Mr. Ove: trailer italiano e poster della commedia di Hannes Holm

Mr. Ove: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sulla commedia di Hannes Holm nei cinema italiani dal 31 ottobre 2017.

 

Il 31 ottobre Academy Two porta nei cinema italiani Mr. Ove, la commedia svedese di Hannes Holm tratta dal romanzo “L’uomo che metteva in ordine il mondo” di Fredrik Backman.

Il film candidato a due premi Oscar (Miglior film straniero e Miglior trucco) vede protagonista Rolf Lassgard, doppiato nell’edizione italiana da Massimo Lopez.

 

Ove è un burbero cinquantanovenne che molti anni prima ricopriva il ruolo di Presidente dell’Associazione dei condomini. A lui però non importa niente di essere stato sollevato dall’incarico e continua a sorvegliare con piglio poliziesco tutto il quartiere. Operaio da 43 anni presso le industrie Saab, Ove viene mandato in pensione e da quel momento, senza nulla da fare, con il suo atteggiamento molesto finisce per causare ancora più ostilità nel vicinato. Ogni mattina alle 6.30 Ove si alza per condurre la sua ispezione poliziesca del quartiere e assicurarsi che le regole siano rispettate, che tutto sia in ordine. Ce l’ha un po’ con tutti nel quartiere: con chi parcheggia l’auto fuori dagli spazi appositi, con chi sbaglia a fare la differenziata, con la tizia che gira con i tacchi alti e un ridicolo cagnolino al guinzaglio, con il gatto spelacchiato che continua a fare la pipì davanti a casa sua. Ma l’arrivo di Parvaneh, la nuova vicina di casa, iraniana che si è trasferita da poco ad abitare, con il marito e i due figli, nella casa difronte aprirà poco per volta la mente di Ove, restituendocelo come il miglior “nonno” che un nipote possa desiderare.

 

Backman è diventato un caso editoriale internazionale in questi ultimi due anni, ha venduto oltre 7,5 milioni di copie nel mondo. Il suo libro più famoso “A Man Called Ove), pubblicato in Italia con il titolo “L’uomo che metteva in ordine il mondo”, è un vero bestseller in America, dove ha venduto 1,3 milioni di copie ed è nella bestsellerlist top ten da oltre 70 settimane.

 

NOTE DI REGIA

È una storia universale che ruota intorno al personaggio di Ove che ci appare a primo acchito come il vecchio più burbero del quartiere. Al centro della storia c’è l’inaspettata amicizia con Parvaneh, la nuova vicina di casa, in attesa del terzo figlio, che si è trasferita da poco ad abitare, con il marito e i due figli, nella casa proprio di fronte a lui. Ove ha da poco perso la moglie, l’amore della sua vita e proprio grazie ai racconti fatti alla vicina di casa Parvaneh, che riusciremo a scoprire il rapporto profondo che lo legava alla moglie. Per Ove non è esistito un altro amore prima di Sonia e non esisterà dopo di lei. Scopriremo anche che il suo burbero carattere è conseguenza del suo lavoro e della perdita della madre quando era ancora un bambino. Dal padre, ha imparato che la vita è innanzitutto duro lavoro, la differenza tra giusto e sbagliato e che l’unica macchina che dovrà guidare è una SAAB. Il film si apre su Ove ai giorni nostri mentre ispeziona il quartiere con il suo pugno di ferro. Ogni mattina alle 6.30 Ove si alza e va a fare la sua ispezione poliziesca e si assicura che le regole siano rispettate, che tutto sia in ordine. Ce l’ha un po’ con tutti nel quartiere: con chi parcheggia l’auto fuori dagli spazi appositi, con chi sbaglia a fare la differenziata, con la tizia che gira con i tacchi alti e un ridicolo cagnolino al guinzaglio, con il gatto spelacchiato che continua a fare la pipì davanti casa sua. E attraverso i flashbacks, scorrono le immagini del viaggio di Ove lungo la vita e della sua storia d’amore con la moglie Sonia, portata via da una malattia. L’amore che ha per la lei e il desiderio di raggiungerla lo spingerà anche ad un goffo tentativo di suicido. Ma i suoi tentativi falliscono sempre miseramente, interrotti continuamente dai vicini che hanno bisogno del suo aiuto. Scopriamo così che dietro la rudezza di Ove, si nasconde un uomo di gran cuore, con un profondo senso di giustizia. Nel personaggio di Ove possiamo tutti riconoscere qualcuno che conosciamo, che vive accanto a noi, il proprio padre, o il nonno, un fratello o uno zio. Attraverso il suo sguardo, le persone e le situazioni che lo circondano, ci appaiono in una doppia luce, comica e drammatica. Volevo concentrarmi più sull’aspetto sentimentale della storia, ma il modo che ha Ove di osservare il mondo del ventesimo secolo ha reso la storia divertente. La sua amicizia con la vicina Parvaneh e la sua famiglia diventa talmente stretta che i bambini di lei ormai lo chiamano nonno. Nei flashbacks noi scopriamo la storia d’amore tra Ove e Sonia, che ricordano le immagini dei film La mia vita a quattro zampe e Forrest Gump. Altri riferimenti per me sono stati A proposito di Schmidt e Qualcosa è cambiato. Vorrei che questa storia arrivasse al cuore delle persone, in modo positivo, sia grazie all’ironia pungente che alle vicende drammatiche che coinvolgono Ove. È un film sulla vita, un viaggio tra le risate e le lacrime. [Hannes Holm]

 

 

 

Ultime notizie su Film Europei

Tutto su Film Europei →