Doctor Strange: lo sceneggiatore C. Robert Cargill chiarisce sul casting di Tilda Swinton

C. Robert Cargill co-sceneggiatore di "Doctor Strange" spiega il controverso casting di Tilda Swinton per il ruolo dell'Antico.

doctor-strange-lo-sceneggiatore-c-robert-cargill-chiarisce-sul-casting-di-tilda-swinton.jpg

Due settimane fa la Marvel ha presentato un primo trailer per l'attesissimo Doctor Strange che ci ha mostrato per la prima volta l'Antico interpretato dall'attrice premio Oscar Tilda Swinton. Il filmato è arrivato in concomitanza con la prima immagine ufficiale di Scarlett Johansson in Ghost in the Shell, scatenando una nuova polemica sulla mancanza di diversità nei cast dei film americani e sull'imbiancare ("whitewashing") ruoli etnici.

La scorsa settimana Tilda Swinton ha commentato sulla controversia casting affermando di non essere mai stata contattata per interpretare un personaggio asiatico, ma ora abbiamo una nuova prospettiva da uno degli sceneggiatori di Doctor Strange.

C. Robert Cargill, che ha scritto la sceneggiatura insieme al suo collaboratore di lunga data Scott Derrickson, anche regista del film, e Jon Spaihts, è recentemente apparso sul podcast Youtube Double Toasted, dove ha condiviso i suoi pensieri sulla chiacchierata controversia casting. Lo scrittore ha paragonato questo casting alla prova impossibile da vincere in Star Trek nota come test della Kobayashi Maru, affermando che ogni possibile risultato sarebbe stato respinto da alcuni fan, aggiungendo che quella particolare decisione sul casting è stata presa per evitare di sconvolgere l'importantissimo mercato cinese.

La cosa dell'Antico è la Kobayashi Maru della Marvel. Non c'è nessun altro personaggio della storia Marvel che è una tale mina culturale e che rappresenti qualcosa di assolutamente impossibile da vincere. In settimana ho letto un sacco di persone che hanno parlato a questo proposito e la cosa davvero frustrante è che la maggior parte delle persone che si sono espresse sulla questione non hanno pensato a tutto il percorso intrapreso per arrivare a tale decisione, ma si sono limitate a dire "Perché non hanno semplicemente scelto in maniera diversa?". C'è un motivo per quella scelta e quel motivo è che ogni singola decisione che coinvolgeva l'Antico avrebbe creato problemi e proprio come la Kobayashi Maru, tutto si riduce al modo in cui si è disposti a perdere. l'Antico era uno stereotipo razzista che proviene da una regione del mondo che si trova in una situazione politica molto strana. Lui proviene dal Tibet, quindi se si riconosce che il Tibet è una nazione e che lui è tibetano, si rischia di alienarsi un miliardo di persone che pensano che questa sia una stron**ta e il rischio è che il governo cinese reagisca con un "Hey sapete che siamo uno dei più grandi paesi con più spettatori cinematografico nel mondo? non abbiamo intenzione di mostrare il film perché avete deciso di fare politica". Se invece decidiamo di andare nella direzione opposta e soddisfare la Cina e in particolare li appoggiamo sul Tibet...se pensi che sia una buona idea lanciare un'attrice cinese nei panni di un personaggio tibetano sei un idiota fuori di testa che non ha idea di cosa ca**o sta parlando.

Mistero risolto, nessun tentativo di "whitewashing", ma solo una scelta commerciale che include anche lo schivare eventuali polemiche di stampo politico, anche se è palese e scontato che ci sarà sempre chi polemizzerà a prescindere, ma come si suol dire fa tutto parte del gioco.

 

Fonte: Movieweb

 

 

  • shares
  • Mail