• Film

3/19: trailer, trama e tutte le anticipazioni sul film di Silvio Soldini

Tutto quello che c’è da sapere su 3/19, il nuovo film del regista Silvio Soldini con protagonista Kasia Smutniak nei cinema dall’11 novembre 2021.

3/19 il nuovo film del regista Silvio Soldini con protagonista Kasia Smutniak uscirà nelle sale l’11 novembre 2021 distribuito da Vision Distribution. Il film racconta La vita di un’avvocatessa di successo la cui vita viene sconvolta in una notte di pioggia a Milano a causa di un incidente stradale che causa la morte di un ragazzo.

Trama e cast

La trama ufficiale: La vita di Camilla (Kasia Smutniak), avvocatessa di successo e una figlia ormai grande, viene sconvolta in una notte di pioggia a Milano. Un incidente stradale, di cui forse è responsabile, la coinvolge in un’indagine che la porterà molto lontana dai luoghi e dai paesaggi che è abituata a frequentare. Al suo fianco in questa strada misteriosa e incerta, c’è Bruno, direttore dell’obitorio, con cui Camilla ‐ mentre cerca di ricostruire la vita di un estraneo ‐ scopre sé stessa.

Il cast è completato da Francesco Colella, Caterina Forza, Paolo Mazzarelli, Martina De Santis, Antonio Zavatteri e con Anna Ferzetti, Arianna Scommegna e con Giuseppe Cederna.

13/9 – trailer e video

1

Curiosità

  • Silvio Soldini dirige “3/19” da una sua sceneggiatura scritta con Doriana Leondeff, Davide Lantieri e Silvio Soldini da un soggetto di Leondeff, Lantieri e Soldini.
  • Il team che ha supportato il regista Silvio Soldini dietro le quinte ha incluso i montatori Giorgio Garini (Milano 2015) e Carlotta Cristiani (Il Colore Nascosto delle Cose), la costumista Silvia Nebiolo (Giorni e nuvole), la scenografa Paola Bizzarri (Il Comandante e la Cicogna) e il direttore della fotografia Matteo Cocco (Volevo nascondermi).
  • “3/19” è prodotto da Lionello Cerri e Cristiana Mainardi, una coproduzione Italia-Svizzera tra Lumiere & CO. e Vision Distribution, Ventura Film in coproduzione con RSI Radiotelevisione svizzera SRG SSR ed in collaborazione con SKY e Prime Video.

Chi è Silvio Soldini

Nel 1983 gira il suo primo mediometraggio in 16mm Paesaggio con figure che insieme a Giulia in ottobre ottiene riconoscimenti a vari Festival nazionali e internazionali.  Nel 1984 costituisce con i suoi più stretti collaboratori la società di produzione Monogatari. Dal 1985 con Voci celate inizia la sua attività come documentarista e nel 1990 esce il suo primo lungometraggio L’aria serena dell’Ovest che registra un buon successo di pubblico, viene presentato in concorso al Festival di Locarno, vince la Grolla d’Oro per la sceneggiatura a Saint‐Vincent, il Grand‐Prix del Festival di Annecy, il premio migliore attrice a Patrizia Piccinini a La Boule ed è invitato a numerosi festival internazionali (Montreal, Rotterdam, “New Directors New Films” al Moma di New York). Del 1993 è Un’anima divisa in due, in concorso al Festival di Venezia, dove Fabrizio Bentivoglio è premiato come migliore attore protagonista, e Grolla d’oro per la migliore regia. Nel 1997 realizza Le acrobate, selezionato in concorso al Festival di Locarno e al San Francisco International Film Festival, premiato ai Rencontres Internationales de Cinéma di Parigi e Grolla d’Oro a Valeria Golino. Nel 2000 realizza Pane e tulipani, film che lo consacra grazie all’ampio successo di critica e di pubblico, anche a livello internazionale, venduto in tutto il mondo ‐ dal Giappone all’Australia ‐ ottenendo enorme successo in Svizzera (secondo incasso di tutti i tempi), in Germania, in Argentina, in Brasile, negli Stati Uniti. Il film ha vinto 9 David di Donatello, 5 Nastri d’Argento, 9 Ciak d’oro, il Premio Flaiano e ha ottenuto 3 nomination agli European Academy Awards. Del 2002 è Brucio nel vento tratto dal romanzo “Ieri” di Agota Kristof, girato tra Svizzera e Repubblica Ceca. Presentato in concorso al Festival di Berlino, il film ha ottenuto otto nomination al David di Donatello e ha vinto il premio per il miglior film all’International Festival Film by the Sea di Vlissingen, Olanda. Nel 2004 realizza Agata e la tempesta con Licia Maglietta e Giuseppe Battiston, dopo Pane e tulipani un ritorno alla commedia con tanti personaggi e colori, in un clima meno fiabesco e più surreale. Nel 2007 partecipa con Giorni e nuvole al Rome Film Fest (Premio del pubblico) e nel 2010 Cosa voglio di più viene presentato al Festival di Berlino. Nel 2012 realizza Il comandante e la cicogna, una commedia corale e surreale. E nel 2016 il docufilm Il fiume ha sempre ragione. Nel 2018 realizza il documentario Fiume di parole, dedicato al poeta Raffaello Baldini; nel 2019 il cortometraggio Olmo, episodio di Interdependence, film collettivo sul clima prodotto da “Art of the World”. Il colore nascosto delle cose è il suo decimo lungometraggio.

La colonna sonora

  • Le musiche originali di “3/19” sono del compositore Gianluigi Carlone (Ci Vuole un Fiore, A Youth). Carlone e il regista Silvio Soldini hanno già collaborato per Il Colore Nascosto delle Cose.
  • Dal 1980 ad oggi Carlone è cofondatore, saxofonista, voce, performer e compositore della “Banda Osiris”, noto gruppo comico, teatral musicale italiano e internazionale. Dal 1998 inizia a comporre (sempre con la banda osiris) colonne sonore per il cinema grazie all’incontro con il regista Matteo Garrone con il quale collabora vincendo con Primo amore l’orso d’argento a Berlino come miglior Colonna Sonora, il David Di Donatello, il Nastro d’argento e altri riconoscimenti. Dal 2005 la creazione di colonne sonore prosegue con altri registi tra cui Kim Rossi Stuart (Anche libero va bene, 2006), Francesca Comencini (A casa nostra, 2006) Giulio Manfredonia e Antonio Albanese (Qualunquemente, 2010) e Il comandante e la cicogna, 2012) prima collaborazione con il regista Silvio Soldini.
  • Il trailer ufficiale è accompagnato dal brano Innocence (feat. Stephan Fischer) dall’album “Sentient”.

Foto e poster

Foto di Rocco Soldini