• Film

Non aprite quella porta compie 40 anni: clip e foto del nuovo cofanetto Blu-ray da collezione

“Non aprite quella porta” compie quarant’anni e negli States esce uno speciale cofanetto Blu-ray da collezione con il film rimasterizzato in digitale.

Era il 1974 quando il regista Tobe Hooper assemblò, in una sorta di collage di eventi realmente accaduti e pura invenzione, il cult Non aprite quella porta narrando le gesta di una famiglia cannibale ormai iconica.

Cosa si poteva chiedere di più, i primi anni ’70, il Vietnam, lo scandalo Watergate, le proteste, i valori borghesi messi al rogo e un regista che scova l’orrore nel cuore dell’America, nell’anima nera che alberga in ognuno di noi e ne fa riflesso deforme, dissacrando l’istituzione su cui si basa il concetto stesso di Stati Uniti, mostrandone il lato incontrollabile e nascosto.

Il film che state per vedere è un resoconto della tragedia che è capitata a cinque giovani, in particolare a Sally Hardesty e a suo fratello invalido Franklin; il fatto che fossero giovani rende tutto molto più tragico, le loro giovani vite furono stroncate da eventi così assurdi e macabri che forse neanche loro avrebbero mai pensato di vivere… per loro una gita pomeridiana estiva si trasformò in un incubo e i fatti di quel giorno portarono alla scoperta di uno dei crimini più efferati della storia americana”. (voce narrante all’inizio del film)

Hooper diventa così il precursore di un’intera generazione di filmmakers che figlierà, in una liberatoria catarsi, memorabili incubi in celluloide fino ad arrivare ai giorni nostri, liberandosi metaforicamente lungo la strada, attraverso efferate allegorie, di quei demoni e mostri che una società schiava del progresso inevitabilmente produce e poi inutilmente tenta di nascondere.

Non aprite quella porta è stato imitato, omaggiato e riproposto in versione remake, ma nel corso di questi anni mai eguagliato, il che fa del cult di Hooper uno dei migliori film horror di sempre.

Ora per celebrare il 40° anniversario del film la Dark Sky Films presenta il capolavoro di Hooper per la prima rimasterizzato in digitale su Blu-ray e in una splendido cofanetto nell’edizione limitata da colllezione “Black Mary”.

The Texas Chainsaw Massacre, questo il titolo originale, appare in un nuovissimo formato 4K digitale con un sonoro 7.1 surround. Questa release supervisionata dal regista Tobe Hooper segna il ritorno del film al suo formato d’origine in 16 millimetri grazie all’utilizzo come fonte della pellicola originale che uscì nelle sale nel lontano 1974.

I fan del film riconosceranno anche il packaging unico che replica il mitico camion da trasporto bestiame “Black Mary” che arriva in soccorso di Sally Hardesty quando lei è inseguita da Leatherface nel finale del film, scena cult che fa dell’attrice la prima “Final Girl” del genere horror.

Alla sua prima uscita il film ebbe un’accoglienza contrastata dalla critica, il Los Angeles Times lo definì addirittura “spregevole”, ma i fan del genere horror riconobbero immediatamente lo spessore che si celava dietro alla efferata crudezza del film.

La storia, scritta dal regista Tobe Hooper con Kim Henkel è di una semplicita disarmante: cinque giovani si recano per un weekend in una remota zona del Texas e cadono preda di un serial-killer macellaio armato di motosega (soprannominato “Leatherface” a causa della sua maschera fatta di pelle umana) e della sua folle famiglia cannibale.

Grazie a scene sorprendenti, come una donna che viene impalata su un gancio da macellaio, il cinema horror non sarebbe mai stato più lo stesso. Violento, conflittuale e incredibilmente realistico, il film ha terrorizzato il pubblico per decenni grazie anche ad una campagna di marketing che sosteneva che il film era basato su una storia vera.

Il cofanetto “Limited Deluxe “Black Maria” Collector’s Edition” sarà disponibile negli States a ottobre con la possibilità di acquistarlo in esclusiva e in anteprima presso Gorgon Video (per soli 30 giorni a partire dal 16 settembre).

Featurette dal Blu-ray – Shocking Truth:

 

I Video di Cineblog