Spider-Man 2: nel sequel animato ci sarà anche l'Uomo Ragno giapponese

Confermato anche lo Spider-Man giapponese nel sequel d'animazione "Spider-Man: Into the Spider-Verse 2".

La scorsa settimana Sony ha confermato che nel 2022 arriverà nelle sale un sequel del capolavoro d'animazione Spider-Man - Un nuovo universo. Ora via Twitter arriva la conferma ufficiale di uno dei nuovi Spidey che vedremo nel sequel, si tratta nientemeno che di Takuya Yamashiro, il protagonista della serie televisiva giapponese "Spider-Man" degli anni '70.

La rivelazione arriva da Phil Lord, sceneggiatore di Spider-Man: Into the Spider-Verse 2, che dopo essere stato contattato da Shannon Tindle, un  designer di personaggi che ha lavorato a Kubo e la spada magica che si offriva di disegnare lo Spider-Man giapponese se fosse stato scelto per comparire nel sequel, ha risposto a sorpresa:

Già realizzato!

 

Per i fan più giovani, lo Spider-Man giapponese è stato protagonista di una serie tv live action di genere tokusatsu (vedi Ultraman e Kamen Raider), prodotta dalla Toei Animation (Goldrake, Jeeg Robot) e andata in onda nel 1978 per 41 episodi. Invece di Peter Parker e Miles Morales, i protagonisti americani, la serie segue il giovane motociclista Takuya Yamashiro che assiste allo schianto di un UFO che scopriremo essere una nave da guerra spaziale chiamata Marveller (ogni riferimento non è puramente casuale). Takuya chiama in aiuto suo padre, l'archeologo spaziale Hiroshi Yamashiro, per indagare sull'astronave abbattuta. Purtroppo Hiroshi viene ucciso dopo aver trovato l'astronave, con l'incidente che attira l'attenzione del professor Monster e della sua malvagia Iron Cross Army, un gruppo alieno con piani per governare l'universo. Dopo aver seguito suo padre a bordo della Marveller, Takuya scopre Garia, l'ultimo guerriero sopravvissuto di Planet Spider, un mondo alieno che è stato distrutto dal professor Monster e dal suo esercito. Garia spiega che stava cercando di trovare e sconfiggere il professor Monster, ma ora ha bisogno di qualcuno che continui a combattere per lui e inietta a Takuya un po' del suo sangue. Invece di uccidere Takuya, il sangue gli conferisce poteri da ragno, e come se ciò non bastasse, Garia dona anche a Takuya un braccialetto che può attivare il suo costume che gli permette di lanciare ragnatele e controllare l'astronave, che può trasformarsi in un gigantesco robot da battaglia chiamato 'Leopardon'. Takuya assume il nome di "Spider-Man" e, usando i suoi nuovi doni, deve combattere il professor Monster e il suo esercito per proteggere la Terra.

Dopo la conclusione della serie, che non ha alcun collegamento con lo Spider-Man di Marvel Comics, la Toei era intenzionata a produrre anche un Captain America giapponese chiamato Captain Japan, la serie però non vide mai la luce. In compenso lo Spider-Man giapponese e il suo robot Leopardon sono apparsi nella storia crossover a fumetti nota come "Ragnoverso", serie su cui è basato "Spider-Man - Un nuovo universo".

 

 

Fonte: Comingsoon.net

 

 

  • shares
  • Mail