Christophe Gans annuncia due nuovi film basati sui videogiochi Silent Hill e Project Zero

Il sito Bloody Disgusting riporta un'intervista di Christophe Gans, in cui il regista francese annuncia due nuovi film basati su videogiochi horror giapponesi: il primo è un terzo film di Silent Hill mentre l'altro è un live-action ispirato al Project Zero di Tecmo.

Ho due progetti di film horror con il [produttore] Victor Hadida. Sto lavorando all'adattamento del videogioco Project Zero. Il film si svolgerà in Giappone. In particolare, non voglio sradicare il gioco dalla sua impostazione di casa stregata giapponese. E stiamo anche lavorando su un nuovo Silent Hill. Il progetto sarà sempre ancorato in questa atmosfera di una piccola città americana, devastata dal puritanesimo. Penso che sia tempo di crearne uno nuovo.

 

 

Silent Hill insieme a Resident Evil ha segnato una tappa fondamentale nei videogiochi cosiddetti survival-horror. Gans che ha diretto film piuttosto intriganti come l'adattamento Crying Freeman (1995) e Il patto dei lupi (2001) con l'originale Silent Hill era riuscito a cogliere l'atmosfera del videogioco regalando ai fan uno dei migliori adattamenti da videogiochi di sempre, Gans nel 2006 provò senza successo ad adattare anche il videogioco Onimusha di Capcom. In seguito è arrivato il pessimo Silent Hill: Revelation 3D di Michael J. Bassett, un vero pastrocchio confuso capace solo di inserire a caso riferimenti al videogioco minando la coesione della trama.

Per quanto riguarda Project Zero, il videogioco parte da una premessa molto suggestiva su cui si basa il gameplay, il giocatore è armato di una vecchia macchina fotografica, nota come "camera obscura", che possiede la capacità di catturare ed esorcizzare i fantasmi fotografandoli. Il concept del gioco è stato creato da Makoto Shibata sulla base di sue esperienze personali. Il videogioco originale ha generato due seque: Project Zero II: Crimson Butterfly e Project Zero III: The Tormented. Nel 2003 fu annunciato per la prima volta un adattamento cinematografico made in Hollywood che vide coinvolto anche Steven Spielberg come sceneggiatore. L''ultimo aggiornamento sul progetto risaliva al 2014 e dava il film ancora in sviluppo con il coinvolgimento di Samuel Hadida, che ora sembra aver finalmente trovato un regista.

  • shares
  • Mail