• Film

Corto Circuito compie 35 anni: storia e curiosità sul film con Steve Guttenberg

Blogo celebra i 35 anni dall’uscita di “Corto Circuito”, la commedia sci-fi per famiglie diretta dal regista di Wargames e La febbre del sabato sera.

35 anni fa usciva nelle sale americane (maggio) e italiane (dicembre) il film Corto circuito, tra i più amati film fantascientifici per famiglie usciti negli anni ottanta. La trama del film, diretto dal John Badham de La febbre del sabato sera e Wargames – Giochi di guerra, è incentrata su un robot militare sperimentale che viene colpito da un fulmine e acquisisce un’intelligenza simile a quella umana che lo spinge a fuggire dai suoi creatori, una compagnia di robotica, per cercare la sua strada nel mondo. “Corto circuito” è interpretato da Ally Sheedy (Wargames), Steve Guttenberg (Cocoon), Fisher Stevens (Ritorno alla quarta dimensione), Austin Pendleton (Mio cugino Vincenzo) e G. W. Bailey (Scuola di polizia). Il film che all’epoca incassò 40 milioni di dollari ha fruito di un sequel, Corto Circuito 2 del 1988, senza Guttenberg e Sheedy e il ritorno di Fisher Stevens generò incassi deludenti (21 milioni) che causeranno la cancellazione di un terzo film.

E’ palese l’intento di percorrere la strada dell’E.T. di Steven Spielberg, ma con un tocco tecnologico. Il risultato è la nascita di un personaggio amabile e bonario, dotato di indubbio carisma, tale da relegare in secondo piano co-protagonisti molto popolari e amati all’epoca, Ally Sheedy e Steve Guttenberg; purtroppo l’evoluzione di Numero 5 non viene supportata pienamente da una sceneggiatura spesso troppo prevedibile, ricca di gag riuscite e battute spassose, ma che non cerca come il film di Spielberg di toccare corde emotive profonde, rimanendo sempre in superficie e regalando agli spettatori una commedia godibilissima in perfetto stile Disney.

La storia del film

L’idea per il film ha preso forma dopo che i produttori hanno distribuito un video educativo su un robot a vari college. Studiando altri film con un importante cast di robot (come la saga di Star Wars) come fonte di ispirazione, hanno deciso di mettere in discussione le reazioni umane ad un robot “vivente”, sulla premessa che nessuno avrebbe inizialmente creduto alla sua sensibilità. Numero 5 è stata la parte più costosa del film, che richiedeva la realizzazione di diverse versioni per sequenze diverse. Quasi tutto il resto nel film era relativamente poco costoso, consentendo di stanziare tutti i soldi di cui avevano bisogno per la realizzazione del robot. Il numero 5 è stato disegnato da Syd Mead, il “futurista visivo” famoso per il suo lavoro su Blade Runner e Tron. La maggior parte dei movimenti del braccio del Numero 5 erano controllati da una “tuta telemetrica”, portata sulla parte superiore del busto del burattinaio. Ogni articolazione della tuta aveva un sensore separato, che consentiva di trasferire direttamente alla macchina i movimenti del braccio e della mano del burattinaio.

Nel 2009 Austin Pendleton, che nel film interpreta Horward Marner e che era andato al college con il regista John Badham, ha dichiarato che “alcune cose sono state tagliate dalla mia parte in [Corto circuito]. E anche i due ruoli principali sono stati scelti con persone davvero talentuose e attraenti che però non erano giuste per le parti. [La] sceneggiatura era semplice e molto bella da leggere. Un bel film per bambini leggermente blando. Non c’è niente di esattamente sbagliato in questo. Quelle due persone che sono le protagoniste sono brave, molto simpatiche, E’ facile lavorare con persone del genere e hanno fatto un buon lavoro; semplicemente non erano le persone che erano descritte nella sceneggiatura. E ho detto a John quando stava per uscire: ‘Perché li hai scelti?’ E lui ha detto: “Questo era ciò su cui lo studio ha insistito”. E in un certo senso ha chiuso la discussione. Ho detto: “Okay”. Il film funziona, ma avrebbe potuto essere un film piuttosto bello.”

