Il bambino d'oro: reunion di Eddie Murphy e J. L. Reate al Festival di Toronto 2019

Eddie Murphy e J. L. Reate di nuovo insieme a 33 anni dall'uscita de "Il bambino d'oro".

Questo fine settimana Eddie Murphy era presente al Toronto International Film Festival per promuovere la premiere del suo ultimo film, il biopic comedy Dolemite Is My Name. Durante la kermesse Murphy ha avuto l'opportunità di riunirsi con J. L. Reate con cui l'attore ha recitato nel film anni '80 Il bambino d'oro. Murphy e Reate si sono riuniti per una fotografia pubblicata su Twitter (via Hollywood Reporter)  ad oltre 30 anni dall'uscita del film nelle sale e l'effetto nostalgia è davvero potente.

Uscito nel 1986, "Il bambino d'oro" è stato uno dei primissimi ruoli cinematografici di Murphy. Nel film diretto da Michael Ritchie, Eddie Murphy interpreta un assistente sociale che scopre di essere il "Prescelto" incaricato di salvare il "Bambino d'oro", un ragazzino dagli straordinari poteri che è stato rapito da una setta malvagia. Il film è un bizzarro ibrido di fantasy, commedia, azione e sovrannaturale che all'epoca non convinse la critica, ma incassò bene, con quasi 80 milioni di dollari da un budget di 25 milioni, grazie ad un Murphy sulla cresta dell'onda dopo successi come 48 Ore, Una poltrona per due, ma soprattutto Beverly Hills Cop.

J.L. Reate che che all'epoca aveva sette anni venne scelta per interpretare il Bambino d'oro, suo primo e unico ruolo cinematografico poiché dopo questa esperienza l'attrice ha smesso di recitare. Ricordiamo che in origine il film era stato concepito come un dramma d'avventura con Mel Gibson nel ruolo principale. Dopo che Gibson rifiutò il film e Eddie Murphy lo sostituì, la sceneggiatura venne riscritta aggiungendo elementi comedy. Tra i registi candidati c'era anche John Carpenter che poi dirigerà Grosso guaio a Chinatown, altro bizzarro ibrido fantasy che fallì sia a livello critico e commerciale, ma poi diventato film di culto.

Murphy ha presentato "Dolemite Is My Name" in anteprima mondiale al Festival di Toronto lo scorso 6 settembre. Diretto da Craig Brewer e scritto da Scott Alexander e Larry Karaszewski, il film biografico racconta la storia del regista, attore e comico Rudy Ray Moore diventato famoso grazie a Dolemite, un personaggio creato da Moore per una serie di film di blaxploitation e utilizzato anche nei suoi numeri di cabaret. "Dolemite Is My Name" fruirà di un'uscita limitata nelle sale americane il 4 ottobre per poi approdare su Netflix per lo streaming il 25 ottobre. Murphy è attualmente impegnato nelle riprese del sequel Il principe cerca moglie 2 che riporta Murphy nei panni del Principe di Zamunda, ora destinato a diventare re. Questa volta si dirige negli Stati Uniti alla ricerca di un figlio di cui ignorava l'esistenza. Molti volti noti del film originale affiancheranno Murphy in questo sequel, tra di loro James Earl Jones, Arsenio Hall, Shari Headley, Louie Anderson e John Amos. Il sequel arriverà nei cinema il 18 dicembre 2020.

 


 

 

Fonte: THR

 

 

  • shares
  • Mail