Mad Max oltre la sfera del tuono compie 35 anni: recensione e curiosità del film con Mel Gibson

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

Il 10 luglio 1985 usciva nei cinema americani Mad Max oltre la sfera del tuono, terzo film del franchise codiretto da George Miller e George Ogilvie e scritto da Miller e Terry Hayes. In questo sequel Max (Mel Gibson) viene esiliato nel deserto dalla spietata sovrana di Bartertown, Aunty Entity (Tina Turner), e lì incontra un culto di bambini e adolescenti che venerano un aereo da carico, un Boeing 747 e il suo capitano deceduto, e attendono un "salvatore" che li porterà via con sé. Max diventa così suo malgrado il Salvatore in questione che aiuterà la tribù di ragazzini a raggiungere un luogo sicuro chiudendo nel frattempo una saga e un'epoca.

"Mad Max oltre la sfera del tuono" prende la forma di un action post-apocalittico nel senso più ampio del termine, un passo ulteriore rispetto alla digressione western del precedente Interceptor - Il guerriero della strada, con un mix tra il secondo e terzo film che poi ritroveremo nell'acclamato Mad Max: Fury Road. Mentre Mad Max 3 prendeva forma, il franchise di Miller diventava tra le principali fonti d'ispirazione per il manga e anime di culto nipponico Ken il guerriero che ben si rispecchia nello scenario degradato, brutale e in qualche modo tribale in cui si muovono Max e Aunty nella prima parte di questo terzo film.

Lo sviluppo del film ha un iter che ricorda un po' quello seguito a suo tempo dal Die Hard 3 che nacque da una sceneggiatura inutilizzata e rimaneggiata di un terzo Arma letale; per quanto riguarda "Mad Max 3" a venire adattata fu una sceneggiatura scritta come una sorta di "Signore delle mosche a sfondo post-apocalittico" in cui verrà inserito il personaggio di Mel Gibson. Inoltre la scelta di Miller di girare solo le scene d'azione, lasciando il resto del film all'allora esordiente George Ogilvie, derivò dallo shock subito dal regista dopo la scomparsa dell'amico e produttore Byron Kennedy, morto in un incidente in elicottero durante un volo in cerca di location per il film.

"Oltre la sera del tuono" oltre che per questa assonanza con "Ken il guerriero" va ricordato anche per la memorabile hit "We Don't Need Another Hero" di Tina Turner e per un cambio di registro rispetto alla spartana brutalità dei due precedenti capitoli, personalmente ritengo che il salto di qualità rispetto al passato abbia reso la storia più interessante e la scala più grande su cui si sviluppa la trama ha reso il film più "hollywoodiano", nel senso più positivo del termine, rispetto al passato poiché in cerca di una platea più vasta e ciò ha richiesto un ridimensionamento del livello di violenza che non ha per nulla inficiato l'impatto e l'efficacia della curatissima messinscena che rievoca suggestioni di grandi film d'avventura come Indiana Jones, vedi la seconda parte del film, e propone sequenze come la lotta nel Thunderdome entrate nella storia del cinema di genere.

 

Curiosità




  • Il film è dedicato a Byron Kennedy, produttore e amico di George Miller scomparso in un incidente in elicottero durante la pre-produzione del film.

  • Il film non era originariamente un film di "Mad Max", ma un film post-apocalittico in stile "Il Signore delle Mosche" su una tribù di bambini che sono stati trovati da un adulto. È diventato il terzo film di Mad Max quando George Miller ha suggerito che fosse Max l'uomo che trova i bambini.

  • Tina Turner ha dovuto radersi la testa perché la parrucca si adattasse correttamente. Secondo quanto riferito non ha avuto problemi nel farlo.

