All the Beauty and the Bloodshed: trailer e anticipazioni del film Leone d’oro a Venezia 79

Tutto quello che c’è da sapere su “All the Beauty and the Bloodshed”, il film documentario di Laura Poitras Leone d’oro a Venezia 79.

All the Beauty and the Bloodshed della regista Laura Poitras si è aggiudicato il Leone d’oro al miglior film a Veneizia 79. Trattasi di un film documentario che esplora la carriera dell’attivista e fotografa Nan Goldin e la caduta dei Sackler, una famiglia di imprenditori farmaceutici coinvolti nella crisi statunitense degli oppioidi iniziata negli anni novanta.

La trama

“All the Beauty and the Bloodshed” è la storia epica ed emozionante dell’artista e attivista di fama internazionale Nan Goldin, raccontata attraverso diapositive, dialoghi intimi, fotografie rivoluzionarie e rari filmati, della sua battaglia per ottenere il riconoscimento della responsabilità della famiglia Sackler per le morti di overdose da farmaco. Il film intreccia il passato e il presente di Goldin, l’aspetto profondamente personale e quello politico, dalle azioni del P.A.I.N. presso rinomate istituzioni artistiche alle immagini di amici e colleghi catturate da Goldin, passando per la devastante Ballad of Sexual Dependency e la leggendaria mostra sull’AIDS Witnesses: Against Our Vanishing del 1989, censurata dal National Endowment for the Arts. La storia inizia con P.A.I.N., un gruppo da lei fondato per indurre i musei a rifiutare i fondi Sackler, togliere lo stigma alla dipendenza e promuovere strategie di riduzione del danno. Ispirato da Act Up, il gruppo ha orchestrato una serie di proteste atte a denunciare i Sackler e i crimini della Purdue Pharma, produttrice dell’ossicodone. Al centro del film campeggiano le opere d’arte di Goldin The Ballad of Sexual Dependency, The Other Side, Sisters, Saints and Sibyls e Memory Lost. In queste opere, Goldin ritrae gli amici rappresentandoli con bellezza e cruda tenerezza. Queste amicizie e l’eredità della sorella Barbara sono alla base di tutta l’arte di Nan Goldin.

All the Beauty and the Bloodshed – trailer e video

Curiosità

  • Laura Poitras è una regista, produttrice cinematografica e documentarista statunitense, vincitrice nel 2015 dell’Oscar al miglior documentario per il film Citizenfour.
  • Il montaggio di “All the Beauty and the Bloodshed” è stato curato da Joe Bini, Amy Foote e Brian A. Kates.
  • “All the Beauty and the Bloodshed” è il secondo documentario ad aggiudicarsi il Leone d’Oro al miglior film al Festival di Venezia dopo Sacro GRA premiato nel 2013.
  • Il film sarà proiettato anche al New York Film Festival 2022, dove sarà la pellicola fulcro del festival e il poster ufficiale sarà disegnato da Nan Goldin.
  • Il distributore americano del film, Neon, ha rivelao che l’uscita nelle sale statunitensi coinciderà con una retrospettiva del lavoro di Goldin al Moderna Museet, che aprirà i battenti il 29 ottobre 2022.
  • Il film è prodotto da Laura Poitras, Nan Goldin, Howard Gertler, Yoni Golijov e John S. Lyons. Clare Carter, Alex Kwartler, Jeff Skoll, Hayley Theisen e Diane Weyermann sono i produttori esecutivi.

Chi è Nan Goldin?

Nan Goldin è nata a Washington DC nel 1953. Vive e lavora a New York City. Una delle artiste più importanti e influenti della sua generazione, Goldin ha rivoluzionato l’arte della fotografia attraverso la sua ritrattistica schietta e profondamente personale. Negli ultimi 45 anni Goldin ha creato alcune delle immagini più indelebili del XX e XXI secolo. Dall’inizio degli anni ’70 il suo lavoro ha esplorato le nozioni di genere e le definizioni di normalità. Documentando la sua vita e quella degli amici che la circondano, Goldin dà voce e visibilità alle sue comunità. Nel 2017 l’artista fonda il gruppo P.A.I.N. (Prescription Addiction Intervention Now), che affronta la crisi della guerra alla droga in corso prendendo di mira le aziende farmaceutiche che hanno tratto profitto dalle dipendenze e dalle morti di oltre mezzo milione di americani. P.A.I.N. sono sostenitori della riduzione del danno, della depenalizzazione delle droghe e dei trattamenti salvavita per i tossicodipendenti. Il suo lavoro è stato oggetto di due importanti retrospettive itineranti: una organizzata nel 1996 dal Whitney Museum of American Art, New York, e un’altra nel 2001, dal Centre Pompidou, Parigi, e dal Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, Madrid, che si è poi spostata a Londra, Porto, Torino e Varsavia . Nel 2019, Goldin ha ricevuto l’incarico di creare una nuova opera per la mostra della Reggia di Versailles, Versailles – Visible/Invisible. Nan Goldin ha ricevuto numerosi premi tra cui il Kathë Kollwitz Award nel 2022, l’Hasselblad Award nel 2007 ed è stata nominata Commandeur dell’Ordre des Arts et des Lettres in Francia nel 2006. Nel 2012, Goldin ha ricevuto La prestigiosa Medaglia Edward MacDowell, per il suo eccezionale contributo alla cultura e alle arti americane.

