La bambola assassina: un nuovo video animato racconta l'evoluzione di Chucky

Un nuovo video animato mostra la completa evoluzione di Chucky nella serie di film "La bambola assassina".

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Disponibile su YouTube un nuovo video animato che racconta l'evoluzione di Chucky, il bambolotto serial-killer e icona horror anni '80 creato da Don Mancini nel 1988 per il film La bambola assassina aka Child's Play. Il film originale è incentrato su un serial-killer che trasferisce con un rituale di magia nera la sua anima in una bambola Tipo Bello (Good Guys) per rimanere in vita.

Il franchise "La bambola assassina" ha generato un totale di sette film nell'arco di oltre trentanni. Pubblicato su YouTube, il nuovo video di Tell It Animated si concentra sull'evoluzione di Chucky che nel corso della sua "carriera" cinematografica ha cambiato look nel corso degli anni, anche se le modifiche apportate all'iconico bambolotto sono state minime, con una svolta in stile "Frankenstein" nel quarto film della saga con le cicatrici sul viso che riceve in La sposa di Chucky dopo che Tiffany lo ha ricostruito, e anche il colore, la lunghezza e lo stile dei suoi capelli.

Questo video accenna anche ai prossimi appuntamenti con Chucky, in primis arriverà nelle sale il controverso reboot "La bambola assassina" girato senza alcun coinvolgimento di Don Mancini, il papà di Chucky ha criticato fortemente la pellicola che vede protagonisti Aubrey Plaza e Gabriel Bateman. Mancini dopo aver diretto le ultime due puntante direct-to-video del franchise originale, attualmente in corso e in ottima salute, sta sviluppando con Syfy una serie tv provvisoriamente intitolata "Chucky" e non ancora fornita di una data di uscita.

Il Chucky del reboot avrà un look diverso e invece di una trama a sfondo sovrannaturale come nell'originale, racconterà di una bambola la cui Intelligenza Artificiale di ultima generazione va in tilt creando un serial-killer in miniatura.

 

Fonte: Dread Central

 

 

 

  • shares
  • Mail