Box Office Usa, I Magnifici 7 davanti a tutti

3° miglior esordio western di sempre per I Magnifici 7.

Costato 100 milioni di dollari e accolto da tiepide critiche, I Magnifici 7 ha conquistato la vetta del box office Usa con 35 milioni di dollari incassati in 72 ore. Battuti Il Grinta dei Coen, esordiente nel 2010 con 24,830,443 dollari, e Django di Tarantino, nel 2012 partito con 30,122,888 dollari. Si tratta del 3° miglior esordio western di sempre, inflazione esclusa, dietro i 39,826,840 dollari di Revenant e i 36.4 milioni di Cowboys & Aliens. Mai una pellicola di Fuqua aveva esordito con così tanti dollari in tasca. Superati i 34,137,828 dollari di The Equalizer. Sconfitta pesante per Cicogne in Missione, cartoon Warner costato 70 milioni ma incapace di andare oltre i 21.8, con Sully di Clint Eastwood scivolato in 3° posizione e arrivato ai 93 milioni di dollari totali. Cadrà il muro dei 100.

Calo importante e solo 16.4 milioni di dollari in tasca per Bridget Jones’s Baby, con Snowden di Stone arrivato ai 15 e Blair Witch, crollato del 58.8%, ai 16. Ma ne è costati solo 5. Tutt’altra musica in casa Man in the Dark, arrivato agli 81 milioni, seguito dai 318 di Suicide Squad (da due mesi in Top10), dai 26 di When the Bough Breaks e dai 46 di Kubo e la spada magica.

Weekend a 3 il prossimo grazie a Masterminds, comedy con Zach Galifianakis, Owen Wilson e Kristen Wiig; Deepwater Horizon, diretto da Peter Berg e interpretato da Mark Wahlberg; e soprattutto Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali, atteso ritorno in sala di Tim Burton.