Secondo Pendleton, il ruolo che Steve Guttenberg ha finito per interpretare “era una persona che non poteva relazionarsi con altri esseri umani, quindi ha riversato tutto questo nella creazione del robot. Bene, Steve, è un ragazzo adorabile e penso che abbia talento…Aveva un meraviglioso tipo di carisma. Molto semplice, ma assolutamente socievole. È semplicemente molto coinvolgente e aperto con le persone. È meraviglioso essere in un film con lui…[Ma] non porta con sé sullo schermo il problema che ha il personaggio in quel film…La persona perfetta per il ruolo, 20 anni prima, sarebbe stato Dustin Hoffman. Quella cosa che Dustin ha portato a Il laureato che un attore più affabile non avrebbe potuto… Un senso di totale alienazione da tutto ciò che lo circonda.”

Curiosità

  • Il film è stato girato nella cittadina di Astoria, Oregon, dove sono stati girati anche I Goonies (1985) e Un poliziotto alle elementari (1990).
  • Secondo il tentativo del film di ritrarre un robot vivente nel “mondo reale”, ogni parte di Johnny e dei suoi fratelli è stata costruita per avere uno scopo logico specifico nel loro utilizzo. Questa era originariamente una fonte di contesa tra il regista John Badham e il designer di robot Syd Mead, l’ultimo dei quali ha insistito per dare a Johnny 5 / Numero 5 “occhi” per dare al personaggio un metodo per esprimere visivamente le emozioni. Di conseguenza, sono state create le iconiche “palpebre” di Johnny, con la spiegazione che erano protezioni solari e coperture per fotocamere.
  • Il suono del fuoco laser di Numero 5 è lo stesso effetto dell’accensione degli zaini protonici dei Ghostbusters.
  • Molti dei piccoli trucchi fatti da Numero 5 sullo schermo (come sfogliare le pagine di un libro in un batter d’occhio e lanciare una rondella in aria imitando una scena di un vecchio film di gangster che ha visto) sono stati eseguiti utilizzando ingegnosi effetti pratici. Ad esempio, le pagine sono state girate usando un tubo dell’aria, mentre la rondella è stata fatta girare usando un pezzo di spago legato lateralmente ad entrambe le estremità. Questo non solo ha permesso ai produttori di risparmiare denaro per il robot vero e proprio e la sceneggiatura, ma si sono dimostrati straordinariamente efficaci nell’ottenere l’aspetto giusto necessario per le scene.
  • Per Numero 5 sono state costruite tre teste radiocomandate intercambiabili in modo che le espressioni facciali potessero essere adeguatamente articolate in base alla scena.
  • La casa, usata come casa di Stephanie, esiste ancora e si trova al 197 di Hume Avenue, Astoria in Oregon. Nel novembre del 2019 è stata venduta per 340.000$.
  • Grande confusione si è verificata in India tra i fan quando questo film è uscito. Molte persone che avevano visto il film pensavano che Fisher Stevens (che interpretava la parte di un indiano) fosse in realtà l’attore di Bollywood Jaaved Jaaferi. Ciò era dovuto al fatto che Javed era il sosia di Fisher Stevens, con la sua barba e gli occhiali rotondi. Javed all’epoca aveva debuttato nel film Meri Jung (1985). in cui sfoggiava occhiali rotondi e barba. Quando questo film è uscito in India, molti pensavano che Javed avesse recitato in un film di Hollywood. È stato solo dopo che Javed ha confermato nelle interviste che un altro attore avevarecitato in “Corto circuito”, che la gente ha finalmente saputo la verità.
  • In questo film e in “Corto circuito 2” la voce di Numero 5 nella versione originale è stata fornita dal burattinaio Tim Blaney. Questa decisione sul casting è stata presa dal regista che pensava che l’interazione in tempo reale con il robot di scena avrebbe reso l’interazione più naturale sullo schermo meglio di come sarebbe avvenuto se avessero modificato la voce di Johnny durante la post-produzione.
  • Numero 5 pesava duecentocinquanta libbre (113,4 chilogrammi).
  • Uno dei modi sottili in cui il film mostra il numero 5 che diventa vivo è il suo graduale passaggio dal riferirsi a se stesso in terza persona alla prima persona, implicando uno sviluppo dell’autocoscienza. Ciò è particolarmente evidente quando dice “Sono vivo” a Crosby dopo aver ripetutamente detto “Numero cinque è vivo” all’inizio del film.
  • Durante i titoli di coda si possono vedere spezzoni di diverse scene non arrivate nelle sale; in una di esse Numero 5 incontra un Omnibot 2000 (un robot giocattolo prodotto da Tomy a metà degli anni ’80) che tenta di dargli una bevanda. Un’altra scena mostra Numero 5 in un deposito di rottami di auto.
  • La sceneggiatura richiedeva l’ampio utilizzo di animazione in stop-motion, ma il regista John Badham ha scelto di utilizzare effetti pratici.
  • Stephanie e Numero 5 ballano su una scena de La febbre del sabato sera, altro film diretto da John Badham.
  • Ogni volta che si vede il braccio o la mano di Numero 5 fare qualcosa senza il resto del robot nell’inquadratura, è perché il pupazzo robot non era in grado di fare quell’azione. Come alzare il finestrino, aprire i vani portaoggetti, eccetera.
  • Il regista John Badham appare nel film in un cameo: è il cameraman del telegiornale quando i giornalisti arrivano alla porta di Stephanie.
  • Il film di gangster con George Raft che Numero 5 sta guardando e poi imitando (usando il famoso “lancio della moneta”) di Raft è Scarface – Lo sfregiato (1932).
