• Film

Il Padrino 3: in vendita il castello siciliano utilizzato come location

In vendita il castello siciliano di Acireale utilizzato come location in Il Padrino 3 di Coppola e Un bellissimo novembre di Mauro Bolognini.

Il castello siciliano di Acireale utilizzato come location in Il Padrino 3 è ora sul mercato immobiliare. Il terzo film dell’epopea “gangster” di Francis Ford Coppola uscito 16 dopo il secondo film vede Al Pacino riprendere il ruolo di un anziano Michael Corleone che tenta di legittimare il suo impero criminale. Il film include anche resoconti romanzati di due eventi della vita reale: la morte nel 1978 di Papa Giovanni Paolo I e lo scandalo bancario del Vaticano (1981-1982), entrambi legati narrativamente nel film agli affari di Michael Corleone. Il film seppur apprezzato dalla critica non è stato accolto con l’entusiasmo dei primi due capitoli, ha incassato bene (136 milioni di dollari nel mondo) ed è stato nominato a 7 premi Oscar, incluso miglior film e regia. Nel dicembre 2020 una versione con un nuovo montaggio del film, intitolata Mario Puzo’s The Godfather, Coda: The Death of Michael Corleone, è uscita in concomitanza con il 30° anniversario della versione originale.

L’immobile in vendita è il castello della famiglia Pennisi di Floristella situato ad Acireale. Il castello è stato messo in vendita sul sito di Sotheby’s Realty ad un prezzo di sei milioni di euro.

Costruito alla fine dell’800, il castello della nobile famiglia Pennisi di Floristella situata ad Acireale, è un bell’esempio di eclettismo, caratteristico dell’architettura dell’epoca, lo stile neogotico. L’affascinante maniero non solo ha ospitato illustri personaggi da tutto il mondo, ma è stato anche più volte scelto come location di noti film come “Un bellissimo novembre” di Mauro Bolognini, interpretato dalla splendida Gina Lollobrigida e “Il Padrino III” di Francis Ford Coppola, interpretato dal grande Al Pacino. Il fascino dei suoi anni intrisi di storia ed emozioni è ancora vivo oggi, con la sua superba regalità resistette al terremoto del 1908 e ai bombardamenti della seconda guerra mondiale da parte degli inglesi il cui intento era quello di colpire l’esercito tedesco che poco prima della guerra l’aveva requisito per farne un insediamento logistico e rappresentativo in cui erano presenti molti dei suoi alti rappresentanti. Situata in un paese, alle pendici meridionali dell’Etna, quasi affacciato sul mar Ionio, noto per il suo barocco, per le sue bellezze naturalistiche, per il suo litorale lavico, Acireale, ricco di sorgenti d’acqua e di verde, conserva questo baluardo adatto a diventare un importante hotel de charme e location per eventi o rappresentanza, ma anche residenza privata esclusiva.

Il castello conta ben 22 camere da letto, 8 bagni, una cantina, uno studio, una biblioteca e una cappella privata. L’edificio si sviluppa su 4.000 metri quadrati e si trova su una proprietà di 8.500 metri quadrati.