  • Gli occhi di Max sono diversi; la pupilla nell'occhio sinistro è permanentemente dilatata. Questo è un cenno a l film Interceptor - Il guerriero della strada (1981) quando la sua auto viene mandata fuori strada da Wez e Max si schianta, subendo un grave infortunio, tra le altre parti del corpo, all'occhio sinistro. La disparità è più facile da vedere nei primi piani e molto facile da vedere nelle versioni ad alta definizione del film. Nella versione normale la si nota meglio quando Max guarda dall'alto in basso il Thunderdome (la "Sfera del Tuono" del titolo italiano).

  • I possibili esiti sulla Ruota sono: Morte - Lavori forzati - Assoluzione - Gulag - Scelta di Aunty - Gira di nuovo - Rinunciare a delle merci - Underworld - Amputazione - Prigione a vita.

  • Il nome di Max viene pronunciato una sola volta nel film. Subito dopo che incontra Master Blaster nell'Underworld. The Master dice "Chi tu?", Max risponde "Me Max".

  • L'abito di maglia d'acciaio di Aunty Entity (Tina Turner) pesava oltre 55 chilogrammi.

  • A George Miller sono stati concessi i diritti di Interceptor - Il guerriero della strada (1981) e di questo film affinché facesse un passo indietro come regista di Contact (1997).

  • Quando Max incontra Aunty per la prima volta, si sente suonare un sassofono, la macchina da presa rivela quindi che la musica non è la colonna sonora, ma che si svolge all'interno del film stesso ed è uno degli uomini di Aunty che la sta suonando. Questo è un cenno ad Interceptor (1979), dove la moglie di Max, che suona il sassofono, si rivela allo stesso modo.

  • Nelle interviste su Interceptor - Il guerriero della strada (1981), George Miller disse che mentre il mondo di Max era ambientato dopo il crollo del sistema sociale / politico / economico che conosciamo, non era però ambientato dopo la terza guerra mondiale. Tuttavia, secondo l'introduzione del Dr. Dealgood in Thunderdome, questo film è esplicitamente ambientato dopo una guerra, sebbene non necessariamente la terza guerra mondiale.




  • Il personaggio di Tina Turner è indicato come Aunty Entity, ma in nessun punto del film qualcuno la chiama così. Viene sempre e solo definita Aunty.

  • Il film fa riferimento ad un romanzo di Russell Hoban intitolato "Riddley Walker" su un eroe che viaggia in un'Inghilterra post-apocalittica.

  • La locandina di questo film è stata una delle ultime realizzate da Richard Amsel.

  • C'erano seicento maiali nell'Underworld. L'acquisto di una tale quantità di animali avrebbe potuto danneggiare il mercato delle carni suine, quindi li hanno noleggiati da un allevatore di maiali.

  • Quando Max sta rinunciando alle sue armi a Bartertown, lascia la balestra da polso di Wez da Interceptor - Il guerriero della strada (1981), che probabilmente recuperò dopo che Wez fu ucciso da un camion.

  • L'aereo di Jedidiah è un Transavia PL-12 "Airtruk", un biplano agricolo monomotore progettato da Transavia in Australia. Dopo aver volato per la prima volta nel 1965, circa centoventi ne erano stati costruiti al momento della realizzazione del film.

  • Quando Max incontra l'Ammazza-porci per la prima volta, passano davanti ad un altro prigioniero che è il Charlie dall'originale Interceptor (il poliziotto che viene ferito e deve parlare con un dispositivo vocale).

  • Il film si svolge quindici anni dopo il precedente Interceptor - Il guerriero della strada (1981), che si svolgeva cinque anni dopo Interceptor (1979). Questo rende questo film ambientato venti anni dopo il primo film.

  • I bambini hanno trascorso due mesi in seminari, imparando a cacciare, arrampicarsi e ad usare armi primitive.

  • Si tratta del primo del franchise realizzato con finanziamenti statunitensi, il che spiega perché Tina Turner è apparsa nel film.

  • Jane Fonda è stata considerata per il ruolo di Aunty Entity.

  • Si tratta del film finale dell'attore Angelo Rossitto, la cui carriera è durata quasi sessant'anni.

