beastly, The Adjustment Bureau e soprattutto lui, lo straordinario Rango, autentico capolavoro animato firmato Gore Verbinski.

I Video di Cineblog