10 attori e attrici che hanno abbandonato Hollywood

10 attori e attrici e le motivazioni che li hanno portati ad abbandonare Hollywood.

 

Vi siete mai chiesti che fine hanno fatto alcuni attori che sono improvvisamente scomparsi dai radar? A volte l’attore conquista un ruolo iconico e ne rimane così legato da non riuscire più ad allontarsene, altri restano nel mondo dello spettacolo, ma viaggiano su canali secondari in ruoli e produzioni minori.

Ci sono anche molti attori che scelgono di lasciare Hollywood per condurre una vita normale, ma a volte le cose non sono così semplici. In molti casi gli attori hanno scelto di smettere di recitare per motivi strettamente personali, talvolta invece vengono letteralmente espulsi da un determinato “giro” per ragioni che sfuggono al loro controllo.

A seguire trovate una lista di attori e le svariate ragioni che li hanno spinti ad abbandonare Hollywood e se volete approfondire vi segnaliamo la nostra rubrica Che fine ha fatto…?.

 

 

10. Amanda Bynes

 

Dopo essere apparsa in diversi show di Nickelodeon Amanda Bynes ottiene il ruolo di co-protagonista della sit-com Le cose che amo di te; in seguito appare in diversi film diretti ad un pubblico di teenager tra i quali Hairspray – Grasso è bello, She’s the Man e Sydney White – Biancaneve al college.

La star di Nickeloedon ha subito un vero tracollo in un escalation di arresti per droga e furti in negozi, abuso di chirurgia estetica, una serie di bizzarri tweet tra cui uno in cui accusava il padre di abusi (poi ritrattato), e dopo un sospetto di schizofrenia alla fine è arrivata una diagnosi di disordine bipolare-maniaco depressivo per cui l’attrice è stata curata in una clinica pschiatrica.

Può sembrare una storia recente, ma sono passati 5 anni da quando i problemi di Bynes sono iniziati, e quasi 8 anni dall’ultima volta che l’abbiamo vista in un film, Easy Girl del 2010. Nel frattempo la Bynes ha occupato il suo tempo frequentando una scuola di moda, e ha anche espresso interesse nel voler tornare alla recitazione.

 

9. Taylor Momsen

10-attori-che-hanno-abbandonato-hollywood-9.jpg

 

Taylor Momsen è nota per due ruoli in particolare, l’adorabile Cindy Chi Lou del paese di Chinonsò nel film Il Grinch e per successivo ruolo di Jenny Humphrey nella serie tv Gossip Girl. Questa ragazza di talento con una carriera in divenire e ruoli in Spy Kids 2, Paranoid Park e Underdog ad un certo punto ha abbandonato la recitazione.

Si scoprirà che il vero amore della Momsen è la musica e che ha lasciato la recitazione per concentrarsi sulla sua vera passione, il suo gruppo hard rock “The Pretty Reckless”. La Momsen ha ammesso in un’intervista ad Elle: “Spero di poter fare solo musica per il resto della mia vita”. Attualmente la Momsen e le Pretty Reckless sono in tour in tutto il Regno Unito.

 

8. Shelley Duvall

10-attori-che-hanno-abbandonato-hollywood-8.jpg

 

Shelley Duvall è conosciuta da molti come l’angosciata moglie di Jack Torrance, Wendy, nel cult Shining. È un ruolo che è diventato famoso per la difficoltà incontrata dall’attrice durante le riprese, la Duvall ha raccontato di aver pianto per 12 ore al giorno, cinque o sei giorni alla settimana, per mesi e mesi; uno stress continuo accentuato dalle continue discussioni sul set con il regista Stanley Kubrick che portò la Duvall ad ammalarsi e perdere i capelli.

Dopo l’esperienza con Stanley Kubrick, la Duvall ha proseguito la sua carriera lavorando in molti film tra cui Popeye – Braccio di Ferro (1980), I banditi del tempo (1981), Torbide ossessioni (1995) e Ritratto di signora (1996). Ma è solo poco tempo fa che la Duvall ha confessato al mondo i problemi personali che l’hanno costretta a smettere di recitare, una confessione arrivata attraverso lo psicologo televisivo Dr. Phil a 14 anni dal suo ultimo ruolo al cinema. Durante lo show l’attrice ha ammesso di aver bisogno di aiuto, affermando di credere che Robin Williams sia ancora vivo  e che in realtà è un “mutaforma”. La figlia di Kubrick, Vivian, ha chiesto un boicottaggio dello show, accusando il Dr. Phil di aver usato l’attrice e il suo disagio mentale a scopo d’intrattenimento.