  • Questo è il primo film di Mad Max in cui Max usa un'arma da fuoco diversa da un fucile da caccia. Come ufficiale della MFP in Interceptor (1979), Max portava un revolver, ma cercava sempre un fucile - incluso il suo iconico fucile a canne mozze - quando si presentava la necessità di un'arma. In Interceptor - Il guerriero della strada (1981), Max utilizzava solo il fucile a canne mozze.

  • La direttrice del casting Alison Barrett ha perlustrato le scuole australiane per assemblare la tribù di sessanta bambini, dai venti mesi ai sedici anni.




  • George Miller aveva pianificato di portare Mad Max sul piccolo schermo e ha iniziato a sviluppare una serie televisiva basata sui film di Mad Max e voleva Jon Blake, con cui aveva lavorato nel film d'azione Cool Change (1986), per recitare nella serie. Ma la carriera di attore di Jon Blake si è conclusa quando ha subito un danno cerebrale permanente in un incidente d'auto e la serie televisiva Mad Max non è mai stata realizzata.

  • Il titolo provvisorio del film, per tenerlo segreto, era "Desert World".

  • Il fucile da caccia di Max differisce in questo film da quello che ha usato in Interceptor (1979) e Interceptor - Il guerriero della strada (1981) e che era la sua arma di servizio. Questo ha martelli a vista e una impugnatura diversa.

  • Mentre consegna le sue armi a Bartertown, Max estrae una Mauser C96 e lo punta su The Collector. Max probabilmente ha ottenuto quest'arma da Bubba Zanetti dopo averlo colpito a morte in Interceptor (1979).

  • Il film segna il debutto alla regia di George Ogilvie, che condivide i crediti con George Miller. Prima del film, Ogilvie ha diretto due miniserie televisive.

  • Questo è stato il primo film per Helen Buday.

  • È credenza popolare che il veicolo che Max sta guidando all'inizio e alla fine del film è basato su una Ford F-150. Tuttavia come veicolo di base fu invece utilizzato un modello australiano della Ford Fairlane ZF-ZG modificato della metà degli anni '70. Sebbene l'esterno dell'auto sia stato pesantemente modificato, il veicolo viene identificato attraverso i pezzi rimanenti degli interni dell'auto. Questi includono un cruscotto curvo e un interruttore di accensione, insieme al posizionamento del piantone dello sterzo (stile comune del modello Ford australiano tra gli anni 1971-1976), insieme al rivestimento del sedile ZG e al volante. Ciò può essere confermato attraverso i primi piani degli interni durante la sequenza di inseguimento finale.

  • Il co-sceneggiatore Terry Hayes ha dichiarato: "Bartertown è una versione amplificata del nostro mondo odierno".

  • Il regista George Miller ha affermato che il film "The Atomic Cafe" (1982) il cui titolo appare su  un'insegna luminosa di Bartertown è stato una delle fonti d'ispirazione di "Mad Max oltre la sfera del tuono" (1985).

  • A partire da questo film il termine "Pig Killer" (Ammazza-porci nel doppiaggio italiano) è diventato sinonimo di un "disadattato che vive ai margini della società".

  • George Miller ha deciso di attenuare la violenza nel film a causa della natura della storia e ha ritenuto giusto che il film non fosse eccessivamente violento.

  • La parte di Aunty Entity è stata scritta appositamente per Tina Turner, anche se non le era stato chiesto di apparire nel film.

  • Adam Cockburn (Jedediah Jr.) è attualmente un talentuoso creatore di luci laser per club e DJ. Ha anche fatto un remix del tema musicale del film di Tina Turner ""We don't need another hero (thunder done.").

  • Sono i combattimenti nel Thunderdome in questo film che hanno ispirato il defunto wrestler professionista Dusty Rhodes a proporre e introdurre un formato di match di wrestling distintivo noto come "War Games match". In questo tipo di  match, due squadre composte da cinque lottatori combattono ciascuna in un anello a doppia giuntura circondato da gabbie d'acciaio bloccate.




