Anche Io: trailer italiano e anticipazioni del film che racconta lo scandalo Weinstein

Tutto quello che c’è da sapere su “Anche Io – She Said”, il film con Carey Mulligan e Zoe Kazan sullo scandalo Weinstein e la nascita del movimento #MeToo.

Prossimamente nei cinema italiani con Universal Pictures Anche Io (She Said), la storia dei due intrepide reporter che hanno lavorato a un articolo rivoluzionario che ha portato alla luce lo scandalo sessuale che ha visto coinvolto il potente produttore holywoodiano Harvey Weinstein e contribuito a lanciare il movimento #MeToo. Il film scritto e diretto dalla regista Maria Schrader (I’m Your Man) è basato sul bestseller “She Said: Breaking the Sexual Harassment Story That Helped Ignite a Movement” e vede Carey Mulligan (candidata all’Oscar per Una Donna Promettente ed An Education) e Zoe Kazan (serie Il Complotto contro l’America, The Big Sick – Il matrimonio si può evitare… l’amore no) nei panni rispettivamente delle reporter del New York Times Megan Twohey & Jodi Kantor.

Trama e cast

La trama ufficiale: La due volte candidata all’Oscar Carey Mulligan e Zoe Kazan interpretano le reporter del New York Times Megan Twohey e Jodi Kantor, che insieme hanno raccontato una delle storie più importanti di una generazione: una storia che ha contribuito a lanciare il movimento #MeToo, ha infranto decenni di silenzio sull’argomento della violenza sessuale a Hollywood e dell’alterazione della cultura americana per sempre.

Il cast di “Anche Io” include anche Tom Pelphrey, Samantha Morton, Andre Braugher, Patricia Clarkson, Elle Graham, Adam Shapiro, Maren Lord, Dalya Knapp, Stephen Dexter, Sean Cullen, George Walsh, Anastasia Barzee, Sarah Ismail, Maren Heary, Anita Sabherwal, Nancy Ellen Shore, Raina Pellinger, Hilary Greer, Davram Stiefler, Wesley Holloway, Ruby Thomas, Emma O’Connor e John Mazurek.

She Said – trailer e video

Primo trailer italiano pubblicato il 5 agosto 2022

Curiosità

  • La regista e attrice tedesca Maria Schrader è nota per aver diretto la miniserie Unorthodox (2020) di Newtflix e il dramma romantico I’m Your Man (2021) con Dan Stevens. Schrader è nota anche per aver recitato nella trilogia La banda dei coccodrilli, una serie di film per ragazzi remake di un film tedesco del 1977.
  • “Anche Io” è prodotto dai premi Oscar Brad Pitt, Dede Gardner e Jeremy Kleiner (12 anni Schiavo) per Plan B Entertainment. Produttori esecutivi, i candidati all’Oscar Megan Ellison e Sue Naegle per Annapurna Pictures..
  • Zoe Kazan è la figlia degli sceneggiatori Nicholas Kazan e Robin Swicord e nipote del celebre regista Elia Kazan e della sceneggiatrice Molly Kazan.
  • Questa è la terza collaborazione e la prima apparizione sullo schermo in coppia di Carey Mulligan e Zoe Kazan.
  • Il cast del film comprende tre candidate all’Oscar: Carey Mulligan, Patricia Clarkson e Samantha Morton.

Il libro originale

Il libro “She Said: Breaking the Sexual Harassment Story That Helped Ignite a Movement” di Jodi Kantor e Megan Twohey descrive in dettaglio i dietro le quinte e i processi pubblicamente noti che gli autori hanno impiegato per indagare e pubblicare storie che scoprono molestie sessuali e abusi sessuali da parte di uomini potenti e di alto profilo, tra cui Harvey Weinstein. Il libro descrive in dettaglio nuove informazioni che hanno contribuito a portare alla luce la storia di Weinstein, comprese fonti, documenti e piste da seguire. Segue i giornalisti “dalle prime telefonate esplorative, ad una scia crescente di prove, fino ad un confronto finale con un accusato notoriamente bellicoso”. Il libro affronta anche le questioni aperte su quali comportamenti e zone d’ombra debbano costituire molestie sessuali. Gwyneth Paltrow è stata determinante nell’aiutare le giornaliste-autrici dietro le quinte e i cui sforzi sono raccontati nel libro.