Nel 2017, in un discorso in Brasile, Goldin ha rivelato che si stava riprendendo dalla dipendenza da oppioidi, in particolare a OxyContin (Ossicodone), dopo che le era stato prescritto il farmaco per un polso dolorante. Aveva cercato un trattamento per la sua dipendenza e aveva combattuto attraverso la riabilitazione. Ciò l’ha portata a creare una campagna chiamata Prescription Addiction Intervention Now (PAIN) perseguendo l’attivismo sui social media diretto contro la famiglia Sackler per il loro coinvolgimento in Purdue Pharma, produttori di OxyContin. Goldin ha affermato che la campagna tenta di contrastare i contributi filantropici della famiglia Sackler a gallerie d’arte, musei e università con una mancanza di responsabilità assunta per la crisi degli oppioidi. Goldin è venuto a conoscenza della famiglia Sackler nel 2017. Nel 2018, ha organizzato una protesta nel Tempio di Dendur dell’ala Sackler al Metropolitan Museum of Art. La protesta invitava i musei e le altre istituzioni culturali a non accettare denaro dalla famiglia Sackler. Sono seguite altre proteste in altri musei, ma alcuni critici hanno accusato Goldin di far sembrare affascinante l’uso dell’eroina e di aver aperto la strada a uno stile grunge che in seguito è diventato popolare da riviste di moda giovanile. Tuttavia, in un’intervista del 2002 con The Observer, la stessa Goldin definì l’uso dell'”eroina chic” per vendere vestiti e profumi come qualcosa di “riprovevole e malvagio”. Goldin ammette di aver avuto un’immagine romantica della cultura della droga in giovane età, ma vide presto l’errore in questo ideale: “Avevo un’idea totalmente romantica di essere una drogata. Volevo esserlo”. L’uso di sostanze di Goldin si è interrotto dopo che è rimasta incuriosita dall’idea della memoria nel suo lavoro: “Quando le persone parlano dell’immediatezza nel mio lavoro, ecco di cosa si tratta: questo bisogno di ricordare e registrare ogni singola cosa”.

Ho avviato un gruppo chiamato P.A.I.N. per affrontare la crisi degli oppioidi. Siamo un gruppo di artisti, attivisti e tossicodipendenti che credono nell’azione diretta. Prendiamo di mira la famiglia Sackler, che ha prodotto e spinto OxyContin, attraverso i musei e le università che portano avanti il loro nome. Parliamo per i 250.000 corpi che non possono più.

Note di regia

Ho iniziato a lavorare a questo film con Nan nel 2019, due anni dopo che aveva deciso di sfruttare la sua influenza come artista per denunciare la responsabilità penale della ricchissima famiglia Sackler nell’alimentare la crisi da overdose. Il processo di realizzazione di questo film è stato profondamente intimo. Nan e io ci incontravamo a casa sua nei fine settimana e parlavamo. All’inizio sono stata attratta dalla storia terrificante di una famiglia miliardaria che ha consapevolmente creato un’epidemia e ha successivamente versato denaro ai musei, ottenendo in cambio detrazioni fiscali e la possibilità di dare il proprio nome a qualche galleria. Ma mentre parlavamo, ho capito che questa era solo una parte della storia che volevo raccontare, e che il nucleo del film è costituito dall’arte, dalla fotografia di Nan e dall’eredità dei suoi amici e della sorella Barbara. Un’eredità di persone in fuga dall’America. [Laura Poitras]

Chi è Laura Poitras?

