• Film

Il signore degli anelli: spettacolare corto “fan made” d’animazione ispirato al capolavoro di Tolkien (video)

“Il signore degli anelli” in un impressionante corto animato “fan made” ispirato al primo capitolo della trilogia capolavoro di Tolkien.

Il Signore degli Anelli di Tolkien è stato una tappa fondamentale nella nascita ed evoluzione del fantasy moderno, come lo sarà successivamente il “Dune” di Frank Herbert per la moderna fantascienza, ma se in molti ricordano la trilogia capolavoro di Peter Jackson, i fan più irriducibili non avranno dimenticato l’ambizioso ma sfortunato adattamento d’animazione del 1978 diretto dal regista e animatore Ralph Bakshi. Il film è noto per il suo ampio uso del rotoscoping, una tecnica che ibrida live-action e animazione tradizionale. Sebbene “Il Signore degli Anelli” di Bakshi all’epoca incassò bene, critiche negative e spettatori delusi, che giudicarono l’adattamento troppo compresso e quindi incompleto, un po’ come avvenne con il “Dune” di David Lynch, non ci fu un sequel ufficiale per coprire il resto della storia. Tuttavia il suggestivo adattamento di  Bakshi ha fortemente influenzato visivamente la trilogia di Peter Jackson, come rivelato dallo stesso regista nel commento incluso negli extra del DVD de “La compagnia dell’anello”.

La trilogia de “Il signore degli anelli” di Peter Jackson è stata girata simultaneamente e interamente in Nuova Zelanda dall’11 ottobre 1999 al 22 dicembre 2000, con riprese aggiuntive dal 2001 al 2004. È stato uno dei progetti cinematografici più grandi e ambiziosi mai intrapresi, con un budget di 281 milioni di dollari. La trilogia di Jackson è tra le saghe cinematografiche di maggior incasso di tutti i tempi con 2.981 miliardi di dollari incassati in tutto il mondo con 17 statuette vinte su 30 nomination all’Oscar. Dopo aver adattato “Il signore degli anelli” Peter Jackson ha portato sul grande schermo anche Lo Hobbit ampliandolo in una trilogia (2012-2014) sfiorando ancora i tre miliardi di dollari d’incasso nel mondo, ma stavolta la critica sarà meno entusiasta, l’utilizzo massivo di CGI scontenta i fan della trilogia originale e gli Oscar si limitano a candidature tecniche (costumi, trucco, scenografia, effetti speciali, sonoro) per un totale di 7 nomination e nessuna statuetta vinta. Per quanto riguarda l’eredità di Tolkien nella letteratura, il testimone era stato raccolto dal figlio Christopher, scomparso nel 2020, che ha curato diversi scritti inediti del padre come “Il Silmarillion”, “Racconti incompiuti”, “The History of Middle-earth”, “I figli di Húrin” e “La leggenda di Sigurd e Gudrún”.

Rimanendo nell’ambito dell’animazione, oggi vi proponiamo un trailer “fan made” davvero ben fatto che propone proprio una versione animata del Il signore degli anelli, ma se ne abbiamo visti di video amatoriali dedicato al classico di Tolkien, questo corto, ad opera dell’utente Patreon Eddie Sharam, è un lavoro impressionante dal notevole appeal visivo. Il corto di due minuti e mezzo comprime la storia da”La Compagnia dell’Anello” in circa due minuti e mezzo di vero talento.

Prima di lasciarvi al video realizzato da Copper Octopus Animation Studio vi segnalo commento e disclaimer del’autore:

Ho sempre amato Il Signore degli Anelli, quindi ho realizzato questo trailer animato della mia interpretazione de La compagnia dell’anello. Ecco Frodo, Gandalf, Aragorn, Boromir, Legolas, Gimli, Sam, Merry e Pipino nella prima parte dell’epica storia che cambierà tutte le loro vite. Il lavoro di Tolkien è così grande che mette soggezione adattarlo! Questo è un fan film non ufficiale, i personaggi e i diritti di ambientazione sono di proprietà di Middle-Earth Enterprises. Basato su personaggi e storia creati da JRR Tolkien.

Altre produzioni in arrivo…

Nel frattempo è ufficialmente in sviluppo un nuovo film d’animazione in stile anime ispirato alla saga “Il Signore degli Anelli” dal titolo “The War of the Rohirrim”, si tratta di un prequel ambientato 250 anni prima della trilogia principale. Prodotto da New Line Cinema e Warner Bros. Animation con l’animazione di Sola Entertainment, il film è diretto da Kenji Kamiyama da una sceneggiatura di Phoebe Gittins e Arty Papageorgiou. Il film racconta la storia di Helm Hammerhand aka Helm Mandimartello, uno dei personaggi di maggior successo nel canone Tolkeniano sebbene appaia soltanto nelle appendici de “Il Ritorno del Re”. Nono re di Rohan il cui regno fu tormentato dalla guerra con i Dunlandiani che tentarono di usurpare il suo dominio su Rohan, Helm divenne re alla morte di suo padre Gram, durante un periodo di crisi. Suo padre aveva già combattuto una guerra aperta con i Dunlandiani, che operavano dalla fortezza occupata di Isengard. Lo sviluppo del film è stato annunciato nel giugno 2021 con il coinvolgimento come consulente di Philippa Boyens, co-scenegiatrice della trilogia di Peter Jackson e degli scrittori iniziali Jeffrey Addiss e Will Matthews. Il Signore degli Anelli: The War of the Rohirrim sarà distribuito dalla Warner Bros. Pictures il 12 aprile 2024.

Inoltre è attualmente in post-produzione The Lord of the Rings: The Rings of Power, una serie televisiva live-action che andrà in onda in per il canale streaming Prime Video. Sviluppata da J.D. Payne e Patrick McKay, la serie è ambientata nella Seconda Era della Terra di Mezzo, migliaia di anni prima degli eventi de Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli. La serie è prodotta da Amazon Studios in collaborazione con Tolkien Estate and Trust, HarperCollins e New Line Cinema, con Payne e McKay in qualità di showrunner. Amazon ha acquistato i diritti televisivi de “Il Signore degli Anelli” per 250 milioni di dollari nel novembre 2017, impegnandosi nella produzione di cinque stagioni per un valore di almeno 1 miliardo di dollari. Ciò la renderebbe la serie televisiva più costosa mai realizzata. Payne e McKay sono stati assunti a luglio 2018, con il resto del team creativo rivelato un anno dopo. La serie si basa principalmente sulle appendici de “Il Signore degli Anelli”, che includono discussioni sulla Seconda Era, e presenta un cast ampio e diversificato da tutto il mondo. Per motivi legali, la serie tv non è una continuazione diretta delle trilogie di film “Il Signore degli Anelli” e “Lo Hobbit”, ma la produzione intendeva evocare i film con una scenografia simile e versioni più giovani dei personaggi. Le riprese della prima stagione di otto episodi si sono svolte in Nuova Zelanda, dove i film sono stati prodotti, da febbraio 2020 ad agosto 2021, con un’interruzione di produzione di diversi mesi durante quel periodo a causa della pandemia di COVID-19. La prima stagione è prevista su Prime Video il 2 settembre 2022. Nell’agosto 2021, Amazon ha annunciato che la produzione per le stagioni future si sarebbe svolta nel Regno Unito. Le riprese della seconda stagione dovrebbero iniziare entro la metà del 2022.

Fonte: FirstShowing