Enzo Garinei: 10 film e curiosità per ricordare l’attore scomparso a 96 anni

Blogo ricorda l’attore Enzo Garinei scomparso a 96 anni con 10 film e curiosità per ripercorrere una carriera lunga oltre 70 anni.

È morto all’età di 96 anni Enzo Garinei, attore, doppiatore e fratello dell’autore di commedie Pietro Garinei. Nato a Roma il 4 maggio 1926, durante la sua carriera ha preso parte ad oltre 70 film, ha recitato in tv e in commedie musicali a teatro (da “Alleluia brava gente” ad “Aggiungi un posto a tavola”).

Oggi vogliamo ricordare Enzo Garinei nella sua veste di attore e caratterista, che l’ha visto debuttare e successivamente recitare per diversi anni al fianco di Totò  diretto in diverse occasioni dal regista Mario Mattoli. Nella sua lunga e prolifica carriera cinematografica Garinei è stato  diretto anche da Mario Monicelli, Luigi Zampa, Steno, Lucio Fulci, Castellano & Pipolo, Bruno Corbucci, e ha recitato al fianco di Renato Rascel, Enrico Maria Salerno, Aldo Fabrizi, Eduardo De Filippo, Raimondo Vianello, Bud Spencer e Tomas Milian, solo per citarne alcuni.

A seguire trovate una lista di 10 film in cui Enzo Garinei ha recitato, seguita da una serie di curiosità sulla vita e la carriera dell’attore.

10 Film con Enzo Garinei

  • Totò le Mokò (1949)

Antonio Lumaconi, detto Totò, è un uomo orchestra napoletano, cugino del famigerato bandito della qasba di Algeri Pépé le Mokò, da poco morto in una sparatoria. Essendo il parente più stretto ancora in vita del furfante, gli giunge l’offerta di “dirigere” la sua banda. Certo che si tratti di una banda musicale, Totò parte immediatamente per l’Algeria convinto di poter finalmente coronare il suo sogno di diventare un rispettato direttore d’orchestra, ma al suo arrivo si accorge di essere divenuto in realtà il capo di una banda di pericolosi delinquenti. Con una serie di equivoci si scontra subito con la nuova realtà e grazie a un misteriosa pozione datagli da Suleima, l’ex-amante di Pépé follemente innamoratasi di lui, acquista una portentosa forza erculea, che lo rende praticamente invincibile.

Totò fa il verso a Jean Gabin in una parodia del film Il bandito della Casbah (Pépé le Moko) del 1937. Enzo Garinei fa qui il suo debutto sul grande schermo interpretando un personaggio di nome La Tulipe.

  • Cinque poveri in automobile (1952)

Quattro poveri vincono un’automobile di lusso. Prima di venderla fanno un patto con il titolare della concessionaria: la useranno per quattro giorni, un giorno per uno, e poi gliela renderanno…

Il film diretto da Mario Mattoli è interpretato da Aldo Fabrizi, Eduardo De Filippo, Titina De Filippo, Raimondo Vianello e Walter Chiari. Enzo Garinei recita nel film nei panni di un cameriere.

  • Rascel-Fifì (1957)

Renato (Renato Rascel) e Gedeone (Peppino De Martino) hanno appena inaugurato un locale notturno a New York, facendo concorrenza al locale dirimpetto e provocando le ire del proprietario, Gionata (Gino Buzzanca). Quest`ultimo, con l`aiuto della sua banda, macchina tutta una serie di escamotage per far fallire il nuovo locale. Uno di questi è farvi esibire una ballerina molto provocante, sperando che la polizia intervenga e lo chiuda. Ma le cose non andranno propriamente come lui vorrebbe…

Nel film Enzo Garinei interpreta “Il Principe” e nel cast figurano anche Nel cast ci sono anche Dario Fo e Franca Rame. Garinei e Rascel lavoreranno ancora insieme sia a teatro (Tobia candida spia, Alleluia brava gente) che al cinema (Rascel Marine, 1958).

  • I marziani hanno 12 mani (1960)

Un disco volante proveniente da Marte atterra a Roma. I compiti dei Marziani sono ben precisi: studiare i sistemi di vita terrestri, dare un ultimatum alle forze militari, costruire una base spaziale e conquistare l’opinione pubblica con la promessa di una pacifica invasione. Ma i Marziani a contatto con la “dolce vita” romana, la corruzione, la smania del danaro facilmente guadagnato, il dolce far niente, si trovano a poco a poco immischiati in situazioni e tentazioni così nuove e seducenti per loro, che dimenticano i motivi del loro arrivo sulla Terra e decidono di non tornare più sul troppo triste pianeta Marte.

Il film segna l’esordio alla regia del duo Castellano & Pipolo (Mia moglie è una strega, Innamorato pazzo, Grand Hotel Excelsior, Attila flagello di Dio, Il ragazzo di campagna).

