• Film

Jodorowsky’s Dune: trailer italiano e curiosità sul documentario sul film “Dune” mai realizzato

Dal 6 settembre nei cinema Jodorowsky’s Dune, il documentario di Frank Pravich che esplora la genesi del film di Dune mai realizzato.

Valmyn in collaborazione con Wanted Cinema porterà nei cinema il 6 settembre Jodorowsky’s Dune di Frank Pravich, l’affascinante documentario che esplora la genesi di una delle più grandi epopee del cinema mai esistita: l’adattamento del regista di culto Alejandro Jodorowsky del romanzo di fantascienza Dune di Frank Herbert, un film epico, la prima versione in assoluto su grande schermo del romanzo che avrebbe segnato un punto di svolta per il mondo cinematografico, ma che purtroppo non vide mai la luce e restò incompiuto. Anche se il progetto non vedrà mai la piena realizzazione, il film resterà un vivido sogno nell’immaginazione dei suoi creatori e sarà di ispirazione per molti altri registi, ultimo in ordine di arrivo il regista candese Denis Villeneuve con la sua versione dell’omonimo film che verrà presentata fuori concorso alla 78a Mostra del Cinema di Venezia.

La trama

La trama ufficiale: Nel 1975 dopo il successo di El Topo e La montagna sacra Alejandro Jodorowsky era il cineasta intellettuale più ricercato del mondo, aveva carta bianca e quello che voleva era realizzare il film più importante della storia del cinema, traendo spunto dai romanzi della saga di Dune di Frank Herbert. Il suo Dune, doveva essere un film rivoluzionario in grado di cambiare la mentalità delle giovani generazioni fornendo nuovi modelli di riferimento.Per fare questo il regista aveva coinvolto un team incredibile che comprendeva i designer H.R. Giger, Moebius e Chris Foss oltre all’esperto di effetti speciali Dan O’Bannon, le musiche dei Pink Floyd e attori come David Carradine, Mick Jagger, Salvador Dalì e Orson Welles. Attraverso interviste con leggende e luminari del tempo, tra cui H.R. Giger (artista, ALIEN), Gary Kurtz (produttore, Star Wars) e Nicolas Winding Refn (regista, Drive e Solo Dio Perdona), e attraverso un’intima e onesta conversazione con Jodorowsky filmata nel corso di tre anni, il film del regista Pavich – assieme alle realizzazioni mai viste prima dell’opera spaziale psichedelica di Jodo (animate dal già nominato agli Emmy Awards Syd Garon) – rivela finalmente l’intera saga del “più grande film mai realizzato”.

