Deadpool 2: Ryan Reynolds parla dell'abbandono del regista Tim Miller

Ryan Reynolds parla del regista Tim Miller e della sua uscita da "Deadpool 2" per divergenze creative.

deadpool-2-ryan-reynolds-commenta-labbandono-del-regista-tim-miller.jpg

 

Deadpool 2 è attualmente in cerca di un regista dopo che Tim Miller ha abbandonato il progetto poche settimane fa. Resta invece una certezza l'impegno di Ryan Reynolds nel voler riportare Wade Wilson sul grande schermo. L'attore ha finalmente rotto il suo silenzio sulla partenza di Tim Miller e dalle sue parole si intuisce che i problemi con Miller sarebbero già sorti durante le riprese del primo film.

GQ ha recentemente eletto Ryan Reynolds "Uomo dell'Anno 2016" e lo ha intervistato sul processo di creazione del primo Deadpool e sul "divorzio" dal regista Tim Miller per Deadpool 2, una separazione basata su incolmabili divergenze creative.

Tutto quello che posso davvero aggiungere è che sono triste di vederlo fuori dal film. Tim è brillante e nessuno ha lavorato più duro di lui su Deadpool.

Ryan Reynolds ha lavorato su Deadpool per quasi un decennio fino a che il film non ha ottenuto finalmente il via libera, ma anche Tim Miller è stato collegato al film per un lungo periodo. Così è stata una sopresa quando il regista ha dato forfait per Deadpool 2. C'erano state voci che i due avevano avuto alcuni scontri durante la produzione del primo film, e alcune dichiarazioni di Reynolds durante l'intervista sembrano confermare questo attrito che, insieme con le divergenze creative sorte, hanno creato un conflitto apparentemente troppo difficile da superare.

Fare il primo film è stato molto, molto difficile. E' stato il gruppo più appassionato di persone con cui abbia mai lavorato in vita mia e per qualche motivo è stato questo gruppo folle e volubile che ha reso questo lavoro così buono e non solo, anche perché ho avuto questa visione, l'ho visto in questo modo e doveva essere in questo modo. Ha funzionato perché tutti abbiamo condiviso quella sensazione. Ma ci sono stati anche scontri spaventosi nel processo di post-produzione che sono andati intensificandosi. Per fortuna ognuno ha fatto tesoro di ciò e alla fine della giornata si era di nuovo in sintonia.

Reynolds non ha fatto alcun nome, ma sembra molto probabile che questi "scontri spaventosi" a cui fa riferimento l'attore siano avvenuti tra lui e Tim Miller. Normalmente un attore protagonista deve seguire la direzione voluta dal regista, ma Ryan Reynolds aveva molto controllo creativo come produttore su Deadpool e sembra che questo controllo sia aumentato in maniera esponenziale per Deadpool 2, dal momento che il primo film è stato un successo stratosferico per Fox. Reynolds ha parlato di come si esercita il controllo creativo e in particolare di alcuni dei punti di forza di Tim Miller, alludendo anche a ciò che ha creato attrito con il regista.

So quando ho bisogno di esercitare il controllo e quando non farlo. Non ho mai avuto intenzione di sedermi con Tim Miller e dirgli: "Gli effetti visivi di Deadpool devono essere fatti in questo modo". Lui è è un mago degli effetti visivi. Ma ci sono dei personaggi e alcune sfumature che conosco molto bene. E' qualcosa che seguo da più tempo di chiunque, a parte i ragazzi che hanno scritto i fumetti. Per Undici anni ho cercato di ottenere che Sisifo spingesse la roccia su per la collina e ogni volta me la facevano rotolare addosso. Così so davvero ogni fottuta cosa al riguardo, dal momento in cui è iniziata al momento in cui è finita.

Il problema con Deadpool 2 è stato semplicemente bollato con "divergenze creative", ma sembra che dietro potrebbe esserci molto di più. Dopo la notizia dell'abbandono di Miller è stato rivelato che tali divergenze avrebbero avuto molto a che fare con il casting del mutante Cable. Secondo quanto riferito, Tim Miller avrebbe voluto nel ruolo Kyle Chandler, ma Ryan Reynolds e Fox non erano d'accordo. E' stato anche riferito che ci sarebbero state due versioni / visioni del film molto diverse sul tavolo e quella di Tim Miller non avrebbe trovato l'appoggio di Ryan Reynolds.

Insomma non importa chi ci sarà dietro la macchina da presa, quel che è certo è che Deadpool 2 arriverà sul grande schermo nella visione voluta di Ryan Reynolds. Il primo Deadpool è il film di maggior incasso del franchise X-Men sino ad oggi con un incasso di 782 milioni di dollari in tutto il mondo da un budget di 58 milioni. Fox ha anche riferito che sta già lavorando ad un Deadpool 3 che potrebbe includere la squadra di mutanti X-Force. A questo punto il favorito per la regia di Deadpool 2 sembra David Leitch, regista dell'acclamato John Wick, ma il suo ingaggio deve ancora essere confermato. Lo studio non ha ancora fissato una data di uscita per il film, ma si prevede un approdo in sala nei primi mesi del 2018.

 

Fonte: Movieweb

 

  • shares
  • Mail