La cosa: John Carpenter a bordo del reboot di Blumhouse e Universal

In principio fu il classico in bianco e nero La cosa da un altro mondo del 1951, seguito nel 1982 dal remake divenuto di culto La cosa di John Carpenter, all'epoca stroncato dalla critica e non apprezzato dal pubblico e infine nel 2011 è stato prodotto un prequel dell'olandese Matthijis van Heijningen Jr. con un eroina che strizzava l'occhio alla Ripley di Alien per un risultato mediocre a parte gli effetti speciali di grande impatto.

Le ultime notizie di un nuovo remake de "La cosa" risalgono a gennaio 2020, con Universal e Blumhouse che stavano collaborando ad un nuovo adattamento del romanzo La cosa da un altro mondo (Who Goes There?) di John W. Campbell ed è proprio allo sviluppo di questo progetto che si è ora unito John Carpenter.

Il sito Variety riporta che il regista ha parlato del reboot durante una masterclass al Fantasia International Film Festival, ma Carpenter non ha specificato se dirigerà o meno il film. Blumhouse e Carpenter hanno già collaborato per la trilogia di nuovi film di Halloween di cui il regista è produttore esecutivo e autore delle colonne sonore.

Il nuovo adattamento sarà basato sul romanzo "Frozen Hell" di Campbell, una versione ampliata del romanzo "La cosa da un altro mondo" scoperta nel 2018 e che include un'apertura completamente diversa rispetto al romanzo pubblicato. La scoperta è stata fatta dall'autore e biografo Alec Nevala-Lee, durante le sue ricerche su una biografia di Campbell e altri autori della Golden Age della fantascienza. "Frozen Hell" è stato trovato in una scatola di manoscritti inviati da Campbell all'Università di Harvard.

 

  • shares
  • Mail