Nessuno vuole essere Steve Jobs: anche Christian Bale abbandona il film di Danny Boyle

Chi sarà Steve Jobs al cinema? Christian Bale dice di no alla Sony

Che il pessimo titolo lo scorso anno diretto da Joshua Michael Stern con Ashton Kutcher mattatore abbia ufficialmente 'ucciso' le speranze di vedere un vero biopic su Steve Jobs al cinema? In casa Sony ci avevano assicurato di no, impastando un progetto sulla carta straordinario. Un Premio Oscar come Danny Boyle alla regia, un Premio Oscar come Aaron Sorkin allo script e un Premio Oscar come Leonardo DiCaprio come protagonista. E qui c'è stato il primo intoppo. Perché DiCaprio ha detto di no alla major.

Al suo posto è così subentrato un altro Premio Oscar, ovvero Christian Bale, per la gioia dello studios e del regista britannico. Ma ecco oggi arrivare la doccia ghiacciata. A detta dell'Hollywood Reporter, infatti, anche Bale si è tirato fuori dal biopic su Jobs. Un fulmine a ciel sereno perché tutto sembrava pronto per le riprese, con Scott Rudin, Guymon Casady e Mark Gordon in cabina produttiva e Seth Rogen appena ingaggiato nei panni di Steve Wozniak, co-fondatore Apple.

Solo 10 giorni fa, era il 23 ottobre, Sorkin dichiarava ufficialmente:


"Abbiamo bisogno del miglior attore su piazza in una certa fascia di età e questo attore è Christian Bale. Non c'è stato neanche un provino, è bastato un incontro".


christian-bale-steve-jobs

Cosa sia successo nell'arco di due settimane rimane un mistero. Le fonti dell'HR sottolineano come dopo accese discussioni il divo sia giunto alla conclusione che non era adatto per la parte, decidendo così di ritirarsi. Lo script, lo ricordiamo, è diviso in 3 atti che 'presentano' Jobs in 3 fasi della sua carriera, con lunghissime scene in piano-sequenza e una complessità recitativa di non poco conto. Bisognerà ora capire come agire da parte della Sony, tutt'altro che intenzionata a perdere ulteriore tempo. Ma chi prendere al posto di Bale, già di suo sostituto di DiCaprio?

  • shares
  • Mail