• Film

Corpus Christi: trailer italiano del film di Jan Komasa (al cinema dal 6 maggio)

Corpus Christi del regista polacco Jan Komasa candidato all’Oscar 2020 come miglior film internazionale al cinema dal 6 maggio.

Dopo la tappa alle Giornate degli Autori di Venezia nel 2019, il 6 maggio Wanted Cinema porterà nei cinema italiani Corpus Christi, il dramma del regista polacco Jan Komasa. La coproduzione franco-polacca segue un uomo di 20 anni che vive una chiamata spirituale mentre vive in un centro di detenzione giovanile è diventata uno dei finalisti per il miglior film internazionale agli Oscar 2020.

La storia di Corpus Christi, scritta da Mateusz Pacewicz e basata su eventi reali, segue il protagonista mentre inizia a fingersi un prete nella campagna polacca. Komasa esplora le dinamiche di potere, gli scontri sociali e il tema del perdono, il tutto supportato dall’eccezionale prestazione di Bartosz Bielenia nel ruolo di protagonista.

La trama ufficiale:

Daniel (Bartosz Bielenia) è un ventenne che vive una trasformazione spirituale mentre sconta la sua pena in un centro di detenzione. Daniel vorrebbe farsi prete ma questa possibilità gli è preclusa per la sua fedina penale. Uscendo dal centro di detenzione, gli è assegnato un lavoro presso un laboratorio di falegnameria in una piccola città, ma al suo arrivo, una serie di equivoci lo porta ad essere scambiato per un sacerdote e inizia a professare in una piccola parrocchia. La comparsa di questo giovane e carismatico predicatore diventa l’occasione per la comunità, scossa da una tragedia avvenuta qualche tempo prima, per cominciare a rimarginare le sue ferite.

Il cast include anche Aleksandra Konieczna, Eliza Rycembel, Tomasz Zietek, Barbara Kurzaj, Leszek Lichota, Zdzislaw Wardejn, Lukasz Simlat, Anna Biernacik, Lidia Bogacz, Malwina Brych, Bogdan Brzyski, Juliusz Chrzastowski, Radoslaw Ciucias e Mateusz Czwartosz.

[Per visionare il trailer clicca sull’immagine in alto]

Il regista Jan Kosama parla della genesi del film in un’intervista con TheItalianReve: È successo in modo abbastanza naturale. Il mio amico Christopher Rak mi ha mandato la sceneggiatura, che era ispirata a vicende reali accadute in una piccola comunità polacca, in cui un ragazzo si è finto prete per qualche mese. Ho adorato il copione dalla prima volta che l’ho letto, ma avevo molti commenti da fare. Di solito, se il regista ha così tanto da commentare, probabilmente è una lettera d’addio. Christopher e Mateusz Pacewicz, che è uno sceneggiatore, hanno apportato qualche modifica al concetto e integrato nel copione i miei commenti. In un primo momento, ho pensato, “finalmente qualcuno ha davvero ascoltato il regista” ed ero felice non solo di avere un ottimo copione su cui lavorare, ma anche di conoscere Mateusz, lo sceneggiatore con cui ho incominciato a lavorare, e dopo questo film ne abbiamo già fatto un altro insieme. Spero di farne ancora un altro con lui perché è proprio il mio uomo.

Le musiche originali di “Corpus Christi” sono dei compositori Evgueni Galperine (Resistance – La battaglia di Sebastopoli) e Sacha Galperine (Cose nostre – Malavita). il film è prodotto da Frédéric Berardi, Leszek Bodzak. Aneta Cebula-Hickinbotham, Marta Kraus e Anna Limbach-Uryn.

Fonte: YouTube