• Film

Diario di uno Scandalo: recensione in anteprima

Diario di uno Scandalo (Notes on a scandal, Gran Bretagna, 2006) di Richard Eyre; con Judi Dench, Cate Blanchett, Bill Nighy, Andrew Simpson, Max Lewis, Juno Temple, Alice Bird. Un anziana insegnante solitaria, burbera, cinica e autoritaria. Una giovane collega, affascinante, conturbante, dall’animo gentile e bohemien. Un quindicenne spregiudicato, sboccato e molto più maturo rispetto

Diario di uno Scandalo (Notes on a scandal, Gran Bretagna, 2006) di Richard Eyre; con Judi Dench, Cate Blanchett, Bill Nighy, Andrew Simpson, Max Lewis, Juno Temple, Alice Bird.

Un anziana insegnante solitaria, burbera, cinica e autoritaria. Una giovane collega, affascinante, conturbante, dall’animo gentile e bohemien.
Un quindicenne spregiudicato, sboccato e molto più maturo rispetto all’età anagrafica che si ritrova nella carta d’identità.
Un triangolo pericoloso, pronto ad esplodere dall’interno di un diario segreto, raccoglitore di segreti, fatti di passione e scandali.
Judi Dench e Cate Blanchett sono le superbe protagoniste di questa pellicola, trhiller drammatico dai risvolti lussuriosi.

La Dench è Barbara, un’anziana donna, sola, senza amici, tranne la sua gatta Portia ed il suo diario segreto, a cui confida ogni cosa. Tutto cambia quando nella sua vita entra Sheba, la Blanchett, giovane insegnante d’arte, sposata con un suo ex professore, madre di due bambini, bella da mozzare il fiato, ma “diversa” dalle altre. Tra le due nasce un’amicizia, morbosa e maniacale per una, quasi forzata per l’altra.
Il rapporto si incrina quando Sheba perde la testa per un alunno di 15 anni. I due iniziano un’intensa relazione, fino a farsi scoprire da Barbara, che, gelosa dell’intruso, minaccerà Sheba, affinchè lo molli definitvamente, per dedicarsi interamente a lei, amica “speciale”.
Le cose non andranno come Barbara aveva immaginato, la situazione finirà per degenerare, in un crescendo rossiniano di pura follia maniacale.
Il film, diretto da Richard Eyre, cresce continuamente, accompagnato dalle roboanti e iper presenti musiche di Philip Glass, costruito sull’ottima fotografia di Chris Menges e sorretto da una coppia di attrici semplicemente in stato di grazia.
Judi Dench è fenomenale nel rappresentare la follia ossessiva di una donna sola, possessiva e opprimente, capace di far del male per il proprio bene, anche semplicemente tramite un solo sguardo e movimenti impercettibili del viso.
Cate Blanchett è la pietra dello scandalo, con un caso di pedofilia per una volta al femminile, che, per tenere tutto segreto, finirà per illudere la Dench di una possibile relazione.
Eyre non si concede censure di nessun tipo, semplicemente mostra lo scandalo del titolo del film, senza indugiare troppo, senza pudore. Come sfondo una Londra povera, proletaria, fatta di studenti sboccati e violenti, per una storia di passioni e tradimenti, di amicizia e di menzogne, custodite, gelosamente e segretamente, da uno scandaloso diario, scomodo testimone.

Voto Federico: 7
Voto Gabriele: 8

I Video di Cineblog