• Film

Beastly: il trucco della Bestia

Come è stato realizzato il make-up della Bestia nel film Beastly? Ecco le dichiarazioni del regista Daniel Barnz e del truccatore Tony Gardner

di carla


Venerdì 13 maggio uscirà nelle sale italiane il film fantasy Beastly tratto liberamente dalla favola de La Bella e la Bestia. Oggi vi vogliamo parlare dell’aspetto della Bestia interpretato da Alex Pettyfer. Il regista Daniel Barnz ha spiegato:

“Quando ho incontrato per la prima volta la casa di produzione, mi hanno chiesto: ‘Che aspetto deve avere la Bestia?’ Ho risposto: ‘Non ne sono ancora esattamente sicuro, ma so che non dovrà avere la pelliccia’. E alla fine questa frase si è trasformata in un ufficioso slogan per questo film – “Niente pelliccia! (…) In tutte le rappresentazioni tradizionali di questo mito il personaggio che interpreta la bestia prende sembianze animalesche. Non volevamo seguire questo sentiero già battuto. Per me, l’elemento essenziale della storia di Beastly è questa persona bella e affascinante costretta ad assumere un brutto aspetto. Così ho cercato di immaginare cosa volesse dire per Kyle essere brutto e lasciare che fosse il punto di partenza per creare il suo aspetto esteriore. E’ stato questo il mio approccio concettuale nei confronti dell’aspetto esteriore del protagonista.”

Barnz ha collaborato con Tony Gardner, special make-up & creature effects designer, la cui carriera è iniziata con il video di Thriller di Michael Jackson e con Aliens Scontro Finale di James Cameron. Gardner ha dichiarato:

“Doveva essere la personificazione di tutto l’odio e il disgusto che Kyle aveva manifestato nei confronti degli altri. Prende di mira le persone per il loro aspetto, il loro modo di vestire, il loro portamento. Tutto questo gli si ritorce contro in questa maledizione. Kyle viene privato delle cose che gli piacciono di se stesso – perde i suoi capelli, il suo colorito muta, i suoi denti diventano gialli e la pelle malata. Deve accettare tutte le cose per le quali ha preso in giro gli altri, come i tatuaggi e i piercing. Se prestate particolarmente attenzione, noterete le parole che usa nelle primissime scene del film in alcuni di questi tatuaggi. E così, nel vero senso della parola, porta addosso un po’ di tutta la cattiveria che ha usato per offendere gli altri.”

E cosa ne pensa Vanessa Hudgens, protagonista femminile? Continua dopo il salto!

Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia

Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia
Beastly: il trucco della Bestia

“Il make-up della bestia è incredibile. La prima volta che l’ho vista sono rimasta molto colpita. La cosa particolarmente straordinaria è che quando Alex era truccato da bestia riusciva ad interpretare fino in fondo questa nuova persona, diventava completamente consapevole di sé.”

Come avveniva il trucco? Gardner spiega:

“Il processo è stato incredibilmente compless. Innanzitutto Alex ha dovuto radersi completamente la testa ed eliminare tutte le sopracciglia, trasformandosi in una tabula rasa. Poi abbiamo applicato quattro prostetici di silicone grandi e translucenti per coprire testa e collo. Sono state rimodellate le sue sopracciglia e la sua fronte, sono state aggiunte le profonde ferite e sono state applicate le venature che ricordano l’aspetto di un albero. Poi sono state create tredici cicatrici sulla testa e sul collo. Una volta create e mimetizzate le cicatrici, tutti i vari elementi sono stati resi omogenei con il make-up ed è stato aggiunto il colore. Poi abbiamo dovuto incollargli un orecchio (perché risultasse asimmetrico rispetto all’altro) e poi aggiungere gioielli di metallo al naso, alla fronte e all’orecchio. Inoltre, come simbolo di vanità, sono stati inseriti dei piccoli frammenti di specchio nella pelle di Alex, il che vuol dire che ogni giorno undici pezzi di vetro dovevano essere sistemati perfettamente all’interno delle ferite più grandi che solcavano il suo viso.”

Trovate i risultati del trucco nelle foto. Vi rimando inoltre al trailer italiano del film e alla nostra recensione in anteprima.

I Video di Cineblog