Comic-Con 2014, I pinguini di Madagascar: panel del film d'animazione Dreamworks

"I pinguini di Madagascar" al Comic-Con 2014 - Resoconto del panel Dreamworks Animation con i registi Simon J. Smith ed Eric Darnell , l'animatore e doppiatore Tom McGrath e gli attori John Malkovich e Benedict Cumberbatch.

Ancora un panel targato DreamWorks Animation al Comic-Con 2014 stavolta dedicato al film d'animazione I Pinguini di Madagascar.

Nel debutto in solitaria su grande schermo l'amatissimo team di pinguini (Skipper, Kowalski, Rico e Soldato) è impegnato in una pericolosa missione il cui obiettivo è salvare il mondo fermando il malvagio polipo dottor Octavius ??Brine (doppiato da John Malkovich) e il suo piano di conquista globale. Il team di pinguini per questo incarico farà squadra con l'organizzazione di spionaggio "Vento del Nord" guidata dal lupo e agente sotto copertura "Classified" (doppiato da Benedict Cumberbatch).

Note dal panel


DreamWorks Animation Presentation - Comic-Con International 2014

I primi a salire sul palco sono i registi Simon J. Smith ed Eric Darnell e il regista e animatore Tom McGrath (voce di Skipper).

Smith ha detto che hanno terminato circa il 70% del film.

McGrath ha detto che i pinguini nel primo film non hanno avuto molto spazio, ma poi con i sequel il tempo su schermo è aumentato di pari passo al suo impegno come doppiatore per tre film, videogiochi e 80 episodi della serie tv.

McGrath originariamente voleva Robert Stack (L 'aereo più pazzo del mondo) per doppiare Skipper, ma l'attore passò a miglior vita prima che l'animazione prese il via, così McGrath che ha diretto il film Madagascar prese il ruolo.

Sul palco sale John Malkovich, l'attore racconta che l'offerta gli venne fatta tre anni e mezzo fa e già allora pensò che fosse un'idea divertente prestare la sua voce ad un polipo: "Sembrava un gioco da ragazzi".

E' il turno di Benedict Cumberbatch salire sul palco e quando l'attore arriva il pubblico impazzisce.

Cumberbatch definisce il suo personaggio un "lupo tutto azione" e "Vento del Nord" come un'agenzia che si pone come obiettivo il benessere degli animali in tutto il mondo. Classified recluta i pinguini per sfruttare le loro informazioni, lui sottovaluta i pinguini e sopravvaluta la propria squadra.

Cumberbatch a proposito di Malkovich: "La prima volta che ho incontrato John è stato ieri e la prima cosa che ho chiesto a questa leggenda della recitazioneè stata 'Com'è stato interpretare un polipo?'".

Smith dice che è stato difficile avere tutti insieme allo stesso tempo, perché è una questione di programmazione.

Domande del pubblico


DreamWorks Animation Presentation - Comic-Con International 2014

Quando gli è stato chiesto come si è preparato per il ruolo, Cumberbatch ha risposto scherzando: "Devi andare sotto copertura per un lungo periodo. Ho dovuto lavorare come lupo a Yellowstone per un mese". Ha aggiunto di aver dovuto stabilire che era l'Alfa e più tardi ha realizzato che due degli altri lupi erano Christian Bale e Daniel Day-Lewis. "Le abitudini alimentari sono un po' imbarazzanti", ma scherzi a parte l'attore ha spiegato che ci vuole un po' di tempo per abituarsi a modulare la voce quando non c'è nulla di fisico con cui interagire.

Cumberbatch ha detto che era attratto dallo stile alla James Bond del personaggio, ma che si tratta solo di un atteggiamento per mascherare un bel po' di vulnerabilità che finalmente viene fuori quando Classified riesce ad adattarsi allo stile a ruota libera dei pinguini. E' stato anche attratto da DreamWorks Animation perché i loro film fanno ridere i bambini e anche dai pinguini perché non sono solo "personaggi vincenti".

Agli ospiti viene chiesto quali opere li hanno influenzati da bambini:

McGrath è stato influenzato da Star Trek, S.W.A.T., A-Team e i pinguini sono un amalgama di tutto, un team di outsider che pensa che nulla sia impossibile. Il regista cita anche i film Stalag 17 e Quella sporca dozzina.

L'infanzia di Malkovich è stata piuttosto "eclettica" a lui piaceva tutto "ma solo se recitato da Hayley Mills" aggiunge anche che era un grande fan della serie tv Il carissimo Billy (Leave It to Beaver).