Kantor ha ammesso che c’è “un crescente senso di ingiustizia da entrambe le parti” riguardo a un sistema che nessuno pensa “funziona per l’accusatore, o per l’accusato”. Il loro compito rimane, come ha detto Kantor, quello di porre le tre domande principali su qualsiasi accusa: “Qual è la portata dei comportamenti sotto esame?;” “Come facciamo a ottenere i fatti giusti?;” e “Come dovrebbero essere la punizione e la responsabilità?” Le autrici continuano a indagare su queste domande. Per aiutare a persuadere le fonti a parlare con loro, alle fonti è stato detto che ciò che è accaduto in passato non può essere cambiato, ma “insieme potremmo essere in grado di utilizzare la tua esperienza per aiutare a proteggere altre persone”.

La sinossi ufficiale del libro: Per molti anni, i giornalisti avevano cercato di arrivare alla verità sul trattamento riservato alle donne da parte di Harvey Weinstein. Voci di illeciti circolavano da tempo. Ma nel 2017, quando Jodi Kantor e Megan Twohey hanno iniziato la loro indagine sull’importante produttore di Hollywood per il New York Times, il suo nome era ancora sinonimo di potere. Durante mesi di interviste riservate con le migliori attrici, ex dipendenti di Weinstein e altre fonti, sono state portate alla luce molte accuse inquietanti e sepolte da tempo ed è stata rivelata una rete di onerosi pagamenti segreti e accordi di non divulgazione. Questi oscuri insediamenti erano stati a lungo utilizzati per nascondere molestie e abusi sessuali, ma con una tecnica di segnalazione rivoluzionaria Kantor e Twohey hanno contribuito a smascherarli. Ma Weinstein era sfuggito al controllo in passato e non sarebbe caduto senza combattere; ha impiegato una squadra di avvocati di alto profilo, investigatori privati ​​e altri alleati per contrastare le indagini. Quando Kantor e Twohey sono state finalmente in grado di convincere alcune fonti a registrare, è stata avviata una drammatica resa dei conti finale tra Weinstein e il New York Times. Nulla avrebbe potuto preparare Kantor e Twohey a ciò che seguì la pubblicazione della loro storia iniziale su Weinstein il 5 ottobre 2017. In pochi giorni è stato aperto un vero vaso di Pandora di molestie e abusi sessuali. Le donne di tutto il mondo si sono fatte avanti con le loro storie traumatiche. Nel corso dei dodici mesi successivi, centinaia di uomini di ogni estrazione sociale e industria sono stati denunciati a seguito di accuse di illeciti. Ma è cambiato troppo o non abbastanza? Quelle domande rimasero nell’aria mesi dopo, quando Brett Kavanaugh fu nominata alla Corte Suprema e Christine Blasey Ford si fece avanti per testimoniare che l’aveva aggredita decenni prima. Kantor e Twohey, che hanno avuto un accesso unico a Ford e al suo team, portano alla luce l’odissea che l’ha portata a farsi avanti, le forze travolgenti che sono arrivate a gravare su di lei e cosa è successo dopo aver condiviso la sua accusa con il mondo. Nella tradizione del grande giornalismo investigativo, She Said racconta una storia emozionante sul potere della verità, con nuove scioccanti informazioni da fonti nascoste. Kantor e Twohey descrivono non solo le conseguenze dei loro reportage per il movimento #MeToo, ma i viaggi stimolanti e toccanti delle donne che hanno parlato, per il bene delle altre donne, per le generazioni future e per se stesse.

Il libro “She Said: Breaking the Sexual Harassment Story That Helped Ignite a Movement” è disponibile in edizione inglese su Amazon.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore e pianista Nicholas Britell candidato a 3 Premi Oscar per le colonne sonore di Moonlight, Se la strada potesse parlare e Don’t Look Up. Altri crediti di Britell includono musiche per La grande scommessa, Free State of Jones, Il re, Vice – L’uomo nell’ombra e Crudelia.

Foto e poster