• Film

Claudio Baglioni – In questa storia che è la mia: trailer e anticipazioni sull’evento al cinema

Tutto quello che c’è da sapere su “Claudio Baglioni – In questa storia che è la mia”, evento al cinema dal 2 al 4 novembre 2021.

Dopo la tappa alla Festa del Cinema di Roma, dal 2 al 4 novembre 2021 approda nelle sale Claudio Baglioni – In questa storia che è la mia, uno speciale spettacolo / concerto teatrale, registrato al Teatro dell’Opera di Roma da Claudio Baglioni con i brani del suo ultimo album, uscito a dicembre 2020.

La trama

Uno spettacolo eccezionale per tempi eccezionali: l’opera-concerto totale registrata presso il Teatro dell’Opera di Roma, tratta dall’omonimo e ultimo album di inediti di Claudio Baglioni. Un’opera che trasforma in ambiente scenico ogni spazio – retropalco, palchi, golfo mistico, platea, foyer, camerini e corridoi – del Teatro nel quale va in scena. Artista, orchestra, coro e parte del corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma, musicisti, vocalist, danzatori, performer e acrobati animano ogni angolo della struttura, illuminando di sé, oltre al palcoscenico, tutti quegli spazi che, solitamente, non sono luoghi di rappresentazione. Arte totale in un intero teatro, che finisce, però, col rivelare un’estetica cinematografica, tanto da trasformare “In questa storia che è la mia” in un inedito FilmOpera.

Claudio Baglioni (In questa storia che è la mia) – trailer e video

Trailer ufficiale pubblicato il 19 ottobre 2021

Curiosità

  •  50 anni vissuti in musica, 60 milioni di copie vendute in tutto il mondo. Sono i numeri essenziali di una carriera unica e irripetibile: quella di Claudio Baglioni, musicista, autore, interprete, che, dalla fine degli anni Sessanta a oggi, è riuscito a conquistare una generazione dopo l’altra, grazie a un repertorio pop, melodico e raffinato, nel quale ha saputo fondere canzone d’autore e rock, sonorità internazionali, world music e jazz, rivoluzionando il concetto stesso di performance live – il primo a inaugurare la stagione dei grandi raduni negli stadi e ancora il primo, nel 1991, a “far scomparire il palco” e portare la scena al centro delle Arene più importanti e prestigiose d’Italia – in ambito musicale, sociale e televisivo.
  • Lo spettacolo “Claudio Baglioni – In questa storia che è la mia” è co-diretto dal coreografo, ballerino e regista teatrale Giuliano Peparini e dal regista televisivo Luigi Antonini (Saturday Night Live Italia, La sai l’ultima, X Factor Italia). Paparini e Antonini hanno realizzato insieme anche il video musicale del singolo “Occhi profondi” di Emma Marone.
  • Giuliano Peparini è un coreografo, regista teatrale e ballerino noto a livello internazionale. Primo ballerino a 24 anni del Ballet National de Marseille, in Italia è conosciuto soprattutto per il suo ruolo di direttore artistico del talent show televisivo Amici di Maria De Filippi. Oltre ad aver collaborato al Festival di Sanremo nel 2019, ha diretto il video musicale del singolo Vivere a colori di Alessandra Amoroso e messo in scena gli spettacoli teatrali Il principe della gioventù (2012), Romeo e Giulietta – Ama e cambia il mondo (2013) e presso il Teatro dell’Opera di Roma un nuovo adattamento de Lo schiaccianoci.
  • A distanza di sette anni dal precedente lavoro di inediti, Baglioni ha descritto l’album “In questa storia che è la mia” come la sua autobiografia fatta in musica, realizzato con uno stile anni settanta e suonato in maniera tradizionale con sonorità acustiche ed elettriche come i suoi primi dischi: “Questo disco ha molti rimandi a quello che ho già fatto, forse potrei anche individuare due genitori di In questa storia che è la mia, un padre e una madre: il padre potrebbe essere Oltre e la madre potrebbe essere Strada facendo.”

L’album “In questa storia che è la mia”

  • “In questa storia che è la mia” è il diciassettesimo album in studio del cantautore italiano Claudio Baglioni, pubblicato il 4 dicembre 2020.
  • “In questa storia, che è la mia” è un invito. Una spinta a rileggere la nostra storia. La storia di ciascuno di noi, di queste pagine di musica e parole, che abbiamo scritto e vissuto insieme, e di questo tempo che – sebbene non si leggano – porta anche le nostre firme»: così Baglioni a proposito di “In questa storia che è la mia”, il suo ultimo album con 14 brani inediti, sedicesimo album in studio della sua cinquantennale straordinaria carriera, a sette anni da “ConVoi”.
  • “Un album ideato e composto come una volta – racconta Claudio Baglioni – Vero, sincero, fatto a mano e interamente suonato. È un progetto al quale ho dedicato tutto me stesso, a partire dalla scrittura, strutturata come non accadeva da tempo, su linee melodiche e processi armonici che la musica popolare, sembra offrire sempre meno. Le sonorità sono tutte vere – nel senso di “acustiche” – basso, batteria, pianoforte, chitarre, archi, fiati, voce e cori – e il ricorso all’elettronica è stato dedicato, esclusivamente, alla cura degli effetti suono e delle atmosfere. Ne sono venuti fuori quattordici pezzi suonati dalla prima all’ultima nota, da un gruppo di musicisti straordinari, che fanno quello che ci si aspetta da loro: suonare con tutta la creatività, l’invenzione, l’energia e la passione – in una parola: la musicalità – che hanno dentro”.
  • Il disco è un concept album che presenta di base 14 brani inediti, accompagnati da un’introduzione (Capostoria) e un finale (Finestoria) e intervallati da brani numerati che sono intermezzi piano e voce collegati tra di loro, proprio come in Strada facendo e Io sono qui che vanno a riunirsi in un unico brano arrangiato completamente, Uomo di varie età. Il primo inedito, Altrove e qui, è il riarrangiamento con testo della suite composta per la diretta televisiva di “Al centro” nel 2018.

LISTA TRACCE:

Capostoria – 1:06
Altrove e qui – 4:30
1. Non so com’è cominciata – 0:59
Gli anni più belli – 4:30
Quello che sarà di noi – 5:15
In un mondo nuovo – 5:07
2. Al pianoforte ogni giorno – 0:59
Come ti dirò – 5:32
Uno e due – 4:27
Mentre il fiume va – 6:06
3. E firmo in fede un contratto – 1:00
Pioggia blu – 5:44
Mal d’amore – 5:06
Reo confesso – 4:48
4. Adesso è strano pensare – 0:59
Io non sono lì – 4:39
Lei lei lei lei – 4:36
Dodici note – 5:19
Uomo di varie età – 5:27
Finestoria – 1:26

CD bonus nell’edizione speciale

Gli anni più belli (Acoustic, chitarra e voce) – 4:18
Mal d’amore (Acoustic, chitarra e voce) – 4:30
Io non sono lì (Acoustic, pianoforte elettrico e voce) – 4:39
Dodici note (Acoustic, pianoforte elettrico e voce) – 4:53

Foto e poster