Star Wars 8: JJ Abrams ha letto il copione e vorrebbe girarlo lui

JJ Abrams si dice deluso del fatto che non potrà dirigere Star Wars 8.

Una volta che la produzione di Star Wars: Episodio VII ha preso il via, c’era sempre la questione di chi avrebbe diretto il secondo sequel della nuova trilogia. JJ Abrams, che ha diretto questo sequel / reboot di un franchise fermo da un decennio, ha dichiarato subito che non voleva farlo dato che il primo film si era rivelato letteralmente un’esperienza massacrante. Ma ora con Rian Johnson che ha saldamente in mano il timone del sequel sia in veste di regista che sceneggiatore, Abrams sembra aver cambiato idea, ma solo perché lo script di Johnson è così buono da avergli fatto venir voglia di tornare dietro la macchina da presa per un altro Star Wars.

Dopo aver letto il copione di Star Wars: Episodio VIII per la prima volta Abrams ha avuto una reazione inaspettata, a raccontarlo Greg Grunberg attore in Star Wars: Episodio VII e amico di lunga data del regista. Grunberg ha riferito che la reazione di Abrams è stata per lui una novità poiché non aveva mai visto l’amico con cui lavora da decenni reagire in quel modo.

Il racconto di Grunberg, che nel film interpreta il pilota di X-Wing Snap Wexley, in un’intervista rilasciata al Washington Post:

Lo lesse e disse qualcosa che non gli ho mai sentito dire prima. Disse: “E’ così buono, che vorrei poterlo fare io”. Potrebbe aver detto qualcosa di simile una volta su “Lost” con Damon [Lindelof, il co-creatore], ma non l’ho mai sentito esprimere rammarico in quel modo.

L’osservazione di JJ Abrams serve in primis come sostegno a ciò che Rian Johnson si accinge a fare e che lo sceneggiatore Lawrence Kasdan ha recentemente definito come un approccio bizzarro e unico al franchise. Mentre il regista ha già girato una manciata di scene per Star Wars: Episodio VIII che vedono protagonista Luke Skywalker su Skellig Michael in Irlanda, la parte più consistente delle riprese inizierà questa primavera nel Regno Unito presso i Pinewood Studios. J.J. Abrams ha rivelato di aver condiviso il primo montaggio de “Il risveglio della Forza” con Johnson in modo che il collega potesse avere un’idea del tono e dello stile da cui partire. I registi volevano che la transizione tra i due film andasse liscia anche se entrambi hanno stili di regia nettamente diversi. Rian Johnson è conosciuto per il thriller con viaggi nel tempo Looper insieme ad un paio di piccoli cult, The Brothers Bloom e Brick – Dose mortale.

J.J. Abrams dopo aver diretto “Il risveglio della Forza” continuerà a supervisionare il franchise di Star Wars in veste di produttore esecutivo, così come ha fatto con i futuri sequel di Star Trek. Dopo che Abrams ha preso la decisione di passare la mano per l’Episodio VIII ci sono state voci di un suo desiderio di dirigere Star Wars: Episodio IX, voci poi smentite dallo stesso Abrams e dalla successiva designazione alla regia del terzo film del regista Colin Trevorrow, già al timone del blockbuster Jurassic World.

JJ Abrams ha senza dubbio salvato il franchise dopo la controversa trilogia prequel di George Lucas e il suo Episodio VII è sulla buona strada per diventare al box-office il più grande kolossal di tutti i tempi. Abrams non ha solo fissato le basi per una nuova trilogia e una serie di spin-off, ma ha anche supportato un ritorno in merchandise stimato in oltre 3 miliardi di dollari di fatturato tra giocattoli, parchi a tema e qualsiasi altra cosa vi venga in mente.

Per quanto riguarda lo Snap Wexley di Greg Grunberg non è noto se potremmo rivederlo ancora in azione, anche se durante il film il pilota esclama a bordo del suo X-Wing “Sono stato colpito!”. L’attore si è rifiutato di dire se tornerà o meno esclamando: “Non avevo intenzione di andare giu!”.

 

Fonte: Movieweb

Ultime notizie su Star Wars

Tutto su Star Wars →