Cumberbatch sceglie Lo Hobbit perché è stato il primo libro che suo padre gli abbia mai letto ed ha anche suscitato il suo interesse per la parola scritta. Cumberbatch era anche un fan delle serie tv A-Team, L'orso Ben (Gentle Ben) e Manimal.

Cumberbatch ha detto che il suo lavoro in radio e per gli audiolibri lo ha aiutato per questo film, in particolare gli audiolibri perché si devono fare tutte le voci e immaginare tutte le ambientazioni. L'animazione è un ulteriore salto, ma c'è stato molto sostegno.

Cumberbatch e Malkovich non hanno fatto nessuna sessione di registrazione con altri attori e Cumberbatch ha notato che non si crea lo stesso cameratismo che si crea con il lavoro live-action.

Quando è stato chiesto quale fosse la differenza tra l'interpretare film vietati e non: "Penso che uno è più felice in un film per adulti" ha ironizzato Malkovich aggiungendo che non capisce il sistema di classificazione e sottolinea la lamentela comune che la violenza è male, ma niente di sessuale è vietato.

Smith, Darnell e McGrath dicono che I Pinguini di Madagascar esiste nel mondo dei film ed è un sequel di Madagascar 3. La serie televisiva è invece "una realtà alternativa".

Quando viene chiesto a Malkovich e Cumberbatch quale eroe classico dei fumetti gli piacerebbe interpretare Malkovich risponde "Lois Lane?" mentre Cumberbatch "Dottor Strange, scherzo...Batman, si lui!".

I filmati


Comic-Con 2014, I pinguini di Madagascar panel del film d'animazione Dreamworks (4)

Al panel sono stati portati circa 20 minuti di filmati divisi in quattro scene.

La scena di apertura di sei minuti funziona come retroscena e vediamo Skipper, Kowalski (Chris Miller) e Rico (John DiMaggio) come piccoli pinguini e già strambi. Non capiscono perché il resto dei pinguini stanno marciando in linea retta. Quando un uovo rotola via e nessuno degli altri pinguini fa qualcosa per aiutare, perché ciò comporterebbe la rottura della linea, Skipper, Kowalski e Rico tentano di salvare l'uovo. Quando riescono a salvare l'uovo, questo si schiude rivelando al suo interno Soldato. Il gruppo è ora su un iceberg, non sono in grado di tornare dagli altri pinguini e hanno "una probabilità del 95% di morire", questo secondo Kowalski.

Nella seconda scena la squadra sta celebrando il compleanno di Soldato assaltando Fort Knox (un'idea che è più divertente per Skipper di quanto lo sia per Soldato). Dopo alcune manovre intelligenti per infiltrarsi all'interno (in particolare una che coinvolge un passaggio pedonale), i pinguini arrivano nella stanza piena di lingotti d'oro, ma in realtà sono più interessati a ciò che si trova presso la sala pausa in fondo al corridoio: un distributore automatico pieno di delizioso cibo spazzatura, ma come Soldato cerca di arraffare un pacchetto, un tentacolo fuoriuscito dalla macchina lo afferra insieme agli altri pinguini.

La scena successiva mostra la squadra nel covo del cattivo. Stanno parlando con l'inquietante e "flessibile" dottor Octavius ??Brine, che dice di conoscere i pinguini che invece non hanno idea di chi sia lui. Alla fine Brine strappa il suo costume umano per rivelare che lui è Dave, un polipo. Dopo aver abbandonato il suo travestimento si aspetta che i pinguini finalmente lo riconoscano, ma niente da fare. Poi visto l'imbarazzo i pinguini decidono di fingere educatamente e con cautela di sapere chi sia.

La terza scena segue la squadra in fuga da Dave e inseguita attraverso i canali e le strade di Venezia dagli uomini-polpo di Dave. Alla fine della caccia, il lupo "Classified" e il suo team, "Vento del Nord" salvano i pinguini sconfiggendo i polpi.

Nella quarta e ultima scena troviamo i pinguini presso il quartier generale di "Vento del Nord" che viene "hackerato" da Dave attraverso una chiamata Skype. Dave ridacchia quando vede il gruppo, ma non c'è audio, quindi deve indossare occhiali da lettura e risolvere la difficoltà tecnica.

Fonte | Collider

Comic-Con 2014, I pinguini di Madagascar panel del film d'animazione Dreamworks (5)

  • shares
  • Mail