Quel che sapeva Maisie – trailer italiano e locandina della commedia con Julianne Moore

Quel che sapeva Maisie: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sulla commedia di Scott McGehee e David Siegel nei cinema italiani dal 26 giugno 2014.

Esce il prossimo 26 giugno nei cinema italiani Quel che sapeva Maisie, la commedia diretta in tandem da Scott McGehee e David Siegel, basata sul celebre romanzo di Henry James e interpretata da Julianne Moore (appena reduce dal trionfo al Festival di Cannes), Alexander Skarsgård (star della serie tv True Blood), Steve Coogan (candidato all’Oscar per Philomena) e Joanna Vanderham.

In una New York frenetica e scintillante, la piccola Maisie si ritrova contesa nella causa di divorzio tra una madre rockstar, Susanna, affettuosa ma distratta, e un padre mercante d’arte, Beale, sempre in viaggio d’affari. Quando Beale sposa Margo, la giovane tata di Maisie, il tribunale decide di affidargli la bambina e Susanna per vendetta si prende per marito un barman altrettanto giovane, Lincoln. Entrambe le nuove famiglie funzionano poco e Maisie sembra trovarsi bene solo insieme a Margo e Lincoln, gli unici davvero capaci di darle tenerezza e attenzione. Le cose si complicano quando tra i due nasce l’amore…

Adattamento contemporaneo del celebre romanzo di Henry James, Quel che sapeva Maisie è una commedia agrodolce che colpisce al cuore, con una galleria di personaggi memorabili nella migliore tradizione del cinema indipendente newyorkese.

Note di regia

Henry James al giorno d’oggi

L’idea di adattare ai nostri giorni il romanzo di Henry James è venuta allo sceneggiatore Carroll Cartwright. Parlandone insieme abbiamo capito che egli stesso aveva vissuto alcune esperienze simili e che voleva raccontarle nella cornice del libro di James. Carroll e Nancy Doyne, l’altra sceneggiatrice, per scrivere il copione hanno attinto entrambi ai propri ricordi, al tempo stesso di figli e genitori passati per un divorzio. Trovavamo interessante aggiornare la storia di James, anche perché il contesto di oggi è differente sotto molti aspetti. Basti pensare che il concetto stesso di “affidamento congiunto” era una completa novità ai tempi dello scrittore, tanto da giustificare lo spunto per un libro. Ora è di uso comune, ma questo non toglie che oggi come ieri un divorzio sia molto doloroso per tutte le persone che vi sono coinvolte.

Lo sguardo di Maisie

Il film ruota intorno un’idea molto semplice: raccontare una vicenda complessa e turbolenta dal punto di vista di una bambina di sette anni, facendo sì che lo spettatore arrivi a conoscere ogni personaggio solo attraverso la sua interazione con quest’ultima. È una prospettiva innocente e generosa, che conferisce al film una sorprendente luminosità. Malgrado la situazione al centro della vicenda non sia facile, Quel che sapeva Maisie riesce infatti a trasmettere ottimismo e speranza, e spesso anche a farci ridere, senza mai cadere nel sentimentalismo. In questo senso siamo stati fortunati a trovare Onata Aprile, una bambina dotata di una sensibilità eccezionale.

Cercare la propria voce

La storia di Maisie, al di là della sua innocenza, ha la verità del mondo reale. Il suo sguardo limpido e attento cattura le difficoltà che la circondano insieme a quanto c’è di assurdo e divertente. Ma coglie anche il modo in cui i problemi, a volte, possono essere risolti. Eravamo entusiasti di affrontare la sfida che comporta il fatto di raccontare una storia dal punto di vista di una ragazzina, ossia di esprimerlo in termini prettamente cinematografici. Questo non ha significato imporre al pubblico quel punto di vista, quanto piuttosto rendere gli spettatori partecipi di cosa voglia dire guardare, sentire e ascoltare come una ragazzina. Cosa voglia dire essere una bambina alla ricerca della propria voce in un mondo così rumoroso.

Julianne e Alexander

Julianne Moore è stata la scelta perfetta per il personaggio di Susanna. Ha una capacità unica di essere “tosta” e vulnerabile al tempo stesso. Come attrice, mette nel film tutta se stessa, lavorando sui dettagli abbastanza da essere credibile ma mai troppo da perdere la spontaneità. Riguardo a Alexander Skarsgård, non conoscevamo molto il suo lavoro, ma avevamo visto a sufficienza per sapere che avrebbe dato a Lincoln quel tipo di calore e sensibilità di cui aveva bisogno il personaggio. È fisicamente perfetto per il ruolo ed è fantastico vedere sullo schermo questo gigante buono tenere per mano una bambina minuta che lo adora. Il rapporto di affetto che è nato tra i due fuori dal set è all’origine di quella chimica speciale che si percepisce quando sono sullo schermo

Quel che sapeva Maisie - locandina italiana della commedia con Julianne Moore

I Video di Cineblog

Ultime notizie su Film Americani

Tutto su Film Americani →