American Gangster, Recensione in Anteprima

American Gangster (American Gangster, Usa, 2007) di Ridley Scott; con Denzel Washington, Russell Crowe, Chiwetel Ejiofor, Cuba Gooding Jr., Josh Brolin, Ted Levine, Armand Assante, John Ortiz, John Hawkes, Ruby Dee.Harlem, 1968. Il gangster “buono” Bumpy Johnson muore d’infarto. Il suo uomo di fiducia, Frank Lucas, è l’unico al suo fianco nel momento dell’addio alla

American Gangster (American Gangster, Usa, 2007) di Ridley Scott; con Denzel Washington, Russell Crowe, Chiwetel Ejiofor, Cuba Gooding Jr., Josh Brolin, Ted Levine, Armand Assante, John Ortiz, John Hawkes, Ruby Dee.

Harlem, 1968.
Il gangster “buono” Bumpy Johnson muore d’infarto.
Il suo uomo di fiducia, Frank Lucas, è l’unico al suo fianco nel momento dell’addio alla vita.

Qui, quasi come fosse un passaggio di consegne, Frank intravede la propria strada, prendendo in mano le redini lasciate libere dall’ex boss, in una citta, una nazione, distrutta dalla guerra in Vietnam, dalla corruzione dilagante in tutti i propri strati sociali, dalla droga e dall’eroina, in una città che dal nulla finisce nelle mani di un nero del sud venuto dai bassifondi, diventando leggenda.

Solo un uomo, Richie Roberts, diventato celebre tra i propri colleghi per aver consegnato ai suoi superiori un milione di dollari ritrovato nel bagagliaio di un auto, si metterà sulle sue tracce, resistendo ad ogni tentazione possibile, pur di portare a compimento quel semplice obiettivo che dovrebbe essere l’unico comandamento per ogni buon poliziotto… il senso di giustizia!

Ridley Scott alla regia, Denzel Washington e Russel Crowe come assoluti protagonisti, Brian Grazer a produrre, Steven Zaillian a sceneggiare il tutto, basterebbero questi nomi, tutti premi Oscar, per capire immediatamente il peso di questa pellicola, capace di raccontare l’incredibile storia di un mito delle strade della Harlem degli anni 70, partito dal nulla e capace di arrivare a dominare un vero e proprio impero finanziario malavitoso.

Sono gli anni in cui l’America, e New York in particolare, è letteralmente sconvolta da un clamoroso caso di corruzione, che colpisce tutte le più alte sfere sociali.
Non esiste un poliziotto nella grande mela che non sia corruttibile, e quelle poche mosche bianche che resistono alle tentazioni vengono viste in malo modo, quasi derise, perchè colpevoli della possibile conclusione di una vita che finisce per accontentare tutti e “dare lavoro a migliaia di persone”.
Il Vietnam sta minando lo stato d’animo statunitense, non solo attraverso i morti, ma anche attraverso tutti quei soldati che riescono a tornare a casa, oramai eroinomani.
Con la complicità delle forze dell’ordine la mafia agisce liberamente in un mercato in totale espansione, dal profitto assicurato, vendendo migliaia di chili di droga a tutti quei tossicodipendenti alla disperata ricerca di una dose.
Tutti sanno, giudici, poliziotti, avvocati, ma la loro bocca viene chiusa da mazzette di dollari sonanti.

Fino all’arrivo di Frank Lucas!
Apprendista del superboss Bumpy Johnson, Frank, Denzel Washington, rinnova completamente il mercato della droga, tagliando gli intermedari, andando direttamente a Bangkok ad acquistare la droga, per poi rivenderla purissima sul suolo americano alla metà del prezzo della concorrenza, facendo suo l’intero mercato, arrivando a guadagnare un milione di dollari al giorno.
Lucas scalza tutte le organizzazioni criminali, diventando il vero padrone della droga newyorkese, senza nessun capo, ma con lui a capo di un’organizzazione costruita a livello familiare, come accadeva da sempre nella mafia siciliana, da lui conosciuta e frequentata negli anni passati.

Ma tutto questo potere, in mano ad un perfetto sconosciuto uomo di colore, comincia a dare fastidio.
Fino a quando sulle sue tracce non ci si mette Richie Roberts, capace di resistere ad ogni tentazione, in attesa del duello finale.

Ridley Scott ci regala un gangster movie “anomalo”.
Non c’è la violenza tipica di Scorsese, la storia si costruisce più lentamente, disegnando una vera e propria pagina di storia americana, attraverso una meticolosissima ricostruzione storica, che finisce per coprire un intero quinquennuio, e un cast corale di primissima scelta.
Washington vola verso l’ennesima nomination della propria carriera, con questo gangster dai modi gentili ed educati, elegante, con un solo valore in testa, quello della famiglia, assolutamente sacra e intoccabile, ma in realtà spietato come pochi, riuscendo a farcelo passare quasi come un “eroe”, un “buono” che in fin dei conti fa la cosa giusta, che tutte le domeniche accompagna la mamma in chiesa, quando in realtà contribuisce a far morire centinaia di persone, spacciando sul mercato migliaia di chili di eroina pura al 100%.

Crowe, alla seconda pazzesca interpretazione dell’anno dopo Quel treno per Yuma, è forse l’unico poliziotto incorruttibile di tutta New York, ma vive una vita sconfusionata, con un matrimonio distrutto, un figlio che non riesce a crescere, e una serie di donne che fanno a gara per entrare ed uscire dal proprio letto. E’ convinto di essere una persona “pulita”, quando in realtà è sporca come tutte le altre. Cattura Lukas per poi trasformarsi addirittura in suo avvocato, in un rapporto a specchio dal finale inatteso.

Scott mette in scena un’America lurida, dove tutti hanno i loro peccati da confessare, dove nessuno si può definire candido, una società allo sbando, violenta, violentata dal potere e dal vile denaro, una vera e propria Gangs of New York degli anni 70.
Sgranata, dai colori grigi e sfocati la fotografia, splendida la colonna sonora, capace di passare dall’R&b all’Hip Hop, dal Soul al Blues, praticamente impeccabile la sceneggiatura, diversi i virtuosismi registici, con tanto di macchina in spalla pronta a cogliere l’attimo, come sempre perfette le scene di massa, in un numero incredibile di set, coreografate e scenografate splendidamente dallo stesso Scott, per 158 minuti di pellicola che tracciano un nuovo modo nel fare un gangster movie.

Dopo diversi tentativi andati a vuoto Ridley può iniziare a spolverare il comodino, per far posto ad una statuetta tanto attesa quanto in questo caso meritata.
Differente da The Departed di Scorsese, e dal suo tipico stile, questo American Gangster arriva dritto dritto all’interesse dello spettatore, grazie ad un ritmo comunque incalzante e ad una storia, assolutamente vera, a dir poco avvincente.
Se poi lo spettatore è americano non possiamo certamente star qui a stupirci di fronte ad un ipotetico trionfo al botteghino e alla notte degli Oscar dove, statene certi, questo film farà sicuramente la voce grossa, visto che qui si parla di loro, della loro storia, di una pagina tanto triste quanto ancora incredibilmente recente, di una storia americana, fatta di violenza, di corruzione, di paura, di droga, fatta di semplici e spietati gangster, americani fino al midollo!

Uscita in sala: 18 gennaio

Voto Federico: 7,5
Voto Agata: 7,5
Voto Gabriele: 6

Ultime notizie su Film Americani

Tutto su Film Americani →