Enzo Garinei interpreta uno dei marziani soprannominato X3 insieme a Paolo Panelli (X1), Carlo Croccolo (X2) e Alfredo Landa (X4). Nel film compaiono anche Franco e Ciccio, Lando Buzzanca e Aldo Giuffré.

  • Bisturi – La mafia bianca (1973)

Il primario di una clinica specializzata, invece di tener fede al giuramento di Ippocrate, specula in maniera crudele sulla salute dei pazienti. Un onesto collega cerca di svelare la doppia faccia del professore ma finisce incastrato dalla cupola dei camici bianchi. Ma un giorno, il potentissimo medico scopre di essere a sua volta malato e di avere bisogno di assistenza sanitaria…

Il film presentato al Festival di Cannes vede alla regia Luigi Zampa (Il vigile) e nel cast Enrico Maria Salerno, Gabriele Ferzetti, Luciano Salce, Senta Berger ed Enzo Garinei nei panni del Dottor Betti.

  • Pierino contro tutti (1981)

Pierino è un ragazzino pestifero che passa il tempo a fare scherzi a chiunque: alla sorella, al padre, e soprattutto a scuola. La sua maestra, infatti, la povera signorina Mazzacurati (Sophia Lombardo), è una continua vittima delle sue angherie: per vendicarsi di essere stato buttato fuori dalla classe, Pierino provocherà un incidente che la costringerà a casa. Al suo posto arriverà una supplente molto affascinante…

Debutto sul grande schermo diretto dal veterano Marino Girolami del Pierino di Alvaro Vitali con la bella Michela Miti nei panni della maestra Rizzi. Nel cast anche Marisa Merlini, ed Enzo Garinei nei panni di uno spazientito cliente che fa acquisti in una ferramenta. Il film nasce a seguito di un progetto non andato in porto di un film che Vitali voleva girare in coppia con Lino Banfi. Il film ebbe un enorme successo è generò tre sequel ufficiali: Pierino colpisce ancora, Pierino medico della SAUB e Pierino torna a scuola tutti con Vitali e le versioni con i Pierini alternativi: Pierino il fichissimo con Maurizio Esposito, Pierino la peste alla riscossa! con Giorgio Ariani, Che casino… con Pierino! con Roberto Gallozzi ed un film con una versione del personaggio al femminile, Quella peste di Pierina con Marina Marfoglia.

  • Banana Joe (1982)

Amantido, un piccolo villaggio in Sudamerica. Banana Joe è un omone dal cuore d`oro, che vive del commercio di banane che scambia con altri prodotti destinati agli indigeni del posto. Purtroppo la sua tranquillità è funestata dall`arrivo in paese di un boss mafioso, un certo Torsillo, intenzionato a prendere il controllo del commercio di banane. Solo che Torsillo non ha ancora capito con chi ha a che fare…

Steno (Febbre da cavallo) dopo aver diretto Bud Spencer nei film della serie “Piedone” torna a collaborare con Spencer per un altro film senza il partner Terence Hill. Nel cast Giorgio Bracardi come un sergente addestratore ed Enzo Garinei nei panni dell’Ingegner Moreno.

  • Delitto in Formula Uno / Delitto al Blue Gay (1984)

Sul circuito di Monza un grande campione rimane vittima di un misterioso incidente. Un brutto pasticcio, finchè non arriva da Roma un poliziotto insolito, molto rude nei modi, colorito nel vestire e con la testa piena di idee molto poco convenzionali…

Il Blue Gay è uno stravagante locale dove si esibiscono travestiti. Un giorno, la tranquilla routine del Blue Gay viene funestata da un terribile omicidio: una delle star dello spettacolo, Lino, in arte Nadia, viene trovato morto nel suo camerino. L`ispettore Nico Giraldi è incaricato di svolgere le indagini. La sospettata è la “prima donna” del locale, Alfredo Melli (in arte Colomba Lamara), e quindi Nico, con l`aiuto del suo braccio destro, il fedele Venticello, si mette sulle sue tracce. Ma qualcuno ostacola le indagini…

Delitto in Formula Uno e Delitto al Blue Gay con protagonista Tomas Milian vedono Enzo Garinei recitare in entrambe nei panni di un giudice. Entrambi i film uscitinel 1984 sono diretti da Sergio Corbucci. “Delitto al Blue Gay” segnerà anche l’ultima apparizione per l’istrionico poliziotto Nico Giraldi di Milian. Nel cast di entrambi i film immancabile il Venticello di Bombolo, che in “Delitto al Blue Gay” propone anche il suo famoso “Spezzatino alla Gattara”.

