Star Wars 7: Andy Serkis e Lupita Nyong'o parlano di Snoke e Maz Kanata

Andy Serkis e Lupita Nyong'o parlano dei loro personaggi in Star Wars 7.

star-wars-7-andy-serkis-e-lupita-nyongo-parlano-di-snoke-e-maz-kanata.jpg

Nei mesi e nelle settimane precedenti l'uscita di Star Wars: Il risveglio della Forza ci sono stati due misteriosi personaggi di cui non conoscevamo praticamente nulla incluso il loro aspetto, stiamo parlando di Maz Kanata e Leader Supremo Snoke interpretati rispettivamente da Lupita Nyong'o e Andy Serkis, con Kanata che è stata rivelata per la prima volta nella locandina finale, mentre per lo Snoke di Andy Serkis abbiamo dovuto attendere l'uscita del film.

Mentre Star Wars: Episodio VII continua a far faville alla sua terza settimana nelle sale, Entertainment Weekly ha rivelato le prime immagini ufficiali di questi due personaggi entrambi ritratti con l'ausilio del motion-capture come avevamo già visto in alcune foto dal set in cui i due attori sono stati mostrati con le loro speciali tute. Entrambi i personaggi durante il film hanno dimostrato di essere molto importanti per il Lato oscuro e il Lato chiaro della Forza, con Maz Kanata che ha dato a Rey (Daisy Ridley) la spada laser di Luke Skywalker (Mark Hamill) e Snoke che si è rivelato essere il villain principale, anche se mostrato solo attraverso un ologramma, e figura celata dietro le azioni di Kylo Ren (Adam Driver) e del Primo ordine.

Lupita Nyong'o parla del recitare tramite il motion capture in Star Wars: Episodio VII.

Come attore nei film i tuoi occhi hanno la capacità di comunicare in ogni caso. Così è stato sicuramente un regalo poter utilizzare la magia di un personaggio creato in motion-capture.

Mentre entrambi gli attori non hanno mai condiviso alcuna scena, Andy Serkis e Lupita Nyong'o hanno lavorato a stretto contatto, con Andy Serkis che ha consigliato l'attrice premio Oscar per il suo lavoro di motion-capture. Andy Serkis è stato ampiamente considerato come un pioniere della recitazione in motion-capture per il suo lavoro come Gollum nelle trilogie Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit, senza contare il magnifico lavoro svolto per impersonare Cesare nella serie reboot Il pianeta delle scimmie.

Lupita Nyong'o parla della collaborazione con Andy Serkis.

Il consiglio più importante che mi ha dato, che era così importante come punto di riferimento, è che un personaggio in motion-capture si sviluppa allo stesso modo di tutti gli altri. Si deve capire che il personaggio è ciò che fa di loro ciò che sono"

Entrambi i personaggi torneranno in Star Wars: Episodio VIII, che inizia la produzione nel mese di gennaio, sotto la direzione di Rian Johnson. C'è molto poco che sappiamo della storia finora e Andy Serkis ha confessato che Star Wars: Episodio VII è stato il progetto più segreto di cui abbia mai fatto parte.

Era la prima volta che mi trovavo sul set non sapendo ancora in che modo approcciarmi al personaggio. Mi sto riferendo alla segretezza! Quando abbiamo iniziato a lavorarci su ho avuto alcune nozioni di massima di come Snoke sarebbe apparso, ma davvero non ero stato pienamente informato ed è quasi venuta una fuori discussione sulla performance. Leader Supremo Snoke è un personaggio piuttosto enigmatico, stranamente vulnerabile e allo stesso tempo abbastanza potente. Ovviamente ha un enorme piano. Ha sofferto di diversi traumi. Come ho già detto, c'è una strana vulnerabilità in lui, che nasconde il suo vero obiettivo, suppongo.

Ci sono state speculazioni sul fatto che Snoke in realtà potrebbe non essere così imponente come appare nelle sue proiezioni olografiche, ma non sappiamo se questa sarà una delle tante domande a cui verrà data risposta in Star Wars: Episodio VIII. Andy Serkis ha aggiunto che il personaggio non poteva essere realizzato con effetti pratici e ciò ha portato al suo lavoro in motion-capture.

Le sue dimensioni, per esempio, è uno dei motivi, lui appare molto alto e anche solo per il design del viso....non si poteva realizzarlo con protesi, sarebbe stato troppo estremo. Senza rivelare troppo, ha una struttura ossea idiosincratica molto particolare come la struttura del viso. Non si sarebbe mai potuto realizzarlo con make-up tradizionale.

Star Wars: Episodio VII ha guadagnato oltre 740 milioni di dollari in patria e un milardo mezzo di dollari in tutto il mondo e potrebbe essere solo una questione di tempo prima che infranga il record statunitense (760.500.000$) e globale (2.700.000.000$) detenuto da Avatar.

 


 

 

Fonte: Collider

  • shares
  • Mail