La sceneggiatura di Halloween scatena il web!

La sceneggiatura del nuovo Halloween di Rob Zombie ha fatto un po’ il giro di alcuni autorevoli siti di cinema, e non solo horror, ed ha ricevuto diverse opinioni. Bloody Disgusting prende due esempi: la “recensione” di Ain’t It Cool News e quella di Fangoria. Vediamo brevemente in sintesi cosa dicono.La stroncatura di AICN è

La sceneggiatura del nuovo Halloween di Rob Zombie ha fatto un po’ il giro di alcuni autorevoli siti di cinema, e non solo horror, ed ha ricevuto diverse opinioni.
Bloody Disgusting prende due esempi: la “recensione” di Ain’t It Cool News e quella di Fangoria. Vediamo brevemente in sintesi cosa dicono.

La stroncatura di AICN è abbastanza netta: lo script è troppo lungo, si dilunga inutilmente sulla storia dell’adolescente Michael (su 125 pagine ben 40 parlano della vita infantile ed adolescenziale del bambino) e a questo punto distrugge le ottime idee base di Carpenter. C’è da dire che l’autore della recensione è un fan accanito del primo Halloween e, pur avendo apprezzato La casa del diavolo, non ha per nulla amato La casa dei 1000 corpi: BD giustamente sottolinea come questa analisi sia un po’ prevenuta e in anticipo coi tempi.

Fangoria invece spera molto in questo progetto: sa che Zombie non è Carpenter e viceversa, sa bene che Zombie ha il suo stile e che non è quello del maestro. Ciò non vuol dire che Zombie sia per forza inferiore a Carpenter, è solo una differenza di stile che, leggendo anche lo script, salta subito all’occhio. Zombie vuole spiegare le “origini” di Michael e fa bene (al contrario di quanto sostiene l’autore della recensione precedente), anche quando descrive una scena in cui il bambino si masturba davanti alle foto degli animali da lui stesso uccisi; e poi spinge il pedale sulla violenza (assente praticamente nell’originale) e non lascia da parte le scene di nudo. E il remake sposta il centro da Laurie Strode al rapporto tra il Dott. Loomis e Michael: un po’ come Dr. Jekyll che non riesce a controllare la sua creatura Mr. Hide.
Si potrebbe dire che anche l’autore della seconda recensione sia prevenuto, forse perchè gli piace Zombie: ma le sue sono speranze, come possono essere le mie o quelle di qualcunque altro fan, ed è ben conscio che alla sceneggiatura manca tutto il resto: il film stesso.
E’ troppo presto quindi per giudicare, ma non per sperare. Eppure le stroncature hanno animato i fan di Carpenter e i fan di Zombie: chi già urla alla delusione, al disastro, chi al capolavoro, chi resta indifferente.

La risposta a questo polverone arriva direttamente dal regista: Zombie dice di aspettare, di non lasciarsi influenzare, di pensare con la propria testa solo dopo aver visto il film in sala. Non ci poteva essere risposta migliore.

Ultime notizie su Film Americani

Tutto su Film Americani →