9. Il ragazzo di campagna (1984)

Artemio è un contadino scapolo, semplice e bonaccione, che sta per compiere 40 anni e non si è mai mosso dal paesello d`origine. Vive in un casolare di campagna insieme alla madre, che, ossessionata dal fatto che il figlio rimanga zitello, lo spinge tra le braccia poco avvenenti di una ragazza di paese, Maria Rosa. Artemio, però, è deciso a svoltare: stufo della routine della provincia decide di trasferirsi a Milano, chiedendo aiuto al cugino Severino Cicerchia per trovare un lavoro ed una sistemazione. Purtroppo, una volta giunto nella metropoli, le cose non vanno esattamente come avrebbe desiderato…

Film cult degli anni ottanta per Renato Pozzetto diretto da Castellano & Pipolo. Il cast include Massimo Boldi ed Enzo Cannavale. Enzo Garinei qui recita nella sua scena più famosa di sempre, è il direttore del residence che mostra all’Artemio di Pozzetto appena arrivato in città un “monolocale” all’ultimo grido.

  • Gli allegri eroi / Gli allegri scozzesi (1935)

I due compari giungono dall’America in Europa perché Stanlio deve ereditare da uno zio morto in Scozia. Ma tutta l’eredità si riduce ad una storica cornamusa e ad una non meno atavica tabacchiera. Disperati i due, per una serie di equivoci, si trovano arruolati nel corpo degli scozzesi di stanza in India. Qui compiono una serie delle loro spassose prodezze e corrono in aiuto dell’ereditiera universale dello zio scozzese che è stata allontanata dal suo fidanzato per ragioni di interesse.

Gli allegri eroi (Bonnie Scotland) anche noto come Gli allegri scozzesi è diretto da James W. Horne. In questa terza riedizione del doppiaggio datata 1985, Enzo Garinei presta la voce a Stanlio mentre Giorgio Ariani interpreta Ollio. Nelle precedenti versioni le voci erano di Carlo Cassola & Paolo Canali (1936) ed Elio Pandolfi & Pino Locchi (1957).

Curiosità & Note biografiche

  • Fratello del noto commediografo e regista teatrale Pietro Garinei e padre di Andrea Garinei (1966-2016).
  • Nel 1997-1998 ha recitato, a fianco di Delia Scala e Gerry Scotti, nella serie televisiva Io e la mamma. Garinei nella sitcom vestiva i panni del ragionier Barozzi.
  • Nel 2008-2009 è stato fra i protagonisti a teatro, a fianco di Gianluca Guidi e Marisa Laurito, di Aggiungi un posto a tavola, commedia musicale italiana in due atti di Garinei e Giovannini, scritta tra il 1973 e il 1974 con Iaia Fiastri, liberamente ispirata al romanzo “Dopo di me il diluvio” di David Forrest. Con musiche di Armando Trovajoli, scene e costumi di Giulio Coltellacci e coreografie di Gino Landi.
  • Enzo Garinei ha recitato in sei edizioni di “Aggiungi un posto a tavola”: in due ha interpretato il Sindaco, mentre nelle più recenti è stato La voce di Dio.
  • In veste di doppiatore Garinei ha prestato la voce al George Jefferson (interpretato da Sherman Hemsley) della sitcom I Jefferson (1975-1985).
  • A teatro ha recitato con Renato Rascel in Tobia candida spia (1954) di Garinei e Giovannini, ancora con Rascel, Gigi Proietti e Mariangela Melato in Alleluia brava gente (1970) altra regia di Garinei e Giovannini. Altri ruoli lo hanno visto in Accendiamo la lampada (1979) di Pietro Garinei con Johnny Dorelli e Gloria Guida e al fianco di Enrico Montesano in Meno male c’è Maria (1999) e Malgrado tutto beati voi (2001) entrambe regie di Pietro Garinei.
  • L’ultimo ruolo di Enzo Garinei lo ha visto recitare nella commedia Rido perché ti amo diretta e interpretata da Paolo Ruffini. La trama segue due bambini, Amanda e Leo, che in una piccola piazza nel nord Italia si giurano amore eterno davanti a una torta a forma di cuore. Dopo 20 anni di vita insieme però qualcosa traballa e tutto sembra andare perso.
  • Enzo Garinei oltre ad aver doppiato Stan Laurel, ha anche prestato la voce a Carmine Coppola nel film New York Stories, ha collaborato con la Disney doppiando i film d’animazione Le avventure di Peter Pan e Ritorno all’Isola che non c’è nei panni di Spugna e di Preston Whitmore in Atlantis – L’impero perduto e in Atlantis – Il ritorno di Milo. Garinei è stato anche doppiatore di personaggi di cartoni giapponesi, ha dato la voce a Frère della serie tv Il tulipano nero, a Domino in Le nuove avventure di Lupin III e al professore Onsern Mark della serie tv Lamù.
  • Nel 2019 Enzo Garinei aveva celebrato i 70 anni di carriera e il 19 dicembre 2021 lui e la moglie Lorle, 92 anni, avevano festeggiato i loro 70 anni di matrimonio.
  • Parlando di Totò con cui Garinei ha esordito nel 1949 in Totò Le Mokò, l’attore ha detto: “Lavorare con Totò per me è stato un grande onore, era una persona straordinaria. Regalava 500 lire a chi aveva bisogno. Un grande uomo, voleva essere chiamato principe perché lo era nell’anima”.