• Film

Inferno: 11 curiosità sul film di Ron Howard

Una piccola guida prima della visione di “Inferno”, senza spoiler

di carla

Domani 13 ottobre uscirà in Italia il thriller Inferno, diretto da Ron Howard e interpretato da Tom Hanks, Felicity Jones, Ben Foster, Irrfan Khan, Omar Sy, Sidse Babett Knudsen, Ana Ularu, Jon Donahue, Attila Árpa, Ida Darvish, Kata Sarbó, Jon Donahue. Dopo la nostra recensione, ecco qualche curiosità sul film.

Robert Langdon si risveglia in un ospedale italiano, vittima di una amnesia, dopo un’aggressione. Chiede aiuto alla dottoressa Sienna Brooks per una corsa contro il tempo per sventare un complotto globale mortale.

– “Inferno” è il quarto libro della saga di Robert Langdon scritto da Dan Brown. Ma è il terzo ad essere adattato per un film. Il terzo è “Il simbolo perduto” (2009).

– La sceneggiatura è di David Koepp.

– Durante le riprese il titolo del film era “Headache” (mal di testa), un riferimento alla commozione cerebrale subita da Robert Langdon all’inizio della storia.

– E’ il terzo film da Robert Langdon per Tom Hanks dopo “Il codice Da Vinci” (2006) e “Angeli e demoni” (2009). Tutti e tre diretti da Ron Howard e ovviamente tratti dai romanzi di Dan Brown.

– E’ il secondo film insieme per Sidse Babett Knudsen e Tom Hanks. Il primo è “A Hologram for the King” (2016) di Tom Tykwer.

– Omar Sy e Irrfan Khan hanno recitato insieme anche in “Jurassic World” (2015) di Colin Trevorrow, con Bryce Dallas Howard, figlia del regista Ron Howard.

– Nel luglio 2013 Sony aveva annunciato l’uscita del film per il 18 Dicembre 2015. Ma a causa del rilascio nei cinema di “Star Wars – Il risveglio della Forza”, la data di uscita è stata spostata al 14 ottobre 2016. Nei primi mesi del 2016 la data di uscita è stata spostata al 28 ottobre 2016 (in Italia il film esce il 13 ottobre).

– Il film è stato girato a Istanbul, Budapest, Ungheria, Firenze, Venezia, Padova e negli studios Korda di Etyek (Ungheria) e negli studios Origo di Budapest (Ungheria).

– Frase di lancio originale: His greatest challenge. Humanity’s last hope.

– In Usa ha ricevuto un PG-13 per “scene di violenza, immagini disturbanti, linguaggio e tematiche”. PG-13 significa “parents strongly cautioned”: vietato ai minori di 13 anni non accompagnati dai genitori.

– Budget stimato sui 75 milioni di dollari.

Fonte: IMDB