L’ospite: Giovanni Gentile e il dramma dell’identità al cinema

Il dramma dell’identità del filosofo Giovanni Gentile e della nostra nazione torna nella Firenze del 1944 e al cinema con L’Ospite di Ugo Frosi

di cuttv

“…manca l’aria e il respiro. Manca la voglia di guardarsi intorno, di cercare lo sguardo degli altri…”

Il filosofo italiano Giovanni Gentile scrive queste parole nel gennaio del 1944, poco tempo prima di essere ucciso, Ugo Frosi le ricorda con il viaggio nel tempo che si prepara a portare sul grande schermo dirigendo il suo primo lungometraggio.

L’ospite” torna nell’aprile 1944 e la Firenze occupata dei tedeschi, mentre tutta l’Italia è teatro di una guerra civile che si scontra con nazisti ed alleati, e Giovanni Gentile, nominato da Mussolini presidente dell’Accademia d’Italia, a Firenze, vive isolato nella sua villa alle pendici della collina di Fiesole.

Il suo Gentile, interpretato da Amerigo Fontani, si fa portatore di una politica di pacificazione nazionale che scatena l’aperta ostilità di tutte le parti in gioco (fascisti, partigiani e alleati) e un ultimo, disperato, tentativo di riconciliazione, decide di avvicinare il suo giovane ex-studente Cesare, interpretato da Luca Guastini, passato alla Resistenza e in contatto con Michael, ufficiale dei servizi segreti alleati.

“In quei giorni drammatici di guerra, l’ostilità dei suoi amici e allievi lo costringe ad un silenzio che diventa ultima occasione di riflessione sulla vita, sul senso dell’esistenza.

Ciò che mi ha interessato in questa vicenda che ha i toni di una tragedia scespiriana è stata la possibilità di indagare cosa nascondono le nostre scelte, le nostre decisioni quando ogni certezza quotidiana svanisce e improvvisamente dobbiamo fare i conti con noi stessi, in un corpo a corpo furioso con i nostri ricordi, i nostri incubi, la nostra coscienza.

Dramma dell’identità, storia privata, che qui però coincide con la storia rimossa di una nazione.” Ugo Frosi

L'ospite, Ugo Frosi, poster

Un dramma in attesa del misterioso ospite di Giovanni Gentile e di quello che forse non si può ancora dire, prodotto da Francesco Paolo Montini per la Movie Factory, con il sostegno della Regione Toscana.

La stessa Regione che si prepara ad ospitare la prima del film, alle ore 21:00 di mercoledì 15 aprile 2015, al cinema Colonna di Firenze, con il regista e il cast.

Il cast artistico che conta anche, Sonia Coppoli (Teresa), Alessio Sardelli (Delio), Marcellina (Erminia), Gianluca Brundo (Prefetto), Paolo Giommarelli (Benedetto), Sebastiano Colla (Pavolini), Michele Pagliai (Walter), Giacomo Dominici (attendente), Carlo Ciappi (Dollmann), Annamaria Iacopini (Anna) e Federico Loddo (Bruno).

L'ospite di Ugo Frosi

Curiosità

Sul set erano presenti gli occhiali e la custodia originali di Giovanni Gentile, ma non sono stati usati in scena.

Location

Le riprese si sono svolte principalmente nella villa quattrocentesca di Poggio San Felice, dimora storica appartenuta alla famiglia dei Pazzi che sorge sulle colline di Arcetri, a sud di Firenze. Si racconta che vi abbia soggiornato Cavour.

Una location a pochi chilometri di distanza dalla villa del Salviatino di Fiesole, residenza di Gentile e dei fatti storici narrati dal film.

Musiche

Le musiche del film sono di Bela Bartok. Due quartetti per archi, il n.5 e n.1, che l’autore scrisse negli anni trenta, considerati tra i più importanti e rivoluzionari quartetti del novecento musicale, mentre l’adagio del quartetto n.1 usato nel film, veniva ritenuto dal compositore un vero e proprio requiem.


Via | Movie Factory – Facebook

I Video di Cineblog

Ultime notizie su Film Italiani

Tutto su Film Italiani →