  • Angry Anderson (Ironbar) è un membro della piuttosto famosa band rock australiana Rose Tattoo.

  • La tempesta di sabbia alla fine del film era reale, e un aereo munito di macchina da presa vi è volato sopra per alcune riprese. La tempesta, nella sua interezza, colpì la troupe nel mezzo del deserto, costringendoli a fuggire nelle loro macchine e ovunque potessero trovare riparo.

  • Lo script prevedeva che Aunty Entity guidasse un veicolo. Tutti i veicoli erano stati costruiti utilizzando cambi manuali, che Tina Turner non era in grado di guidare, quindi è stato necessario costruire un'auto dotata di cambio automatico.

  • Dal film sono state tagliate due scene per ridurne la durata. Nel primo, Max sogna la moglie e il figlio assassinati, si sveglia, piange e si rende conto di essere diventato tanto brutale quanto gli animali che cacciava da poliziotto (la scena cancellata era nella romanzo di Joan D. Vinge ma le riprese della scena cancellata sono mancanti). L'altra vede Max portare un Gekko morente sulla cima di una duna di sabbia di notte da cui si vedono le luci di Bartertown, dicendogli che hanno raggiunto la "Città del domani". Alcuni secondi di questa scena sono inclusi nel video musicale di "We Don't Need Another Hero" di Tina Turner.

  • Il film doveva essere l'ultimo capitolo del franchise di "Mad Max", con Mel Gibson che abbandonava il ruolo di Max e terminava con Max che riacquistava la sua umanità e si allontanava verso il tramonto, e così è stato, fino a quando George Miller ha realizzato l'acclamato e pluripremiato terzo sequel, Mad Max: Fury Road (2015).

  • Il fischio che Max usa per disabilitare temporaneamente Blaster è una pipa di Boatswain (Bosun), un fischietto da marinaio ancora usato oggi sulle navi della marina.

  • Non è spiegato perché Max non abbia ucciso Blaster nel film. È possibile che Blaster abbia ricordato a Max di Benno, il contadino autistico che viveva nella fattoria di May Swaisey in Interceptor (1979) quando Jesse e Sprog furono assassinati da "Toecutter" e dalla sua banda di motociclisti, o potrebbe esserci rimasta dell'umanità in Max e per questo sentiva che era sbagliato e disumano uccidere un Blaster mentalmente disabile. Alcuni credono che Benno e Blaster siano lo stesso personaggio, nonostante siano interpretati da attori diversi, ed è possibile che Benno sia sopravvissuto alla guerra nucleare.

  • Le suole degli stivali di Max sono battistrada riciclati per pneumatici con cui sfugge alle sabbie mobili nel "Gulag".

  • Mentre Max sta per combattere Blaster nel Thunderdome, il Dr. Dealgood dice a Max che Thunderdome non ha regole. Tuttavia, all'inizio del film è stato stabilito che in Thunderdome entrambi i combattenti che entrano in Thunderdome combattono fino alla morte, quindi "Due combattono. Uno vive". Un combattente che uccide il suo avversario per vincere è una regola e Max la infrange quando rifiuta di uccidere Blaster.

  • Le musiche originali del film sono del compositore francese Maurice Jarre (Ghost - Fantasma, Gorilla nella nebbia, Witness - Il testimone) vincitore di tre premi Oscar per le colonne sonore di Lawrence d'Arabia, Il dottor Zivago e Passaggio in India.

  • Il tema musicale del film, "We Don't Need Another Hero", cantato da Tina Turner, ha raggiunto il numero due nelle classifiche statunitensi, il numero tre nelle classifiche britanniche e il numero uno in Australia, nell'estate del 1985. La canzone è stata registrata a Londra, in Inghilterra, con un coro di supporto della Kings House School che includeva, tra gli altri, un allora dodicenne Lawrence Dallaglio che sarebbe diventato un giocatore di rugby di grande successo in Inghilterra.


  • shares
  • Mail