 

7. Rick Moranis

10-attori-che-hanno-abbandonato-hollywood-7.jpg

 

Sfortunatamente il motivo per cui Rick Moranis lasciò Hollywood al culmine della sua fama era tutt’altro che volontario. Quando sua moglie morì di cancro nel 1991, Moranis si prese una pausa dalla recitazione e nel 1997 aveva completamente abbandonato il cinema per concentrarsi sulle sue respondsabilità di padre di due figli. Moranis ha citato il fatto di essere un genitore single come la ragione principale del suo abbandono in un momento d’oro per la sua carriera. In un’intervista a The Hollywood Reporter l’attore ha detto: “Mi sono preso una pausa, che si è trasformata in una pausa più lunga”, 18 anni per l’esattezza. Da allora ha iniziato a scrivere e a lavorare come doppiatore, e per quanto riguarda un eventuale ritorno sul set, l’attore non ha escluso del tutto l’idea di tornare alla recitazione, aggiungendo “non appena arriverà un ruolo che attiri il mio interesse, lo farò”.

 

6. Daniel Day-Lewis

10-attori-che-hanno-abbandonato-hollywood-10.jpg

 

Il tre volte Premio Oscar Daniel Day-Lewis è un esempio di attore per nulla ossessionato dalle luci della ribalta, l’attore ha recentemente annunciato che il ruolo in Il filo nascosto (Phantom Thread) di Paul Thomas Anderson segnerà il suo ritiro definitivo dalla recitazione. L’annuncio di Daniel Day-Lewis di voler smettere di recitare per sempre non è stato uno shock poiché si era già preso un lungo ritiro dalle scene (tra il 1997 e il 2001) in cui l’attore si era dedicato all’attività di apprendista calzolaio in una bottega di Firenze. Da notare che Day-Lewis ha un altro ritiro plateale alle spalle, nel 1989 al National Theatre di Londra, mentre sul palco recitava nell’Amleto, Day-Lewis annunciò il suo ritiro dalle scene e lasciò l’esibizione per non tornare mai più sul palco.

 

5. Randy Quaid

10-attori-che-hanno-abbandonato-hollywood-5.jpg

 

Nel suo periodo migliore Randy Quaid è apparso in alcuni film iconici vedi Independence Day e National Lampoon’s Vacation per citarne un paio. Mentre il fratello di Randy, Dennis Quaid, è rimasto sotto i riflettori per gran parte della sua carriera, è dal 2009 che non vediamo Randy sul grande schermo. Che cosa è successo? In una strana catena di eventi Quaid e sua moglie hanno preso una sorta di deriva alla Bonnie e Clyde. Inizialmente arrestati per aver frodato un hotel, la coppia viene rilasciata su cauzione, ma poi diserta le udienze in tribunale. Dopo alcune altre battaglie legali dentro e fuori dal tribunale, i due si sono trasferiti in Canada, dove sono stati nuovamente arrestati per i mandati di cattura emessi negli Stati Uniti. La parte più strana? Presumibilmente quando Quaid ha affermato che erano in fuga dagli “Star Wackers” di Hollywood, una presunta cospirazione di potentati hollywoodiani che pare siano responsabili di molte morti di celebrità allo scopo di ottenerne le royalties. In attesa di un suo poco probabile ritorno al cinema, Quaid suona con la sua band musicale, Randy Quaid & The Fugitives, il cui primo singolo pubblicato s’intitola guarda caso “Star Whackers”.

 

4. Greta Garbo

10-attori-che-hanno-abbandonato-hollywood.jpg

 

Greta Garbo, all’apice del suo splendore, era letteralmente ovunque a Hollywood. Come abbiamo visto, a volte un film sbagliato può costare caro ad una star ponendola fuori da Hollywood per sempre, e questo è stato esattamente il caso di Greta Garbo.

Dopo aver recitato nel film del 1941 Non tradirmi con me (Two-Faced Woman), la Garbo ha lasciato la recitazione per sempre. Il film ha avuto recensioni così terribili che decretarono la fine della carriera della Garbo, che dopo quella enorme delusione rifiutò tutte le offerte di apparire sullo schermo di nuovo, e  di offerte ce ne furono diverse tra cui il ruolo della malinconica ex diva del muto Norma Desmond in Viale del tramonto. Anche i migliori attori hanno avuto il proprio film da dimenticare, quindi perché Greta Garbo non ha potuto superare il suo? Hollywood era pronta a riaverla sullo schermo, ma la Garbo non riuscì a tornare dopo quel cocente fallimento. La sua fama potrebbe anche essere stata di breve durata, ma con 28 film, 4 nomination all’Oscar e un Oscar alla carriera ricevuto nel 1954, la Garbo è entrata nel mito.