Laura Poitras è una regista, giornalista e artista. Citizenfour, la terza puntata della sua trilogia post-11 settembre, ha vinto un Oscar per il miglior documentario, insieme a premi dalla British Film Academy, Independent Spirit Awards, Directors Guild of America, German Filmpreis, Cinema Eye Honors, Gotham Awards e altri. La prima parte della trilogia, My Country, My Country, sull’occupazione americana dell’Iraq, è stato nominato per un Oscar. La seconda parte, The Oath, si è concentrata su Guantanamo e la “guerra al terrore”, ed è stata nominata per due Emmy Awards. I suoi servizi sulla sorveglianza di massa globale della NSA sulla base delle rivelazioni di Edward Snowden hanno vinto il George Polk Award per il giornalismo sulla sicurezza nazionale e il Premio Pulitzer 2014 per il servizio pubblico con The Guardian e Washington Post. Poitars ha ricevuto molti altri riconoscimenti per il suo lavoro, tra cui una borsa di studio MacArthur e un Peabody Award. Nel 2014, all’indomani delle rivelazioni di Snowden, alti funzionari della CIA hanno fatto pressioni per designare Poitras come “mediatore di informazioni” e “agente di una potenza straniera” per aprire la strada ad una azione penale. Il complotto della CIA alla fine non è stato portato a termine. Nel 2006, il governo degli Stati Uniti l’ha inserita in una lista di controllo segreta e, fino al 2012, è stata detenuta e interrogata al confine degli Stati Uniti ogni volta che viaggiava all’estero. Nel 2015, la Electronic Frontier Foundation ha intentato una causa FOIA contro il governo degli Stati Uniti. Sono state pubblicate oltre 1.000 pagine, rivelando che il governo degli Stati Uniti ha aperto un’indagine del gran giurì su Poitras in seguito alla pubblicazione del suo documentario sulla guerra degli Stati Uniti e sull’occupazione dell’Iraq. I documenti dell’FBI pesantemente censurati mostrano che il governo ha citato in giudizio le comunicazioni e le informazioni private di Poitras da più società e ha condotto sorveglianza fisica su di lei. La sua prima mostra personale in un museo, Astro Noise, è stata aperta al Whitney Museum of American Art nel 2016. La mostra è stata curata da Jay Sanders e presentava una serie di nuove installazioni immersive incentrate sulla “guerra al terrore”. I suoi altri film includono Risk, Flag War, Project X, O’Say Can You See, Death a Prisoner, The Program, Triple-Chaser e Terror Contagion. Poitras fa parte del consiglio di amministrazione della Freedom of the Press Foundation, il comitato consultivo di Forensic Architecture, ed è co-fondatrice di The Intercept, Field of Vision e First Look Media. È stata licenziata da First Look Media nel 2020 dopo aver parlato alla stampa dei fallimenti riguardo alla protezione delle fonti dell’organizzazione.

L’epidemia di oppioidi negli Stati Uniti e la causa legale

Negli Stati Uniti l’epidemia di oppioidi (nota anche come Crisi degli oppioidi) riguarda l’uso eccessivo e continuo di farmaci oppioidi, sia da prescrizioni mediche che da fonti illegali. L’epidemia è iniziata negli Stati Uniti alla fine degli anni ’90, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), quando gli oppioidi sono stati sempre più prescritti per la gestione del dolore e hanno provocato un aumento del consumo generale di oppioidi negli anni successivi. La grande maggioranza degli americani che fanno uso di oppioidi da prescrizione non crede di farne un uso improprio. Ci sono stati circa 100.300 decessi per overdose di droga negli Stati Uniti nel periodo di 12 mesi terminato il 30 aprile 2021. Dal 1999 al 2020, quasi 841.000 persone sono morte per overdose da droghe, con prescrizione e oppioidi illeciti responsabili di oltre 500.000 di queste morti, fino al 2019. Nel solo 2017, sono stati registrati 70.237 decessi per overdose di droga e, di questi, 47.600 riguardavano un oppioide. Un rapporto di dicembre 2017 stimava che 130 persone al giorno negli Stati Uniti muoiono per overdose da oppioidi. I dipendenti da oppiacei, sia legali che illegali, sono sempre più giovani, bianchi e donne, con 1,2 milioni di donne dipendenti rispetto a 0,9 milioni di uomini nel 2015. Il problema è significativamente peggiore nelle aree rurali, dove variabili sociali ed economiche, comportamenti sanitari, e l’accessibilità alle risorse sanitarie sono responsabili di un più alto tasso di mortalità. Il consumo di oppioidi da parte degli adolescenti è notevolmente aumentato, utilizzando farmaci da prescrizione più di qualsiasi droga illecita ad eccezione della cannabis; più di cocaina, eroina e metanfetamina messi insieme.

