Speed: venduto all'asta per oltre 100mila dollari uno degli autobus del film

Uno degli autobus utilizzati per il film "Speed" battuto all'asta per oltre 100mila dollari.

speed-venduto-allasta-per-oltre-100mila-dollari-uno-degli-autobus-del-film.jpg

All'inizio della scorsa settimana si è tenuta un'enorme asta di oltre 2.000 cimeli cinematografici, tra cui oggetti di scena di Star Wars, Terminator 2 e altri film che ha fruttato oltre 6 milioni di dollari.

Alcuni dei film al centro dell'asta sono senza dubbio una grande attrazione nell'ambito dei memorabilia cinematografici, ma nessuno pensava che ci fosse qualcuno pronto a sborsare un cifra considerevole per uno dei 12 autobus TDH-5303 di General Motors del 1966 utilizzati nel film Speed del 1994. Il film, un blockbuster d'azione da 350 milioni d'incasso, era interpretato da Keanu Reeves, Sandra Bullock e Dennis Hopper e presentava una trama di stampo "thriller" in cui un bus attraversava Los Angeles non potendo scendere sotto le 50 miglia orarie a causa di una bomba collocata a bordo.

speed-venduto-allasta-per-oltre-100mila-dollari-uno-degli-autobus-del-film-3.jpg

Al contrario delle previsioni, uno degli autobus GM del 1966 è stato battuto all'asta per ben 102mila dollari sorprendendo molti. Quando "Speed" era nei cinema, gli autobus usati nel film avevano 32 anni e quindi abbastanza economici, rumorosi, resistenti e facili da modificare da essere l'ideale per una produzione cinematografica.

Della dozzina di autobus utilizzati durante le riprese di "Speed", due sono stati fatti saltare in aria e uno si è schiantato su un aereo, mentre ce ne sono stati due utilizzati per le riprese in interni, un altro paio per gli esterni e infine un altro paio utilizzati per le sequenze d'azione. Un altro bus è stato invece utilizzato per la famigerata scena del salto in autostrada.

Per quanto riguarda il bus venduto all'asta, i precedenti proprietari hanno acquistato l'autobus dalla 20th Century Fox subito dopo le riprese del 1994 e l'hanno conservato da allora.

 

 

 

Fonte: iCollector

 

 

 

  • shares
  • Mail