 

3. Joe Pesci

10-attori-che-hanno-abbandonato-hollywood-3.jpg

 

Quando nel 1999 Joe Pesci decise di annunciare il suo addio alla recitazione, è stata una sorpresa per molti fan che avevano amato la coppia formatasi con il collega Robert DeNiro. Non c’è dubbio che Pesci sia un attore di grande talento, capace di spaziare tra dramma e commedia (Mio cugino Vincenzo, Mamma ho perso L’aereo e Il padrone di casa) e che sia parte di tanto cinema di culto, quindi perché la decisione di lasciare tutto? Sebbene sia principalmente noto per la recitazione, Pesci era in realtà un Cantante di Sala prima di diventare famoso a Hollywood. Pesci decise di lasciare la recitazione per concentrarsi sull’uscita del suo secondo album, intitolato “Vincent Laguardia Gambini Sings Just For You”. L’album è un disco jazz, che rende omaggio al personaggio da lui interpretato nel film Mio cugino Vincenzo, sia nel titolo che nel brano principale “Yo cousin Vinny”.

Pesci è rimasto lontano dai riflettori da allora, tranne un’apparizione nel 2010 nel film Love Ranch con Helen Mirren, ma la buona notizia è che ha deciso di uscire ancora dal “pensionamento” per apparire nel nuovo film di Martin Scorsese The Irishman in cui torna a far coppia con il collega Robert De Niro.

 

2. Frances Farmer

10-attori-che-hanno-abbandonato-hollywood-2.jpg

 

Non c’è niente di paragonabile alla storia della brusca uscita dalle scene di Hollywood di Frances Farmer. Ci sono stati libri, film e molte congetture su ciò che è accaduto esattamente a questa ex star. Il primo segno di guai si è verificato in tempo di guerra, quando la Farmer venne arrestata per aver guidato con i fari accesi in una zona oscurata. La polizia riportò che l’attrice era visibilmente alterata e la tennero in cutodia per una notte. Negli anni successivi la Farmer entrò e uscì dalle aule di tribunale e da istituti psichiatrici con diagnosi di schizofrenia paranoide. Cercò di tornare alla recitazione nel 1958 girando il suo primo film dopo 15 anni e tornò a recitare per il teatro, ma non era più la stessa. In televisione, dopo alcune apparizioni in talk show, lavorò per 5 anni in una TV locale come conduttrice del “Frances Farmer Show” che ebbe ottimi indici di gradimento. Fu licenziata nel 1964 quando il suo alcolismo cronico diventò ingestibile. Negli ultimi anni venne arrestata due volte per guida in stato d’ebbrezza e avviò delle piccole attività commerciali, sempre fallite. Poco prima di morire di cancro a 57 anni scrisse l’autobiografia, “Will there really be a morning?”. Il libro riportava numerosi abusi che la Farmer avrebbe subito per mano di poliziotti e personale ospedaliero.

 

1. Ray Sharkey

10-attori-che-hanno-abbandonato-hollywood-6.jpg

 

La storia dell’inesorabile rovina di Ray Sharkey a Hollywood è un grande ammonimento. Dopo aver trovato il successo negli anni ’80 grazie a film come Rock Machine che gli valse un Golden Globe e Cadaveri e compari di Brian De Palma, Sharkey si scoprì sieropositivo. Molti attribuirono questa diagnosi come conseguenza del suo uso di eroina, e dopo essere stato licenziato dalla serie tv The Hat Squad la sua vita personale finì sotto i riflettori dell’opinione pubblica. Pur negando di essere sieropositivo, molte amanti di Sharkey affermarono di essere state infettate con l’HIV. Nel 1992 l’ex amante di Sharkey, Elena Monica, lo citò in giudizio per 52 milioni di dollari, sostenendo che Sharkey l’aveva consapevolmente contagiata con l’HIV. Il manager di Sharkey affermò che l’attore fece sesso con  almeno 100 donne dopo aver saputo di essere sieropositivo. Sharkey ha negato a più riprese queste affermazioni, fino a quando la malattia fu troppo ovvia per negare ancora. A quel punto l’attore sosteneva di avere un ceppo di HIV che non si sarebbe trasformato in AIDS, ma alla fine è morto per complicazioni da AIDS nel 1993.

 

Fonte: Screenrant

 

 

I Video di Cineblog