Jodorowsky’s Dune trailer

1

Curiosità

  • Croato-americano, originario di New York City, il regista Frank Pravich attualmente vive a Ginevra in Svizzera. Nel 1995, a soli 22 anni, ha diretto il documentario di musica cult-underground N.Y.H.C., successivamente ha co-prodotto Muori, Mamma Muori!! (Special Jury Prize – Sundance 2003) e per molti anni ha lavorato nello sviluppo di film e progetti per la televisione. Jodorowski’s Dune è il primo lungometraggio di Pavich ed è stato presentato in anteprima a Cannes nel 2013 alla Quinzaine des Realizateurs.
  • A “Jodorowsky’s Dune” ha collaborato il direttore della fotografia David Cavallo che ha girato l’acclamato documentario Nothing Can Hurt Me: The Big Star Story e il lungometraggio indipendente Anchors. Inoltre, ha girato numerosi programmi televisivi, video musicali e spot.
  • A “Jodorowsky’s Dune” ha collaborato l’animatore Syd Garon che ha diretto il film Wave Twisters (Sundance 2001; Best Midnight Movie prize al SXSW). Il suo secondo film, N.A.S.A. The Spirit Of Apollo, è co-diretto con Sam Spiegel. Nel 2012 è stato nominato agli Emmy Award come Outstanding Individual Achievement nella categoria Craft: Graphic Design & Art Direction per il documentario Superheroes di HBO.
  • Le musiche originali di “Jodorowsky’s Dune” sono del compositore Kurt Stenzel, fondatore della New York Hardcore Band SIX AND VIOLENCE nel 1985, noto per spettacoli teatrali che coinvolgono violenza reale, televisioni frantumate e tamburi distrutti con la motosega. Stenzel successivamente ha iniziato ad esibirsi con sintetizzatori analogici vintage con i BEYOND-O-MATIC e i SpacEKrafT, dando vita a un’esperienza artistica composta da musica ambient live e performance interattive video tattili. “Jodorowsky’s Dune” è il primo lungometraggio a cui collabora.
  • Gli studios di Hollywood avrebbero lasciato che Alejandro Jodorowsky girasse il film solo a condizione che durasse 1 ora e 50 minuti. Jodorowsky rifiutò, affermando che voleva fare un film di circa 15 ore. Questo è un malinteso comune: in realtà non ha mai pianificato che il film effettivo sarebbe durato 15-20 ore, ha fatto questa dichiarazione in un impeto di passione affinché la sua abilità artistica non sarebbe stata confinata o compromessa da una restrizione di durata (gli studios chiedevano 90-120 minuti di autonomia per motivi di profitto) affermando che avrebbe fatto il film della durata che voleva e non perché qualcuno voleva fare più soldi.
  • Alejandro Jodorowsky aveva originariamente pianificato di girare “Dune” nei primi anni ’70 e aveva chiesto l’aiuto di Jean ‘Moebius’ Giraud e H.R. Giger per creare lo stile visivo del film. Salvador Dalí fu arruolato per interpretare la parte dell’Imperatore, e Jodorowsky intendeva anche scegliere suo figlio Brontis Jodorowsky come Paul, David Carradine come il Duca Leto, Orson Welles come Barone e Gloria Swanson come Reverenda Madre Bene Gesserit. La colonna sonora doveva essere realizzata dai Pink Floyd, le cui composizioni avrebbero rappresentato la progressista Casata Atreides, e l’influente band progressive rock francese degli anni ’70 Magma, le cui composizioni avrebbero rappresentato la malvagia Casata Harkonnen. Secondo Jodorowsky, “Il progetto è stato sabotato a Hollywood. Era francese e non americano. Il loro messaggio era ‘non è abbastanza Hollywood’. C’erano intrighi, saccheggi. Lo storyboard è stato fatto circolare tra tutti i grandi studios. In seguito l’aspetto visivo di Star Wars (1977) somigliava stranamente al nostro stile, per realizzare Alien (1979) chiamarono Moebius [Giraud], Chris Foss, Giger, Dan O’Bannon, ecc. – Il progetto ha suggerito agli americani la possibilità di realizzare un grande spettacolo e un film di fantascienza, al di fuori del rigore scientifico di 2001: Odissea nello spazio. Il progetto di Dune ha cambiato le nostre vite. “Jodorowsky ha anche pianificato di apportare numerose modifiche al materiale originale, incluso rendere il Duca Leto un eunuco e la spezia una spugna blu. L’autore Frank Herbert disprezzava apertamente questi cambiamenti.
  • Questo film non realizzato avrebbe segnato l’unica apparizione sullo schermo del personaggio Lady Margot Fenring. Nonostante sia una Bene Gesserit di alto rango e parte delle loro macchinazioni nel romanzo di Herbert, il personaggio è stato completamente omesso dal film di David Lynch. Il suo ruolo nella storia è stato preso dalla principessa Irulan nella versione miniserie di SyFy Channel. Anche il marito di Margot, il conte Hasimir Fenring, aveva un ruolo significativo nella sceneggiatura di Jodorowsky, solo per essere completamente omesso dal film di Lynch. A differenza di sua moglie, è apparso nella miniserie SyFy, ma in un ruolo sostanzialmente ridotto rispetto a quello del libro.
  • Una scena tagliata ha mostrato che il concepimento di Alia sarebbe stato radicalmente diverso dal romanzo originale. Con Leto Atreides un eunuco, non sarebbe stato in grado di fecondare Jessica prima che lei e Paul partissero per il deserto. Secondo la scena Paul e Jessica avrebbero trovato il baule, nel quale il barone ha gettato le parti del corpo di Leto, lasciato nel deserto. Usando la stessa magia usata per restare incinta di Paul, Jessica avrebbe usato il sangue di Leto per concepire Alia.
  • In seguito al fallimento del film di Jodorowsky, nel 1976 Dino De Laurentiis acquisì i diritti dal consorzio di Gibon. De Laurentiis incaricò Herbert di scrivere una nuova sceneggiatura nel 1978; lo script che Herbert consegnò era lungo 175 pagine, l’equivalente di quasi tre ore di tempo sullo schermo. De Laurentiis ha poi assunto il regista Ridley Scott nel 1979, con Rudy Wurlitzer incaricata per la sceneggiatura e H. R. Giger trattenuto dalla produzione Jodorowsky. Scott intendeva dividere il libro in due film, lui e Wurlitzer lavorando su tre bozze della sceneggiatura nei successivi sette mesi. Uno dei loro controversi cambiamenti è stato rendere Paul il padre di Alia, con madre e figlio che decisero di concepirla insieme volontariamente. Dopo la morte inaspettata di suo fratello maggiore Frank per cancro, Scott lasciò il progetto. Wurlitzer e Giger se ne andarono poco dopo e nel 1981 un nuovo team creativo era sul progetto con David Lynch come regista.

Note di regia

La storia del Viaggio intrapreso da Alejandro Jodorowsky per portare avanti la sua personale versione di DUNE mi ha intrigato fin da subito per molte ragioni. Ogni giorno, innumerevoli progetti cinematografici si estinguono e muoiono ancora prima di essere pienamente realizzati. Solitamente ciò che ne rimane sono una manciata di bozze della sceneggiatura e la lista degli attori desiderati per completare il cast. E’ estremamente raro imbattersi in un progetto così vicino alla fine e alla sua piena realizzazione. La favola di Jodorowsky e del suo DUNE è un affascinante viaggio attraverso la creatività e l’immaginazione, la storia della ricerca implacabile di un sogno e di quanto sia necessaria l’Arte. Non è la storia di un fallimento. E’ esattamente l’opposto: si tratta della storia di un artista che ha saputo prendere un potenziale insuccesso e renderlo un grande successo, andando oltre il suo tempo con un’evoluzione infinita di idee e un continuo slancio creativo che durò fino agli anni ‘80. Questo film narra di un’unica ambizione: l’ambizione di cambiare il mondo attraverso l’Arte. [Frank Pavich]

Foto e poster