  • Per la scena in cui Numero Cinque lancia la moneta, la moneta è stata manipolata su un filo. Inoltre il ribaltamento è anche aiutato dall’uso dell’inversione del filmato. Il percorso in salita è lo stesso del percorso in discesa, che è evidente dai cespugli sullo sfondo.
  • John Badham assunse l’esperto di effetti visivi Eric Allard per i meriti del suo lavoro in Let’s Go (1985), un cortometraggio su un ragazzo e un robot di nome “Pal”.
  • Nel 2013 è stato annunciato che era in fase di sviluppo un remake del film e si vociferava e ipotizzava che Fisher Stevens sarebbe tornato nei panni di Ben.
  • Il carro armato sovietico T-72 distrutto dai robot durante la dimostrazione sul campo di prova all’inizio del film era un modello in fibra di vetro costruito sul telaio di un carro armato americano M-41 Walker Bulldog. Poiché il film è stato realizzato durante gli anni della Guerra Fredda, non era possibile ottenere vera attrezzatura sovietica.
  • Quando il Numero Cinque ha requisito Ben e il camion della Nova Robotics, sta canticchiando l’inno dei Marines degli Stati Uniti.
  • Il burattinaio Tim Blaney è stato selezionato per doppiare e gestire Numero 5 sul set, dopo che John Badham ha sentito la voce del robot di Blaney e gli è piaciuta. Blaney era originariamente destinato a fornire solo una voce provvisoria per Numero 5 durante le riprese, che doveva essere doppiata in seguito da un altro doppiatore. Dopo tre mesi di riprese, la troupe si è così abituata a sentire la voce di Blaney come Numero 5 che non riuscivano ad immaginare nessun altro nel ruolo, e così Blaney è stato ufficialmente scelto.
  • Secondo Fisher Stevens il personaggio di Ben doveva essere originariamente caucasico, infatti era stato ingaggiato lui in un primo momento. Il ruolo poi è stato riscritto per essere più una parte etnica comica così Stevens è stato licenziato e Bronson Pinchot è entrato in trattative per interpretare Ben. Quando l’accordo con Bronson è fallito, Fisher è stato riassunto e gli è stato chiesto se poteva rendere il suo accento più etnico per rendere più divertenti le battute di Ben. Per prepararsi al ruolo Fisher ha trascorso cinque settimane in India, ha dovuto farsi crescere la barba, tingersi i capelli di nero, scurire la pelle con il trucco, trasformare i suoi occhi azzurri in marroni con lenti a contatto, parlare con un accento delle Indie Orientali e “camminare curvo come un giocatore di cricket”. La sua interpretazione ha convinto molti spettatori che lui fosse realmente indiano, ma Fisher ha dichiarato che non sarebbe in grado di interpretare quel ruolo oggi.
  • C’era una sceneggiatura per un possibile Corto circuito 3 scritto nel 1989 e riscritto nel 1990, ma è stato ritenuto insoddisfacente dai produttori e il progetto è stato successivamente scartato. Dimension Films aveva acquisito i diritti per realizzare un terzo film, in cui la trama avrebbe coinvolto un ragazzo proveniente da una situazione familiare difficile che fa amicizia con Numero 5. Non è chiaro, tuttavia, se questo film doveva essere un sequel dei primi due film, o un remake del film originale.
  • Quando la sequenza di ballo è stata filmata, John Badham ha ballato con Ally Sheedy mentre parlavano e provavano la scena in cui Numero 5 balla con Stephanie su “More Than a Woman” dei Bee Gees. La canzone era inclusa in “La febbre del sabato sera”, anch’esso diretto da Badham.
  • Il cortometraggio de I tre marmittoni che Numero 5 sta guardando è la fine di Woman Haters (1934).
  • La designazione completa di Numero 5 è “S.A.I.N.T. Number 5”. L’acronimo S.A.I.N.T. sta per “Strategic Artificially Intelligent Nuclear Transport”.
  • Prima di questo film, il regista John Badham e Ally Sheedy hanno collaborato per “Wargames – Giochi di guerra”.
  • Steve Guttenberg (Dr. Newton Crosby) e G.W. Bailey (Capitano Shroeder) sono apparsi insieme in Scuola di polizia (1984) e Scuola di polizia 4: Cittadini in… guardia (1987).
  • I robot sono stati progettati in modo molto simile alle grandi macchine da combattimento nelle scene di battaglia del futuro in Terminator.
  • Nella scena in cui Frank insegue Numero 5 vediamo Brian McNamara scivolare sotto il portico, la scivolata dell’attore è stato un vero errore. Se si guarda con attenzione si può vedere che Ally Sheedy sta lottando per non ridere nella scena.
  • Nel 2015, il comico Aziz Ansari ha discusso con Fisher Stevens di Stevens (che è caucasico) del ruolo dello scienziato indiano americano Ben. Ansari ha detto che ha nutrito forte antipatia sia per il ruolo come stereotipo che per Stevens che lo ha sempre accettato, ma sentiva che Stevens non era in malafede dopo aver parlato con lui, era semplicemente un attore che aveva bisogno di un lavoro in un momento in cui le considerazioni culturali erano semplicemente ignorate nel fare film. Stevens ha descritto come ha fatto ricerche per non rendere Ben uno stereotipo e che si è pentito di come il personaggio ha fatto sentire le persone di origine sud-asiatica. Alla fine, Ansari e Stevens hanno concordato che se “Corto circuito” fosse un nuovo film o un remake ai giorni nostri, il ruolo di Ben dovrebbe e sarebbe stato interpretato da un attore con origini sud-asiatiche.
  • Nella scena in cui Stephanie trova Numero 5 all’interno del suo camion, puoi vedere brevemente poco prima il suo indirizzo sulla sua cassetta della posta. La cassetta della posta dice “S. Speck, 3101 Misty Pines Ave”.
  • 1,4 milioni di dollari del budget di 15 milioni di dollari del film sono stati spesi per la creazione di Numero 5.