Nel 2019 è stata intentata una causa nel distretto meridionale di New York, che comprendeva più di 500 contee, città e tribù di nativi americani. Citati otto membri della famiglia Sackler: Richard, Jonathan, Mortimer, Kathe, David, Beverly e Theresa Sackler, nonché Ilene Sackler Lefcourt. Inoltre, Massachusetts, Connecticut, Rhode Island e Utah hanno intentato cause contro la famiglia. A livello federale, la famiglia ha dovuto affrontare un pacchetto complessivo di 1.600 casi. Secondo il New Yorker, Purdue Pharma ha svolto un “ruolo speciale” nella crisi degli oppioidi poiché l’azienda “è stata la prima ad attivarsi, negli anni Novanta, per persuadere l’establishment medico americano che gli oppioidi forti dovevano essere prescritti in modo molto più ampio”. — e che i timori di lunga data dei medici sulla natura di dipendenza di tali farmaci erano esagerati.” Alla fine del 2020, la commissione per la supervisione e la riforma della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha tenuto un’audizione sul ruolo di Purdue Pharma e della famiglia Sackler nell’epidemia di oppioidi. “Non siamo molto d’accordo su questo comitato, in modo bipartisan”, ha detto il membro del commissione, James Comer del Kentucky, “ma consideriamo le azioni di Purdue Pharma e della famiglia Sackler nauseanti.”

Nel marzo 2021, Purdue Pharma ha presentato un piano di ristrutturazione per sciogliersi e costituire una nuova società dedicata a programmi volti a combattere la crisi degli oppioidi. La proposta prevedeva che la famiglia Sackler pagasse ulteriori 4,2 miliardi di dollari nei prossimi nove anni per risolvere varie cause civili in cambio dell’immunità da procedimenti penali. Questo “Scudo legale” è stato contrastato da 24 procuratori generali dello stato e dal procuratore generale di Washington, DC “Se ai Sackler è consentito utilizzare il fallimento per sfuggire alle conseguenze delle loro azioni”, hanno affermato i procuratori generali statali che hanno definito un pericoloso precedente questa proposta legalmente senza precedenti. In un tribunale fallimentare il 7 luglio 2021, più stati hanno deciso di accontentarsi. Sebbene Purdue non abbia ammesso alcun illecito, i Sackler avrebbero accettato di non produrre mai più oppioidi e di pagare miliardi di danni a un fondo di beneficenza. Purdue Pharma è stata sciolta il 1° settembre 2021. I Sackler hanno accettato di pagare 4,5 miliardi di dollari in nove anni, con la maggior parte di quei soldi a finanziamento del trattamento della dipendenza. Il giudice fallimentare ha riconosciuto che i Sackler avevano trasferito denaro su conti offshore per proteggerlo dai reclami e ha affermato che avrebbe voluto che l’accordo fosse stato più alto. Tuttavia, il 16 dicembre 2021, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Colleen McMahon ha stabilito che il giudice fallimentare non aveva l’autorità per concedere l’immunità ai Sackler nei casi di responsabilità civile.

La colonna sonora

Le musiche di “All the Beauty and the Bloodshed” sono di Soundwalk Collective, collettivo sonoro sperimentale fondato da Stephan Crasneanscki a New York City nel 2000, a cui si è unito Simone Merli nel 2008. Il Collettivo opera attualmente in una costellazione in continua rotazione di artisti del suono e musicisti. Il loro approccio alla composizione combina antropologia, etnografia, narrativa non lineare, psicogeografia, osservazione della natura ed esplorazioni in registrazione e sintesi. Il materiale di partenza delle loro opere è sempre legato a luoghi specifici, naturali o artificiali, e richiede lunghi periodi di viaggio investigativo e lavoro sul campo. Illustri collaboratori includono la cantautrice e poetessa americana Patti Smith, il musicista jazz etiope Mulatu Astatke, la fotografa americana Nan Goldin e il regista franco-svizzero Jean-Luc Godard. Il Collettivo ha anche scritto colonne sonore originali per la coreografa di danza contemporanea Sasha Waltz. Nell’autunno 2019, il collettivo è stato co-autore della nuova galleria fotografica di Nan Goldin “Memory Lost” insieme a Mica Levi. Il pezzo è stato inaugurato nell’ambito della mostra di Goldin “Sirens” alla Marian Goodman Gallery di Londra.

Ultime notizie su Festival di Venezia

Tutto su Festival di Venezia →