Videogioco e merchandising

Disponibile su ETSY

Disponibile su eBay

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore David Shire (La conversazione, Nel fantastico mondo di Oz, Monkey Shines – Esperimento nel terrore, Zodiac).
  • Nel momento in cui il Numero 5 sente per la prima volta la canzone di El DeBarge “Who’s Johnny” mentre guida il furgone Nova, la scelta originale della canzone per quella sezione era la canzone dei Dire Straits “Money For Nothing”, ma sfortunatamente ottenere i diritti per usare quella canzone venne ritenuto troppo costoso.
  • Marcella Detroit, che ha eseguito la canzone dei titoli di coda “Come and Follow Me” con Max Carl, si è unita al gruppo pop rock irlandese Shakespear’s Sister.

TRACK LISTINGS:

1. Main Title 2:12
2. The Quickening / Off the Bridge 2:45
3. Discovering Number 5 / Sunrise 4:31
4. Grasshopper / Joy(less) Ride 4:43
5. The Attack / Coming To 3:47
6. Road Block / Bathtub / Robot Battle 2:42
7. Getaway / Hello, Bozos 2:42
8. Night Scene / Joke Triumph 4:17
9. Danger, Nova / Escape Attempt / Aftermath 3:46
10. Finale / End Title: “Come and Follow Me” (performed by Max Carl, Marcy Levy) 5:01
11. SOURCE MUSIC: Rock 3:39
12. Bar 1:51
13. The Three Stooges 1:08